Parola al cittadino. "Le piazze mercato di Grottaglie vanno valorizzate"

  • Pubblicato in Economia

E' giunta in redazione la seguente osservazione di un cittadino coinvolto direttamente ed interessato alle sorti delle due piazze mercato di Grottaglie.

"Credo che le due piazze mercato di Grottaglie (site una in via Campitelli, l'altra in via Delle
Torri), siano una grande risorsa per la nostra comunità ma, purtroppo, vertono ancora in una condizione di dimenticanza delle Istituzioni. Mi piacerebbe che, queste due nostre realtà commerciali, divenissero competitive sul mercato, animate, vissute, complete di servizi al pari di altre città nazionali ed internazionali. Spero di poter avere, nella mia Grottaglie, due mercati ripopolati, intesi come luoghi di aggregazione sociale e significativi per la città e i cittadini. Bisognerebbe farli divenire vitali anche per tutti gli "artigiani del gusto" e della nostra tradizione ceramica, affinché il momento della spesa non si riduca all'acquisto di limitati prodotti. Li immagino come luoghi di intrattenimento, con all'interno dei piccoli slow food o dei bar per poter consumare, da soli o in compagnia, delle prelibatezze genuine derivanti, magari, dall'utilizzo di materie prime in vendita nello stesso mercato. Le piazze mercato fanno parte della nostra tradizione, rivalorizziamole!"

firmato F.V.

Leggi tutto...

Annicchiarico (Sud in movimento): "Sindaco e Pd ormai annaspano!"

 

"Apprendiamo con stupore che a Grottaglie esiste il PD e che il sindaco Alabrese si è accorto che ci sono dei problemi - si legge nel comunicato stampa di Giovanni Annicchiarico, presidente di Sud in movimento - Bene, si fa per dire! Ma non si capisce perché, essendo loro incapaci di risolvere anche il più elementare problema della città, addossano all’opposizione le responsabilità dei propri fallimenti, non ultimo l'interruzione della campagna amica".
È doveroso precisare - continua il presidente - che gli accordi presi in consiglio comunale prima, ed in commissione poi, consistevano nell’ avviare una serie di iniziative (tra cui Campagna Amica), all’interno del mercato di via delle Torri, previo accordo in commissione, con le varie organizzazioni interessate. Di fatto però, questo passaggio istituzionale non è mai stato fatto, anzi non si sa bene chi ha stretto accordi con la Coldiretti, violando il patto democratico. La domanda dunque nasce spontanea: a che gioco stanno giocando il Sindaco e il Pd? Forse è giusto pensare che non hanno letto le carte delle commissioni o stanno solo bluffando per nascondere la loro incapacità amministrativa? Le accuse di speculazione politica dell’opposizione, vanno rispedite al mittente, in quanto non più tardi di cinque giorni fa, il consigliere del Sud in Movimento Avv. Ciro D’Alò ed il capogruppo del Pd, dopo sollecito telefonico di quest’ultimo, si sono recati al mercato di via delle Torri. Una volta sul posto, dopo avere discusso con i commercianti, lo stesso Massimo Serio ha apprezzato, in presenza degli esercenti (tra cui anche un candidato nelle loro liste) la correttezza dell’operato del Consigliere Avv. Ciro D’Alò, dovendo constatare che non vi è mai stata alcuna speculazione politica, ma solo l’esercizio della funzione di consigliere comunale.
Stando così le cose - conclude Annicchiarico - il Sindaco ed il suo partito (ammesso che funzioni ancora) farebbero meglio a confrontarsi in casa loro, magari parlando prima con il proprio capogruppo e solo dopo scrivere comunicati stampa. Eviterebbero così di ripetere sempre le solite brutte figure".
Leggi tutto...

I commercianti di Grottaglie alzano la testa e abbassano le serrande!

 

Giovedì 29 marzo nell’aula consiliare di Grottaglie si è svolta una riunione, autoconvocata dai commercianti dei mercati di via delle Torri e via Campitelli, alla quale hanno partecipato anche operatori commerciali di altre zone.
I presenti hanno constatato che dopo la lettera del luglio scorso inviata al sindaco e dopo il Consiglio comunale monotematico di ottobre, nulla è cambiato ed i problemi evidenziati in quelle occasioni sono addirittura peggiorati: la presenza fissa di ambulanti nelle immediate vicinanze dei mercati, il cattivo stato e la scarsa igiene delle strutture, la scarsità di parcheggi e le soste senza alcun ordine e vigilanza nei pressi delle due piazze, rappresentano le problematiche maggiori.
E' stato inoltre rilevato che, non avere fatto svolgere l’iniziativa “Campagna amica” (come preventivato), all’interno del mercato di via delle Torri, al quale è stata preferita piazza Principe di Piemonte, ha finito col rendere del tutto deserto il suddetto mercato coperto
All’assemblea era presenti, circa una trentina di commercianti, i quali si sono dichiarati decisi anche a ricorrere alla serrata, nel caso in cui Sindaco, Giunta e Assessore al ramo,al di là delle promesse, dovessero continuare a non prendere provvedimenti di fronte ad una situazione che peggiora sempre più. Intanto hanno convocato una conferenza stampa per giovedì 12 aprile.
Alla riunione erano presenti anche i consiglieri Ciro D’Alò di Sud in Movimento, Mauro Liuzzi di Sinistra Ecologia e Libertà, Etta Ragusa di Rinascita Civica - Città Attiva.
 
Comunicato Stampa Assemblea dei Commercianti
 
Leggi tutto...

Sud in Movimento: "Che ne sara' del mercato di Via delle Torri?"

  • Pubblicato in Politica

 

L'opposizione cittadina, come il ruolo le richiede, non manca di porre critiche alla maggioranza in consiglio comunale. Questa volta è il turno di Sud in Movimento, che in un comunicato stampa boccia l'operato dell'amministrazione.
 
"Lo scorso lunedì - 21 novembre 2011 - presso la Sala consiliare di Palazzo di Città, si è tenuto il Consiglio Comunale monotematico durante il quale si è discusso della situazione del mercato coperto di Via delle Torri e dell’ambulantato abusivo, argomento fortemente voluto e sollecitato da Sud in Movimento e sottoscritto da diversi consiglieri di opposizione. Oltre all’assenza di delibere e di impegni scritti, il clima percepito è quello di una maggioranza spaesata alla quale manca forse l’interesse di risolvere una situazione incresciosa e grave che si trascina da diverso tempo: un mercato coperto ormai vuoto, commercianti abbandonati e per giunta vessati da un’altra terribile piaga: l’ambulantato abusivo per le vie del nostro paese.
In consiglio, i vincitori delle elezioni non hanno preso nessuna posizione: solo interventi volti più che altro a tastare il territorio, “annusare” le posizioni altrui, senza esporsi e soprattutto senza proporre alcunché, decidendo, forse nelle stanze dei loro partiti, di rinviare il problema alle commissioni apposite, ove eventualmente proporre soluzioni e fare chiarezza sugli interventi da adottare.
Quello che è scaturito ancora una volta è la totale paralisi della maggioranza nonché il generale imbarazzo della stessa nell’affrontare tematiche nuove su cui l’opposizione è palesemente più competente e propositiva: eco-piazza, mercati equi e solidali, ristrutturazione e/o reinvenzione del sito di Via delle Torri, impiego della struttura h24 al fine di garantire un punto di riferimento non solo alla cittadinanza, ma anche al turista ecc.ecc.
La forte “preoccupazione” nutrita per le sorti di un mercato coperto storico come quello di Via delle Torri non ha prodotto che timidi accenni di capo e malcelato imbarazzo da parte della maggioranza che purtroppo ancora una volta esibisce la propria  forza solo dietro accesi attacchi mirati a svilire le più legittime delle domande.
Il clima si  è poi scaldato ulteriormente quando si è sottolineata la contraddittorietà delle  dichiarazioni di alcuni consiglieri di maggioranza ai quali si è ricordato: in primis che in  vent’anni di loro governo non hanno mai risolto il problema e che essi stessi, nella scorsa  amministrazione, hanno approvato deliberando l’adozione del Piano  Particolareggiato per il recupero del Centro Storico e del Quartiere delle Ceramiche del Prof. Cervellati, (delibera n. 29 dell’11 maggio 2007) nel quale si prevede la demolizione del suddetto mercato coperto. Da parte del Partito Democratico l’Unica proposta è stata quella di suggerire ai commercianti di fare un iniziativa “castagne e vino”.
Diventa chiaro allora che in seno al consiglio ci sia un contesto nuovo, caratterizzato da un’opposizione lucida, competente e presente a dispetto di una maggioranza impreparata e abituata da 20 anni a una democrazia misurata sulla timida alzata di mano dei presenti (e non). Ancora una volta infatti i principi democratici languono in quella coalizione al cui capo si trova un partito che invece se ne fa nome.
Ad oggi dunque, non si capisce quali saranno le sorti del mercato di via delle torri, infatti la maggioranza, a parte le parole, non ha voluto approvare un impegno concreto nel quale cristallizare il mantenimento di quella struttra.
A confermare che quella della maggioranza è una politica di sole parole, c’è il fatto che nonostante il sindaco avesse garantito al consigliere di Sud in Movimento, Ciro D’Alò, un impegno personale nel garantire i diritti dei non udenti, facendo inserire
sulle affissioni pubbliche, che durante i consigli comunali a richiesta dei non udenti è possibile richiedere l’interpete LIS, a dstanza di 7/8 consigli comunali, nulla è stato fatto, infatti nessuna dicitura è stata inserita, forse il sindaco era troppo impegnato a presenziare alle varie feste ed inaugurazioni, per realizzare gli impegni presi,  dimenticando che ora che hanno vinto le elezioni i problemi deve iniziare a risolverli."
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up