Posizionati i due defibrillatori a Grottaglie

  • Pubblicato in Sociale

I due defibrillatori donati alla città di Grottaglie dall'associazione "Medici per San Ciro Onlus" e dalla BCC di San Marzano di San Giuseppe sono stati posizionati nei totem collocati il 29 gennaio 2015 in piazza Principe di Piemonte e in piazza Regina Margherita.

"L'installazione in città di due defibrillatori pubblici " ha detto il vice sindaco Maurizio Stefani "non rappresenta solo un mezzo per intervenire tempestivamente in caso di attacco cardiaco, ma costituisce anche un segno tangibile di civiltà presente sul nostro territorio. La collaborazione avviata già da un paio d'anni con Medici per San Ciro, ha permesso la diffusione nella nostra città della cultura alla prevenzione e alla salvaguardia della salute. Questa sinergia fra istituzioni, enti, associazioni ed imprese, è un modello al quale la nostra amministrazione aderisce con orgoglio".

I defibrillatori , che sono posti in area coperta da telecamere di sorveglianza, potranno essere utilizzati da chiunque sia stato formato al loro uso, previa chiamata al 118. Il 118 darà informazioni anche a coloro che non sanno utilizzarlo, guidandoli ad intervenire con "due mani sul torace". A tal fine, l'associazione Medici per San Ciro e il comune di Grottaglie, si attiveranno per provvedere alla formazione BLS-D dei commercianti delle attività site nei pressi delle due piazze in cui sussistono i totem. Si rende necessario tranquillizzare tutti i cittadini, che il defibrillatore scarica solo quando, applicando le piastre, riconosce un'aritmia fatale.

"Siamo certi", ha dichiarato il Sindaco, Avv. Ciro Alabrese, "che la donazione dei due totem con defibrillatori sia stato un atto apprezzato dall'intera cittadinanza grottagliese. Non possiamo che essere grati all'associazione Medici per San Ciro Onlus e alla BCC di San Marzano di San Giuseppe per aver fornito la Città di Grottaglie di un modello che aiuta a far crescere la cultura della tutela della vita. Adesso, dobbiamo sentirci tutti custodi e responsabili dei due apparecchi salvavita perché, come viene riportato sugli stessi: "Se verrà rubato, nessun cuore potrà essere salvato".

Leggi tutto...

Dite la vostra: telecamere si o no?

  • Pubblicato in Sociale

La cronaca racconta di una serie di abusi sui bambini, perpetrati anche dai loro insegnanti, sugli anziani, i diversamente abili e gli animali. Sempre più strutture pubbliche e private ricorrono all'attivazione di sistemi di videosorveglianza per motivi di sicurezza. Il tutto, deve avvenire nel rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati personali, tutela della dignità, dell'immagine, del domicilio e luoghi come ad esempio toilette, cabine, spogliatoi, camere d'albergo. Occorre, poi, che le telecamere siano necessarie, ovvero sia evitato l'uso superfluo, e che siano installate solo laddove altre misure siano insufficienti. Infine, senza una denuncia e sospetti fondati , le forze dell'ordine non possono intervenire. Questo, per dire cosa? Alla luce di ciò che è successo a Taranto nei giorni scorsi, e che purtroppo accade in ogni zona d'Italia e del mondo, dove due maestre di una scuola d'infanzia sono state sospese dalla professione in attesa del processo che le vedrà imputate per il reato di maltrattamenti su minori, cosa ne pensa la popolazione su queste norme? In Italia c'è un alto tasso di disoccupazione, gente per bene che vorrebbe lavorare. Non sarebbe meglio non reintegrare mai più gente condannata per tali infamanti e deplorevoli fatti e dare spazio a gente più meritevole di ricoprire alcuni ruoli così delicati? La legge farà il suo corso. I genitori e/o parenti delle vittime forse però, preferirebbero che alla privacy di chi peraltro, se sa di comportarsi bene non ha niente da temere, prevalesse il diritto degli indifesi.

Leggi tutto...

Furto alla Monte dei Paschi di Grottaglie

  • Pubblicato in Cronaca

Furto da professionisti, nella notte, nella filiale del Monte dei Paschi di Siena di via Delle Torri, angolo Via Diaz a Grottaglie. Una banda di 4/5 ladri, tutti incappucciati, si è introdotta nell'istituto di credito forzando la porta di ingresso con arnesi atti allo scasso e, una volta riusciti a sradicare un bancomat interno, lo hanno portato via. I malviventi
sono riusciti a fuggire a bordo di una station wagon. I danni sono ancora da quantificare. Sul posto la Polizia del Comando di Grottaglie diretta dal Dott. Vincenzo Maruzzella. Si cercano testimonianze e si visionano i filmati delle telecamere a circuito chiuso presenti nella zona per poter identificare il prima possibile gli autori del reato.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up