Dalla salvezza di Vico Equense ad un nuovo campionato: ecco il 2014 dell'Ars et Labor Grottaglie

  • Pubblicato in Sport

18 Maggio 2014: il Grottaglie, grazie alla vittoria ottenuta nello spareggio playout contro il Vico Equense, conquista la permanenza in serie D, mandando in visibilio i centocinquanta giunti in Campania e tutti i tifosi biancoazzurri costretti a seguire la partita da casa; probabilmente, l'emozione più forte del 2014 è stata questa. Ma ripercorriamo insieme le tappe di un anno che, a dirla tutta, ha anche regalato troppe delusioni.

Leggi tutto...

Festa salvezza per il Grottaglie: ufficiale il "rompete le righe"

  • Pubblicato in Sport

Si è chiusa ufficialmente ieri la soffertissima stagione del Grottaglie, la tredicesima consecutiva in serie D. Per la verità, dopo la vittoria di Vico Equense, garante dell'ennesima salvezza per i biancoazzurri nel massimo campionato dilettantistico nazionale, gli uomini di Pettinicchio avrebbero già potuto festeggiare, ma la morte dell'ex presidente Giuseppe Ciracì ha fatto sì che la festa fosse rinviata di una settimana. Ed allora, nella serata di ieri, allo stadio "D'Amuri", si sono sfidati staff tecnico, calciatori, dirigenti ed anche un buon numero di tifosi in una partita amichevole, giocata a metà campo. Occasione, questa, per passare tutti insieme una serata all'insegna della gioia e celebrare una salvezza giunta sul filo di lana, visto lo score negativo delle ultime giornate di campionato. I tifosi hanno voluto omaggiare i protagonisti principali di quest'impresa, consegnando un riconoscimento al presidente Leonzio D'Amicis, il quale ha mostrato impegno, passione e attaccamento alla causa Grottagliese, al dottor Palmisano, che ha dato una grossa mano in termini economici affinchè i biancoazzurri potessero salvarsi, al mister Giacomo Pettinicchio, colui che a Grottaglie è in grado di rendere possibile l'impossibile (una promozione in serie D, un terzo posto, una finale di Coppa Italia, tre salvezze) ed infine ad un personaggio divenuto ormai "Vurtagghiese", Saimir, che sin dallo scorso anno si è interessato in prima persona agli sviluppi calcistici della città delle ceramiche. Alla fine di tutto ciò, c'è stata una grigliata. Il Grottaglie chiude così, tra gioia ed entusiamo, la stagione agonistica 2013/2014. Ora, bisogna progettarne un'altra: la speranza è che si possa ripartire da questo clima, progettando una stagione serena che con il tempo possa regalare ancora tante soddisfazioni.

Leggi tutto...

Grottaglie, parla Davide Negretti: "Salvezza sofferta, ma meritata"

  • Pubblicato in Sport

E' passata una settimana dall'impresa di Vico Equense, ma in casa Grottaglie l'euforia è ancora tanta. Ciò è testimoniato dalle parole di Davide Negretti, numero uno biancoazzurro, che si è gentilmente offerto ad essere sottoposto ad un'intervista per "Grottaglie24". Tanti gli argomenti toccati: in particolare, nonostante la distanza, il portiere si dice disposto a rimanere a Grottaglie, piazza con la quale ha legato molto, nonostante la sua sia stata per lo più una parentesi, piuttosto che una vera e propria esperienza. 

Leggi tutto...

Grottaglie, Massimo Fumai: "Ero sicuro che ce l'avremmo fatta"

  • Pubblicato in Sport

Il giorno dopo l'esaltante vittoria di Vico Equense, "Grottaglie24" ha intervistato Massimo Fumai, autentico trascinatore del Grottaglie con un gol ed un assist. Di seguito, riportiamo le parole del funambolo biancoazzurro, che ha parlato di presente e si è anche detto disposto a restare a Grottaglie di fronte ad un buon progetto.

Leggi tutto...

Grottaglie: la serie D passa ancora per i playout

  • Pubblicato in Sport

Domenica prossima, allo stadio "Massaquano" di Vico Equense, il Grottaglie sarà chiamato all'impresa di battere a domicilio i padroni di casa: questi ultimi avranno a disposizione due risultati su tre per mantenere la categoria, mentre i biancoazzurri dovranno necessariamente vincere in virtù del peggior piazzamento in classifica nella regular-season. Per il Grottaglie sarà la quarta partecipazione agli spareggi salvezza: la prima è datata 2003/2004, con i biancoazzurri, anche in quel caso allenati da Giacomo Pettinicchio, che impattarono 0-0 a Cassino e vinsero, sul neutro di Rutigliano, per 1-0. Decisamente più dolorosa fu invece la stagione 2008/2009: il Grottaglie, costruito per vincere il campionato, pareggiò al "D'Amuri" 0-0 e perse al "Degli Ulivi" di Bitonto per 1-0. Fu solo il ripescaggio a salvare la squadra dal baratro dell'eccellenza; in quell'occasione, l'allenatore era Dino Orlando. L'ultima partecipazione ai playout fu due stagioni fa, quando i biancoazzurri persero 2-1 a Nocera, contro il Real Nocera superiore, ma si imposero con lo stesso risultato a domicilio: il Grottaglie restò quindi in serie D per il miglior piazzamento in classifica rispetto ai Campani. Il trainer biancoazzurro era Vincenzo Pizzonia. Lo scorso anno, invece, a causa dell'elevato distacco dalla sest'ultima in classifica, il Grottaglie(allenato da Claudio Pellegrino), retrocesse direttamente senza avere la possibilità di disputare lo spareggio: come accaduto quattro anni prima, fu ancora il ripescaggio ad evitare l'eccellenza. Domenica, invece, la situazione sarà ben delineata: per restare in serie D, la squadra dovrà necessariamente vincere, poichè in caso di parità (anche dopo i tempi supplementari), sarebbero i Campani a stappare lo spumante; inoltre, in caso di retrocessione, il Grottaglie non potrebbe più usufruire del ripescaggio: in tal senso, il regolamento è ben chiaro, infatti una stessa società può essere ripescata nuovamente a tre anni di distanza dall'ultimo ripescaggio. Quindi, bisognerà unire le forze e vincere a Vico Equense: la salvezza, questa volta, passerà solo dal campo.

Leggi tutto...

Grottaglie: ci devi credere

  • Pubblicato in Sport

Appena due mesi fa, il Grottaglie non era certo di disputare i play-out, poichè le ultime prestazioni, a cui si aggiungono la bellezza di ben 13 punti in nove gare, avevano fatto presagire ad una salvezza diretta. Oggi, invece, la musica è drammaticamente cambiata: i biancoazzurri sono reduci da un'incredibile serie di sconfitte (ben otto), intervallate dal misero punto conquistato in casa contro il Real Vico Equense, che hanno fatto in modo da far ritrovare la squadra ultima in classifica (a pari punti con il Gladiator). Chi siano i responsabili di questo clamoroso "harakiri" non è lecito dirlo. Almeno per ora. Domenica, infatti, gli uomini di Pettinicchio cercheranno di riagganciare il treno play-out, anche se l'avversario non è dei più semplici: ospite al "D'Amuri", infatti, sarà la Turris, attanagliata da problemi societari, ma che in rosa vanta calciatori che con la serie D hanno ben poco a che fare. Ma il Grottaglie non può permettersi di guardare in faccia nessuno, poichè Domenica conteranno solo i tre punti, fondamentali per scongiurare il rischio retrocessione diretta; ma sia chiaro, vincere non implica salvarsi: si alimenterebbe soltanto l'obiettivo permanenza, indispensabile per il futuro del calcio Grottagliese. Per questo, sarà necessario mettere da parte i rancori nati contro i tesserati in questi ultimi due mesi: non è oggi il momento di giudizi, quelli si faranno a campionato concluso. Ora, è necessario remare tutti dalla stessa parte. Tutta la popolazione Grottagliese, quindi, è invitata a riempire la tribuna dello stadio per sostenere la squadra e spingerla verso gli spareggi, crocevia fondamentali per sperare ancora di salvare la serie D, patrimonio della città delle Ceramiche da 14 anni. L'appuntamento è fissato Domenica alle ore 15:00.  

Leggi tutto...

A Bisceglie per vincere

  • Pubblicato in Sport

Il Grottaglie è chiamato a vincere in quel di Bisceglie, in una gara che per i biancoazzurri ha il sapore di ultima spiaggia: un eventuale passo falso potrebbe costar caro agli uomini di Pettinicchio, che vedrebbero avvicinarsi notevolmente il baratro dell'eccellenza, per la verità già distante appena un punto. Si respira tutt'altra aria, invece, in casa Bisceglie: agli uomini di Prayer basta veramente poco per ottenere la salvezza matematica della categoria, obiettivo minimo per una squadra allestita in estate con aspettative da vertice. Per l'ultima trasferta stagionale, mister Pettinicchio dovrà rinunciare a capitan De Toma, appiedato dal giudice sportivo, e ai vari Quaranta, Sanna (alle prese con infortuni muscolari), Fumai (ancora febbricitante) e Palmisano (out per motivi personali).

Leggi tutto...

Ars et Labor: un'amichevole per festeggiare la salvezza!

  • Pubblicato in Sport

Si giocherà stasera, al D'Amuri, alle 19 e 30, la partitella "in famiglia" voluta ed organizzata dalla società grottagliese per congedarsi da questa stagione ma soprattutto per festeggiare la salvezza raggiunta domenica 27 maggio nel ritorno play out contro i campani del Real Nocera.

Un'occasione per vedere all'opera quella che è risultata essere la squadra più giovane del campionato di Serie D da Roma a giù. Una formazione che è riuscita a scansare il pericolo dell'Eccellenza e che, per buona parte, si appresterà dopo il periodo di pausa estivo all'undicesima volta consecutiva in Serie D. Una costanza di risultati notevole ma che se visti da una prospettiva diversa potrebbero anche essere intesi come una sorta di immobilismo della società biancazzurra, ancora non in gradi di metter su una squadra se non da promozione, quanto meno da metà classifica, che non costringa i suoi tifosi a finali da cardiopalma, come accaduto in questa stagione appena terminata. 

Ma adesso è forse fin troppo presto per poter parlare di progetti realmente futuri e realistici. Al momento c'è il presente: una formazione  appena salvatasi tra mille problemi, desiderosa di poter festeggiare assieme ai propri tifosi la permanenza in Serie D. 

Leggi tutto...

Ars et Labor: il Grottaglie e' salvo! Sara' ancora serie D!

  • Pubblicato in Sport

Salvi! I ragazzi di Pizzonìa battono il Real Nocera di Montalbano e riagguantano una serie D che in questi play out sembrava essersi allontanata. Al D'Amuri va in scena una vittoria che sa di impresa: il Grottaglie vince (era l'unico risultato possibile per salvarsi) nonostante il vantaggio della squadra nocerina già al 12' e l'errore dal dischetto di De Angelis. Vince grazie alle reti di Lenti e D'Angelo che ribaltano il risultato e scacciano via le tenebre di una retrocessione. 

Al D'Amuri, per il grande appuntamento, presenti anche il Sindaco Ciro Alabrese e il presidente Ciracì, oltre a circa 1200 spettatori a gremire gli spalti come non accadeva da troppo tempo. 

L'approccio iniziale del Grottaglie è di quelli pessimi, soprattutto se si tiene in conto di cosa ci si sta giocando. I padroni di casa sono contratti, probabilmente risentono della tensione e si fanno trovare impreparati già al 12' quando il tiro - cross di Polichetti sorprende tutti e porta il Real Nocera sull'uno a zero. Inizio peggiore non poteva esserci. La già precedente "condanna" alla vittoria dell'Ars et Labor diventa così più pesante, con i grottagliesi costretti a raggiungere prima il pari e poi l'eventuale gol della rimonta, stando sempre con più di un occhio in difesa. 

Il Grottaglie però reagisce e dopo appena 4 minuti dal gol incassato, guadagna un rigore quando Nucera (poi ammonito) strattona De Angelis in area. Rigore. Sul dischetto ci va proprio il numero 9 grottagliese, ma il Montalbano intuisce e para. I ragazzi in maglia biancazzurra non demordono e di nuovo Nucera al 23' offre una grossa mano alla causa grottagliese entrando duro su D'Arcante e  rimendiando il secondo giallo della gara, con conseguente espulsione. L'allenatore dei campani corre ai ripari richiamando Longo e affidandosi a Caraviello per riformare una difesa a quattro, mentre Pizzonìa prova ad approfittarne avanzando Pinto e portando Scalese nel ruolo di seconda punta. I grottagliesi ritemprati dalla superiorità numerica, crescono e vanno in gol al 44' con D'Angelo che però è in posizione di fuori gioco e vede annullarsi la rete. 

Al rientro dagli spogliatoi, Pizzonìa opera subito due cambi, inserendo Lenti e Lucà per D'Arcante e Cantoro. La gara diventa un monologo biancazzurro, la mole di gioco prodotta porta i suoi frutti al 57' quando il nuovo entrato Lenti ci prova dalla distanza, e complice una deviazione, mette a segno il gol del pareggio. Il D'Amuri esplode e il Grottaglie ritorna ufficilamente in corsa per l'ultimo posto rimasto in serie D. Il forcing prosegue senza sosta e a 6 minuti dal termine l'ottavo corner grottagliese è decisivo: batte Lenti che sul secondo palo trova D'Angelo che anticipa tutti e insacca. E' 2 a 1 per il Grottaglie. Il Real Nocera ha ben 8 minuti di recupero a sua disposizione, ma gli jonici resistono e rischiano addirittura il terzo gol con De Angelis che, con Montalbano in area grottagliese, ci prova dai 35 metri ma manca di poco la porta sguarnita. 

Al triplice fischio, via le tensioni, le paure e il cardiopalma, spazio alla gioia per un Grottaglie finalmente salvo che sarà ancora lì, l'anno prossimo, tra le formazioni storiche della serie D. 

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up