Donatelli (Pd): "Lo sviluppo del territorio passa da porto e Arlotta"

  • Pubblicato in Politica

 

Il Congresso Provinciale del Partito Democratico jonico ha approvato all’unanimità un ordine del giorno presentato dall'ex vice sindaco e consigliere comunale di Grottaglie Francesco Donatelli.
 
Lo sviluppo del territorio jonico - si legge nel documento - passa innanzitutto dalla valorizzazione e dalla messa in rete delle due grandi infrastrutture trasportistiche presenti sul territorio: il porto di Taranto e l’aeroporto di Grottaglie.
Dopo anni di rivendicazioni e di lotte sindacali, finalmente è stato acquisito il finanziamento CIPE della piastra logistica del porto di Taranto, per un investimento complessivo di 218 milioni di euro.
L’aeroporto di Taranto-Grottaglie fa parte del sistema aeroportuale pugliese comprendente anche gli aeroporti di Bari, Brindisi e Foggia. Il Piano Regionale dei Trasporti attribuisce all’aeroporto di Taranto-Grottaglie una destinazione cargo e il complementare trasporto passeggeri.
A seguito di un investimento di circa 200 milioni di euro è stata realizzata, anche per le esigenze dell’insediamento Alenia, la piattaforma logistica aeroportuale. L’aeroporto “Arlotta” è stato dotato così dei più moderni impianti e sistemi che consentono le operazioni di arrivo e partenza nella massima sicurezza e, dal 15 dicembre 2006, è stato aperto formalmente al traffico aereo nazionale e comunitario.
Oltre ad una pista di 3200 metri, tra le più lunghe d’Italia, sono garantiti i servizi aeroportuali di handling, antincendio, rifornimento carburante, controllo del traffico aereo, informazioni volo, meteorologia, manutenzione di impianti luminosi, telecomunicazioni e radioassistenza oltre a dogana, polizia e servizio sanitario.
Con delibera 55/2007 la Comunità Europea ha autorizzato finanziamenti per circa 4.700.000 euro espressamente per le tratte aeree Taranto-Roma e Taranto-Milano, mai impiegati allo scopo, ma utilizzati per le esigenze degli altri aeroporti pugliesi. Inoltre, nel bilancio consuntivo 2009 di Aeroporti di Puglia sono indicati investimenti destinati all’aeroporto di Taranto per oltre 117 milioni di euro di cui 2.800.000 per handling e 8.870.000 per ammodernamento aerostazione, lavori che non risulta siano stati eseguiti.
Allo stato attuale la piattaforma logistica aeroportuale di Grottaglie ha un limitato utilizzo, quasi esclusivamente a servizio di Alenia.
Ciò in quanto Aeroporti di Puglia non ha completato le necessarie infrastrutture per un pieno utilizzo del trasporto cargo. Ma anche perché continua ad ostacolare l’uso per voli passeggeri nonostante il Consiglio Regionale, sulla base di un ordine del giorno presentato dai consiglieri regionali tarantini, ha riconosciuto all’unanimità il diritto per la nostra comunità ad utilizzare l’Arlotta anche per voli civili.
 
Per queste motivazioni l’Assemblea congressuale del PD, impegna il partito jonico a lavorare per ritrovare una rinnovata stagione di sinergia istituzionale (Comuni di Taranto, Grottaglie, Monteiasi e Carosino, insieme a Provincia, Regione, Autorità Portuale, Aeroporti di Puglia, associazioni imprenditoriali e sindacali)  per mettere a sistema il porto di Taranto, e l’aeroporto di Grottaglie al fine di costruire una piattaforma logistica integrata di straordinaria rilevanza per l’economia locale e regionale per raggiungere due fondamentali obiettivi.
1. Rendere effettivo l’uso dell’aeroporto come trasporto cargo completando le necessarie infrastrutture per far insediare compagnie come la olandese KLM che ha già manifestato un grande interesse per lo scalo grottagliese.
2. Lavorare per superare tutti gli ostacoli frapposti da Aeroporti di Puglia e da altri Enti per l’utilizzo dell’aeroporto anche come scalo per passeggeri.
Gli strumenti ci sono:
il Piano territoriale propedeutico alla pianificazione dell’area aeroportuale di Grottaglie redatto, su richiesta della Regione da Aeroporti di Puglia, oggetto del Protocollo d’Intesa firmato dai Sindaci dei Comuni di Taranto, Grottaglie, Monteiasi e Carosino, insieme a Provincia di Taranto e Regione Puglia. Un Piano che ha l’obiettivo di tutelare e sviluppare l’area aeroportuale e mettere a sistema il Porto di Taranto con l’Aeroporto di Grottaglie realizzando così la completa intermodalità trasportistica e sviluppando le due retroportualità. Condizione favorita anche dal riconoscimento del Distretto Logistico Pugliese che ha la sua sede a Taranto.
Le risorse finanziarie già destinate al territorio jonico come i 5 milioni previsti per Grottaglie con il Bando diretto alla concessione di contributi pubblici per l’attivazione di nuove rotte aeree andato poi deserto. Ma anche i 12 milioni assegnati alla Provincia di Taranto per realizzare la rete viaria attorno al polo logistico aeroportuale di Grottaglie e i quasi 12 milioni di investimenti destinati all’aeroporto di Taranto risultanti dal bilancio consuntivo 2009 di Aeroporti di Puglia.
Leggi tutto...

Aurelio Marangella e' il nuovo segretario del Pd di Grottaglie

  • Pubblicato in Politica

Aurelio Marangella è il nuovo segretario del Pd grottagliese. Dopo una fase precongressuale segnata, come annunciato da Grottaglie 24, da forti tensioni politiche, si è proceduto al dibattito tra gli iscritti, che ha evidenziato in maniera chiara una netta divisione tra "due anime" del Pd locale.

All'ex-Ds Marangella sono andati 143 voti (76,6%), mentre all'ex Margherita Giuseppe Ciniero 45 voti (23,94%). Per quanto riguarda l'elezione dei delegati che giorno 29 esprimeranno il nuovo segretario provinciale del Pd, 126 voti sono andati a Francesco Parisi (il 69,61%) e 55 preferenze (30,39%) al Sindaco di Palagiano, Rocco Ressa.

Il nuovo organismo dirigente del Partito Democratico di Grottaglie sarà composto da 30 elementi, in perfetta parità di genere: 15 uomini e altrettante donne.  Il direttivo esprime 23 candidati della lista a sostegno di Marangella: Massimo Serio, Maddalena Patronelli, Carmine Trani, Annarita D’Amicis, Paolo Annicchiarico, Annarita D’Alò, Angelo Nisi, Marisa Attanasi, Luciano Santoro, Palma Rosa Rizzo, Michele Pierri, Grazia Santoro, Rocco Soranno, Stefania Lupo, Mario Manigrasso, Nardina L’Assainato, Vincenzo Palmisani, Cosima Urselli, Maurizio Mangione, Cosima Infante, Salvatore Orlando, Gianfranca Dalessio e Beniamino Zaccaria; i restanti 7 sono espressione della lista collegata al candidato Giuseppe Ciniero: lo stesso Ciniero, Francesco Donatelli, Marisa Patruno, Saverio Fanigliulo, Donatella Galeone, Pasquale Giannotti e Liliana Ciniero.

Leggi tutto...

Teleperformance: il Pd di Grottaglie richiama l'azienda

  • Pubblicato in Economia

Sulla profonda crisi riguardante il call-center tarantino Teleperformance aveva già posto l'attenzione qualche giorno fa il circolo di Sel, ma nelle ultime ore la situazione sembra essere precipitata.

A tale proposito giunge in redazione una nota del Partito Democratico di Grottaglie, che esprime tutta la sua solidarietà ai lavoratori dell call-center con un particolare riferimento "all'ingiusta lettera di sospensione inviata dall'azienda ad Andrea Lumino, segretario provinciale della Slc-Cgil, messo alla porta dopo essersi fatto portavoce del diritto dei lavoratori a ricevere lo stipendio dovuto".
L'attestato di sostegno e la conseguente denuncia giungono in una nota a firma della reggenza del partito di Grottaglie, affidata al vice segretario Carmine Trani e al responsabile organizzativo Aurelio Marangella. 
"Dopo mesi di tira e molla tra azienda e parti sociali - recita il comunicato stampa - lo scorso 30 giugno, attorno al tavolo ministeriale, si è stabilita la bozza di accordo che prevedeva 900 esuberi di cui 460 su Taranto: 230 lavoratori avrebbero usufruito della cassa integrazione a rotazione, mentre 230 lavoratori di TV Sat e Mediaset avrebbero dovuto ricevere la cassa integrazione a zero ore il primo mese, e per 2 mesi formazione (training on the job), pagata al 100%. Dopo i 2 mesi anche i 230 sarebbero rientrati su cassa a rotazione.
Lo scorso venerdì però, contravvenendo agli accordi, l'azienda non ha effettuato i dovuti bonifici per riconoscere in busta paga il compenso che il lavoratori di Teleperformance attendevano per il periodo di formazione. L'evento ha scatenato la rabbia degli operatori, che hanno trovato nella rappresentanza sindacale di Andrea Lumino una voce per le loro istanze.
L'azienda, nella quale trovano occupazione circa trecento grottagliesi, ha pensato così di risolvere il problema alla "radice" sospendendo Lumino - passo propedeutico al licenziamento - e rimuovendo ogni possibilità per i lavoratori di far valere le proprie ragioni.
Tutto ciò è inaccettabile - rimarca il Pd di Grottaglie - e segnala in maniera preoccupante lo stato di involuzione alla quale è sottoposto il mercato del lavoro odierno. Dopo le conquiste sindacali delle stagioni di grande contrapposizione sociale, pensavamo di non dover più assistere a ritorsioni di questo tipo, che minano la dignità e i diritti degli operatori, isolandoli e punendoli. Ai lavoratori di Teleperformance e ad Andrea Lumino comunichiamo la nostra solidarietà e la volontà di denunciare l'accaduto e intervenire, con gli strumenti a noi concessi - perché questa vergognosa situazione trovi una giusta soluzione. All'azienda rivolgiamo l'invito a tornare quanto prima sui suoi passi, reintegrando chi è stato ingiustamente sospeso e dando ai lavoratori il giusto corrispettivo".
Leggi tutto...

Congresso: il Pd si spacca sul nome del segretario

  • Pubblicato in Politica

Non sarà un congresso unitario, quello che si appresta a vivere il 22 e 23 ottobre prossimi il Partito Democratico di Grottaglie, chiamato a scegliere attraverso il voto dei propri iscritti il successore di Massimo Serio, ora capogruppo consiliare. Dopo le candidature a segretario di Aurelio Marangella (ex-Ds) e Giuseppe Cappiello, trova la sua conferma anche quella di Giuseppe Ciniero, esponente della corrente moderata dell'ex-Margherita.

Una presenza importante, quella di Ciniero, che potrebbe "sparigliare" le carte in un congresso che sembrava già definito e orientato ad una scelta obbligata. Molti, anche tra gli ex-Ds, hanno accolto di buon grado la candidatura di Ciniero, che può contare, tra gli altri, sull'appoggio dell'ex vicesindaco, ora consigliere comunale, Francesco Donatelli. Nonostante i "numeri" non lo vedano favorito, Ciniero può rappresentare per i democratici l'uomo della "discussione", che rompendo gli equilibri precostituiti riporti al centro del congresso il dibattito politico, come si evince da un documento redatto dal movimento che ne sostiene la candidatura.
 
 
"Finalmente - recita il documento - si celebra il congresso locale di Grottaglie e quello provinciale di Taranto. Sarebbe stato un congresso burocratico e già definito, invece si profila un costruttivo e articolato dibattito tra gli iscritti all’interno dell’assise congressuale.
Anche a Grottaglie c’è la novità sul congresso. Con la candidatura di Giuseppe Ciniero a segretario locale si profila un confronto all’interno del partito.
Grazie ad un movimento di persone che crede agli ideali democratici che si ispirano al manifesto dei “Democratici per Costituzione”, nasce una proposta forte e alternativa a quella parte che ha gestito il partito per tanti anni.
Non vogliamo fare un congresso per essere contro qualcuno o contro qualcosa, non vogliamo essere in contrapposizione né a questa né a quella fazione, non vogliamo rimarcare le differenze culturali e ideologiche all’interno del partito, vogliamo semplicemente ricostruire il nostro partito con una rinnovata unità. 
Non siamo strumento di divisione, ma un valore aggiunto al confronto delle idee per recuperare l’autorevolezza politica.
 Il partito democratico che vogliamo, deve prendere cura della persona umana, che si deve occupare dei giovani e le problematiche sociali. Un partito che diventi un luogo d’incontro, di scambi di idee, di confronto, discutere e  che affronti i problemi comuni che investono la persona.
Tale proposta vuole apportare nuovi spunti innovativi per il territorio, in sintonia con quello che sta accadendo a livello provinciale con la candidatura di Rocco Ressa a segretario Provinciale del Partito, che sta movimentando il dibattito politico culturale.
La proposta alternativa sarà manifestata con chiarezza e decisione, su argomenti di notevole importanza per il territorio della nostra città, come la salute, il lavoro e lo sviluppo ecocompatibile.
Per questo, invitiamo tutti gli iscritti al Partito Democratico, ma anche i simpatizzanti, associazioni e movimenti politici e culturali, il giorno 18 settembre c. a., alle ore 18,30 presso la sede del PD di Grottaglie in piazza Vittorio Veneto n. 5, ad un incontro precongressuale per illustrare la proposta politica che sarà presentata nel congresso, dal candidato locale Giuseppe Ciniero, e dal candidato provinciale Rocco Ressa".
Leggi tutto...

Tagli ai treni jonici. Luciano Santoro: "Mercoledì 12 occupiamo simbolicamente la stazione di Taranto"

L’ennesimo taglio sul fronte dei trasporti in terra jonica, con la cancellazione degli ultimi treni Intercity, ha riacceso i riflettori sul "pesante isolamento perpetrato ai danni della provincia di Taranto, segno di un evidente federalismo a senso unico, che penalizza il Sud, per spostare risorse verso il settentrione".

A dichiararlo è Luciano Santoro, capogruppo provinciale del Partito Democratico, che lancia una importante iniziativa per riportare al centro del dibattito il Mezzogiorno del Paese.
"Questi ulteriori tagli che penalizzano ancora di più la provincia di Taranto, – sottolinea Santoro in una nota giunta in redazione – danno l’esatta dimensione di come Trenitalia consideri la nostra una provincia di "serie b". Ormai, come denunciato anche dall’on. Ludovico Vico nelle scorse settimane, ci troviamo di fronte alla marginalità più assoluta. Per questo mi associo non solo alle parole di Vico, - che nelle scorse settimane ha denunciato la marginalità assoluta alla quale è sottoposta la nostra provincia - ma anche alla richiesta del consigliere provinciale Cosimo Borraccino di offrire supporto tecnico a quei cittadini che vorranno unirsi per promuovere una class action nei confronti di Trenitalia. Ritengo però che vada lanciato un forte segnale politico. A tale proposito, mercoledì 12 ottobre alle ore 9, prima del consiglio provinciale già convocato, chiamo a raccolta amministratori locali e provinciali – sindaci, assessori e consiglieri – per occupare simbolicamente, in segno di protesta, il piazzale della stazione di Taranto. Spero che questa azione estrema serva a mettere ulteriormente in risalto una situazione vergognosa e inaccettabile, tanto più che siamo una delle province del mezzogiorno con il più alto numero di residenti e con uno sviluppo economico estremamente avanzato. Per questo, rivolgo inoltre alla Regione Puglia l’invito ad alzare la voce per far valere le nostre ragioni.
Oltre alla legittima richiesta di incontro con il Governo - conclude il capogruppo provinciale del Pd - credo che nei prossimi giorni servirà una mobilitazione forte e radicale – a partire dall’assessore regionale ai trasporti Guglielmo Minervini - perché non è più tempo di accettare passivamente e sopportare scelte che interpretino un federalismo che penalizzi solo e sempre il nostro territorio".
 
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up