Montemesola, Annamaria D'Erchie:" farò il sindaco gratis"

Quale migliore gesto d'amore per il proprio paese, se non quello di assumersi la responsabilità di una candidatura a sindaco di un comune, Montemesola, quasi sull'orlo del dissesto economico, rinunciando insieme ai suoi candidati consiglieri, al compenso previsto.

Questa è "la nuova politica per un paese migliore", di Annamaria D'Erchie, consigliere comunale uscente, segretaria del circolo locale del PD "Ilaria Alpi", e adesso candidato sindaco a capo della lista civica "Tradizione e futuro", per le amministrative 2015. Il programma elettorale e la candidatura sono stati presentati domenica sera presso l'aula consiliare del comune di Montemesola, alla presenza del vice segretario del circolo PD di Montemesola, Antonio Tramonte; una candidata in lista, l'avvocato Graziana Quaranta; il segretario provinciale del Partito Democratico Walter Musillo, e il consigliere regionale uscente Michele Mazzarano. La gratuità del mandato, introdotta da Annamaria D'Erchie nel suo programma elettorale, è un qualcosa che mai nessuno, prima d'ora, ha osato nella storia di Montemesola.

Un forte segnale di amore e dedizione verso una politica al vero servizio del cittadino e senza secondi fini o interessi personali. La prima volta in questo comune, in cui per far fronte alle tasse, si andranno a raccogliere soldi non solo dalle tasche degli amministrati, ma totalmente e soprattutto dalle tasche degli amministratori. Secondo una stima, rinunciando al proprio compenso, il comune si ritroverebbe con oltre 34 mila euro in più all'anno, che per cinque anni, ammontano a circa 170mila euro. Un bel gruzzoletto, che sarà reso solo e soltanto a disposizione delle esigenze della comunità, con l'istituzione del fondo cassa sociale. Il fondo cassa sociale permetterà ai futuri amministratori di destinare tali somme, sotto forma di ticket mensili per le famiglie più bisognose, che potranno utilizzarli per acquistare beni di prima necessità, presso attività commerciali del comune di Montemesola; voucher lavoro per lavori utili alla società. Un ricco programma elettorale, illustrato nel corso della conferenza stampa.

La D'Erchie mira all'integrazione generazionale tra la popolazione giovane e quella anziana, per porre le basi di una nuova cultura sociale, e la valorizzazione del territorio, organizzando ogni prima domenica del mese, sagre di prodotti di stagione, per permettere ai commercianti e agli agricoltori locali di poter lavorare, e per permettere insomma di irrobustire il circuito commerciale del paese. Questo e tanto altro, si traduce nell'assiduo lavoro dei candidati in lista, che partono da età giovanissima, appena 20 anni, ad età più adulta. Grande l'appoggio al candidato sindaco anche dall'Unione Provinciale del Partito Democratico. Walter Musillo ha definito la lista "coalizione culturale", spiegando che nelle scorse settimane, si era tentata una coalizione con altre forze politiche del territorio, che però non è avvenuta. "La coalizione non c'è stata perché le altre forze politiche, pensavano troppo ai nomi, troppo alle liste, e poco ai fatti e ai meriti". Come primo segnale di trasparenza, la lista ha anche attivato un sito web raggiungibile all'indirizzo www.tradizioniefuturo.it in cui saranno rese note tutte le attività, novità, programma elettorale completo, e presto anche i nomi dei candidati in lista che saranno presentati a
giorni alla cittadinanza.

Dunque, Annamaria D'Erchie primo candidato sindaco ufficiale al comune di Montemesola. Una donna, e Montemesola anche in questo registrerebbe un primato, poiché non vi è stato un mai un sindaco "in rosa".

Leggi tutto...

Michele Mazzarano:Taranto messa a dura prova dalle emissioni inquinati

Michele Mazzarano, consigliere regionale PD, tramite nota stampa, esprime grande preoccupazione e disappunto per la proposta avanzata dalla V commissione consiliare della Regione Puglia, in merito alla sospensione degli articoli 1 e 1bis della legge regionale 7/99, riguardante la "Disciplina delle emissioni odorifere delle aziende":

"Mi stupisce che, prima della denuncia del Direttore di ARPA Puglia, nessun componente di quella Commissione avesse compreso l'impatto di tale modifica sulle emissioni inquinanti di Taranto. Se la modifica proposta dovesse essere approvata dal consiglio regionale, si rischierebbe, infatti, di eliminare un provvedimento che, pur presentando dei limiti applicativi, costituisce l'unico riferimento normativo per arginare i fenomeni emissivi odorigeni. Ed è arcinoto che uno specifico sito industriale di Taranto presenta questo fenomeno con grande evidenza ed impatto sulle popolazioni. Ritengo che la V commissione consiliare debba abbandonare la strada intrapresa e recepire, invece, le indicazioni del tavolo istituzionale che ha provveduto a modificare la legge 7/99, aggiornandola e tenendo conto delle contraddizioni normative e della necessità di  controllare e monitorare le emissioni per tutelare l'ambiente e la salute dei cittadini. In ogni caso, anche qualora la modifica dovesse approdare in Aula, Taranto ha il dovere di far sentire la sua voce bocciando la proposta".

"Noi abbiamo il dovere di difendere il nostro territorio e non possiamo avere distrazione alcuna anche di fronte ad iniziative che, pur nascendo con intenzioni propositive, possono incidere negativamente sulle già precarie norme in materia di limiti delle emissioni inquinanti che continuano a mettere a dura prova il nostro territorio".

Leggi tutto...

Maurizio Baccaro, SEL: No ad allenza con Forza Italia

"Se il PD tarantino continua imperterrito e perseguire la politica dell'alleanza con Forza Italia, accettando gli incarichi per il governo della Provincia da parte di Tamburrano, smentirà tutto quello che ha detto Michele Emiliano durante  la campagna per le primarie. A questo punto chiediamo l'intervento definitivo del Segretario regionale del PD, prima che i dirigenti tarantini del suo Partito screditino definitivamente tutto il centrosinistra e il suo candidato Presidente alle prossime elezioni regionali". Queste le dichiarazioni di Maurizio Baccaro, coordinatore provinciale di SEL Taranto.

Le parti coinvolte possono, ovviamente, esercitare il diritto di replica (ndr).

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up