Malore per il marò Massimiliano La Torre

Ieri sera, Massimiliano La Torre, uno dei due marò pugliesi trattenuti in India, ha avuto un malore dovuto ad un' ischemia, per il quale è stato necessario il ricovero in ospedale. L'uomo, attualmente si trova presso il reparto di neurologia dell'ospedale di New Delhi e, fortunatamente, ha reagito bene alle cure. Il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, è volata nella notte in India per accertarsi personalmente delle condizioni del fuciliere di Marina della Brigata San Marco mentre, il Ministro degli Esteri, Federica Mogherini, ha espresso solidarietà alla famiglia, sperando che, una priorità del Governo italiano resti quella di riportare Massimiliano La Torre e Salvatore Girone al più presto in Italia. Ce lo auguriamo tutti.

Leggi tutto...

Accoltellamento nel quartiere Tamburi di Taranto

Nella notte, un uomo di 48 anni e la sua compagna, una donna di 40, si sono presentati al pronto soccorso dell'ospedale "SS. Annunziata"  di Taranto con ferite da arma da taglio. Secondo la versione della donna, i due sarebbero stati aggrediti dall' ex compagno di lei mentre si trovavano in macchina con amici nel quartiere "Tamburi" . L'aggressore avrebbe aperto la portella posteriore dell'auto scagliandosi prima sulla ex compagna e poi sul 48enne intervenuto per difendere la donna. Le vittime, fortunatamente non sono state
ferite in maniera grave. La Polizia della Stazione di Taranto ha avviato le ricerche dell'autore dell'aggressione. Indagini in corso.

Leggi tutto...

37enne tenta il suicidio a Taranto

Questa mattina, un uomo di 37 anni ha tentato il suicidio lanciandosi dal balcone dell'abitazione dei genitori a Taranto facendo un volo di circa 15 metri prima di cadere violentemente sull'asfalto sottostante. Sconvolti i famigliari ed i passanti che hanno assistito alla tragica scena. Sul posto i sanitari del 118 che hanno trasportato d'urgenza l'uomo, che ora versa in gravissime condizioni, presso l'Ospedale "SS. Annunziata" di Taranto. Ancora sconosciuti i motivi che hanno spinto l'uomo a compiere tale gesto.

Leggi tutto...

Grave incidente stradale a Taranto

Intorno alle 19:00 di ieri un altro grave incidente si è verificato sulle nostre strada. Due automobili, si sono scontrate frontalmente ed in modo violento sulla via per Statte a Taranto. Il bilancio è di diversi feriti di cui uno grave. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine per i rilievi del caso e per stabilire la dinamica ancora poco chiara dell'incidente ed i medici del 118 che hanno trasportato d'urgenza i feriti presso l'ospedale "G. Moscati" di Taranto.

Leggi tutto...

Grottaglie: croce e delizia degli abitanti

  • Pubblicato in Sociale

Cosa succede nella città di Grottaglie? Sempre più in aumento le segnalazioni di furti in attività commerciali o a danno di semplici cittadini (tante volte le vittime sono anziani) specialmente in zona "Stadio D'Amuri" in occasione del mercato settimanale del giovedì e addirittura nell' ospedale.

Leggi tutto...

Esce dal coma la bimba ricoverata dopo aver ingerito un pezzo di wurstel

Ce l'ha fatta la bambina di tre anni che ha rischiato di soffocare dopo aver ingerito un pezzo di wurstel mentre era a cena con i genitori a San Pietro in Bevagna. La piccola era stata ricoverata nel Reparto Rianimazione dell'ospedale "M. Giannuzzi" di Manduria la sera del 30 luglio scorso con un arresto cardiaco già in corso. I medici riuscirono a rianimarla salvandole la vita. Ieri, la lieta notizia. La bambina si è risvegliata, ha riconosciuto mamma e papà che non l'hanno abbandonata un attimo ed ha chiesto di mangiare. Dopo 4 giorni di grande paura e preghiere i genitori hanno potuto riabbracciare la loro figlioletta.

Leggi tutto...

Diverticolite: Muore a 53 anni, si indaga sul caso

Ieri, presso il reparto di chirurgia dell'ospedale di Ostuni "Città Bianca" è stato ricoverato d'urgenza e successivamente dichiarato deceduto Ugo Iacca originario di Roccaforzata, a causa di una patologia , la Diverticolite.
L'uomo tra il 24 e il 25 Giugno, accusato il malore si è recato presso il presidio ospedaliero di Grottaglie e questi per mancanza di posti disponibili lo hanno trasferito nell'ospedale di Ostuni dove sono stati eseguiti i primi accertamenti sul caso.

Al paziente è stata diagnosticata una patologia dell'apparato digerente chiamata Diverticolite, caratterizzata dall'infiammazione di uno o più diverticoli, patologia facilmente curabile nei casi semplici, pericolosa quasi mortale nei casi più complessi.

Trascorso un giorno in reparto, i medici hanno dichiarato la morte del sig. Iacca.
I famigliari del paziente si sono rivolti ai carabinieri di Fasano per avere delucidazioni sull'accaduto in modo da accertarsi se all'origine dell'improvvisa scomparsa dell'uomo ci fosse stata la responsabilità di qualcuno ma soprattutto accertarsi che medici e personale sanitario abbiano eseguito tutte le possibili terapie legate alla diagnosi.

Il pm Antonio Costantini della procura di Brindisi, ha avviato un'inchiesta per omicidio colposo.

Il medico legale Antonio Carusi, provvederà a eseguire un esame autoptico mirato a chiarire le cause della morte, indentificando lo stato del paziente prima del malore e del successivo ricovero in ospedale e dopo l'intervento chirurgico che ha portato la morte.
L'autopsia sulla salma verrà effettuata nel pomeriggio, successivamente si avrà il via libera per la sepoltura dell'uomo.

Leggi tutto...

"La forza delle idee per far ri-nascere l'Ospedale San Marco da una lenta agonia"

  • Pubblicato in Sociale

 Lettera aperta ai cittadini, agli operatori sanitari e ai politici di Grottaglie


"La forza delle idee per far ri-nascere l'Ospedale San Marco da una lenta agonia".



Dalle parole inutili e demagogiche non può esserci ri-nascita di nuove idee e progetti riguardanti un bene comune: la SALUTE.

Purtroppo, nella nostra amata Grottaglie stiamo assistendo ad un valzer di parole. Non si può parlare di salute legandola solo ad un numero di posti letto o a demagogie di partito.

Per questo, dopo 9 mesi di silenzio, abbiamo deciso ri-metterci al servizio per arginare lo Tsunami del fallimento delle idee.

Ben 9 mesi fa facemmo la proposta di una nuova mission del San Marco al Sindaco e alla Commissione Sanità riuscendo a far parlare le istituzioni tra di loro. Una proposta basata su progetti e idee innovative, che permettessero di avere un ospedale di riferimento per l'intera provincia. Sono state nostre le proposte di creare l'ortogeriatria, la Week Surgery, la partoanalgesia e il parto in acqua, l'autonomia del Pronto Soccorso con formazione adeguata del personale, il Cronic Care Model per la gestione del diabete e dello scompenso cardiaco sul territorio. Ma le nostre proposte non furono prese seriamente in considerazione né dalle istituzioni comunali nè da alcuni operatori del San Marco: ci dispiace ricordare che buona parte di loro non presero parte al nostro convegno di "gestione sanitaria" nel Gennaio 2012.

Per questo chiediamo a tutti gli operatori sanitari di essere più presenti e di manifestare il loro sdegno verso una classe politica che dimostra una mancanza di idee progettuali e ingenuità organizzativa. Ma soprattutto chiediamo loro di fare anche una sana autocritica di cambiamento: per costruire bisogna partire dagli errori e correggerli. Chiediamo di fare quadrato intorno alle idee andando oltre quei privilegi che qualcuno promette in cambio di voti elettorali; è arrivato il momento di dire basta a queste squallide menzogne e prendere delle decisioni. Bisogna andare oltre i muri e lavorare tutti per tutti. Secondo noi l'ospedale può ri-nascere e diventare un ottimo esempio di sanità pubblica che veda il paziente al centro del sistema. Non lo si può far morire di una lenta agonia fino alla nascita del San Cataldo di Taranto; anzi, può continuare a vivere anche dopo, ma con una nuova e più specifica autonomia. Non dobbiamo permettere che la salute sia appannaggio di politici o di coloro che vogliono sfruttare i privilegi all'interno dell'ospedale pensando solo ai propri interessi personali. Il nostro ospedale va ri-programmato: ri-organizzazione dei turni per un maggior e più specifico utilizzo del personale, valorizzazione della meritocrazia professionale, accoglienza dei bisogni del cittadino, creazione di percorsi diagnostico-terapeutici per la gestione delle patologie croniche tra l'ospedale e il territorio, nel rispetto anche del momento di crisi economica: i soldi e le risorse vanno spesi con intelligenza, prendendo esempio da altre realtà. I politici queste cose le devono sapere e se non le conoscono le devono studiare e/o affidarsi ai tecnici.

Dobbiamo unirci ai cittadini che devono vigilare con sempre più forza sulle scelte politiche e devono far sentire la propria voce pretendendo un rapporto più costruttivo.

Chiediamo a tutta l'Amministrazione della nostra città, di ammettere con umiltà gli errori e di risolverli con intelligenza. Alla parte buona della politica, chiediamo di trovare le giuste risposte per superare questo momento di crisi, mettendo da parte le velleità elettorali.

Questa denuncia è un atto dovuto nei confronti dei nostri pazienti, pur essendo consapevoli che riceveremo attacchi anche personali, ma siamo tranquilli perchè abbiamo la forza delle idee. Le idee ispirate dal coraggio sono come le pedine degli scacchi: possono essere anche mangiate ma possono dare avvio anche a mosse vincenti.


Buon Lavoro a Tutti



Grottaglie, 22 Luglio 2013

Dottor Salvatore Lenti

Presidente Medici per San Ciro ONLUS

Leggi tutto...

"Continueremo a difendere il nostro ospedale"

  • Pubblicato in Sociale



La visita dell'Assessore Regionale alla Sanità Elena Gentile ci rincuora e soprattutto  conferma che l'Ospedale San Marco, pur nelle difficoltà del sistema sanitario  regionale e provinciale sotto l'effetto di un durissimo piano di rientro, del blocco del turn over del personale, che ha prodotto negli ultimi due anni tagli durissimi di reparti, di servizi e di interi presidi ospedalieri è e continuerà ad essere un punto di riferimento essenziale per la sanità di terra jonica.
 
Non  era scontato, in questi tre anni, salvare e difendere l'esistenza stessa del nostro presidio. Non tutto è andato come volevamo, perché anche noi come tra l'altro tutti gli ospedali, abbiamo subìto fortemente la carenza di una pianta organica bloccata da norme stringenti,  e dalle risorse sempre più scarse per effetto delle finanziarie degli ultimi anni.
 
Adesso siamo alla vigilia di una fase nuova. Con la fuoriuscita della nostra Regione dal piano di rientro non saremo più sotto la lente d'ingrandimento dei Ministeri del Tesoro e della Sanità, con la possibilità concreta, finalmente, di invertire la tendenza dei tagli e della razionalizzazione, applicare il regolamento e il piano approvato lo scorso dicembre dalla Giunta regionale, assumere il personale necessario e fare in modo che torni la necessaria serenità tra gli operatori e soprattutto tra i cittadini che, è bene ricordarlo, sono i nostri primi interlocutori.
 
Come Amministrazione Comunale continueremo a lavorare affinché quello che abbiamo difeso non venga messo in discussione e ciò che  deve essere attivato ci venga dato non appena le condizioni generali lo consentiranno; e lo faremo chiedendo a tutti coloro che hanno a cuore il nostro ospedale di non dividerci e rimanere uniti perché  dispiace notare, in alcuni frangenti, strumentalizzazioni e pressapochismo nei confronti di un tema così serio e delicato, che rischiano di produrre un effetto opposto a quello che desideriamo.
 
“Questa è, - dichiara il Sindaco, Ciro Alabrese -, una battaglia che continuerò a condurre in qualità di  componente della Rappresentanza dei Sindaci della ASL  Taranto, proprio per non alzare una sterile bandiera campanilistica ma essere parte importante di un modello organizzativo sanitario che risponda al nuovo bisogno di salute della nostra provincia.”

Leggi tutto...

Ospedale San Marco

  • Pubblicato in Sociale

OSPEDALE SAN MARCO
Nel contesto del Riordino della rete ospedaliera.
Per fare ulteriore chiarezza all’annosa e altalenante situazione del San Marco, il Gruppo Consiliare dei Cattolici per il Sociale nella persona del suo capogruppo Antonio Mingolla ribadisce che il Nosocomio Grottagliese è stato classificato quale ospedale di base dal Riordino della rete ospedaliera giusto Regolamento Regionale n°36  del 28/12/2012 il quale prevede per il San Marco n° 112 posti letto (delibera Giunta Regionale n°3006 del 27/12/2012).
Tale situazione è stata evidenziata dal sottoscritto a nome dei gruppi consiliari di maggioranza nella seduta del Consiglio Comunale del 10 Giugno 2013 con la presentazione e approvazione di un Ordine del Giorno, inviato al Direttore Generale Dott. Fabrizio Scattaglia, al Presidente della Regione Puglia On. Nichi Vendola e all’Assessore alle Politiche Sociali e della Salute Dott.ssa Elena Gentile.
In detto Ordine del Giorno si chiede al Direttore Generale il rispetto del deliberato regionale con l’attuazione del piano di Riordino della rete ospedaliera, ivi compreso l’accorpamento del San Marco al Presidio Ospedaliero Centrale di Taranto, così come è stato già comunicato dal Segretario Provinciale del PD Massimo Serio.
Nella seduta della Conferenza dei Sindaci dell’11/06/2013, il Sindaco di Grottaglie Avvocato Ciro Alabrese rendeva noto l’Ordine del Giorno e nel contempo ha chiesto urgente incontro all’ Assessore Regionale Dott.ssa Elena Gentile.
Nel frattempo bisogna essere vigili ed esercitare una costante attenzione politica da parte del Sindaco, del Consiglio Comunale, delle Associazioni Sociali e Organizzazioni Sindacali senza colorazione partitica affinché venga mantenuto il numero dei posti letto 112 (2,9x1000 abitanti), mentre il parametro regionale si attesta al 3,5x1000, e che siano limitate e/o eliminate le quotidiane criticità per garantire il funzionamento ottimale dei servizi con l’appropriatezza delle prestazioni rispondendo con efficacia alla domanda di salute della collettività.
Infine si sottolinea che dopo aver constatato il rispetto del deliberato Regionale, data l’evoluzione della Sanità e della domanda di salute dei cittadini, bisognerà essere maturi politicamente alla discussione per una programmazione a medio e lungo termine per una parziale modifica della mission del nostro Ospedale.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up