Giovane donna muore dopo il parto

A Taranto una ragazza è morta in ospedale dopo aver partorito. La giovane di 24 anni, è deceduta stamattina nel reparto di ginecologia dopo aver dato alla luce il suo terzo bambino che, fortunatamente, secondo fonti dell'Asl, sta bene. Le cause della morte della donna sono ancora da accertare anche se, si sospetta possa essersi trattato di un'embolia. La Magistratura ha avviato un'inchiesta.

Leggi tutto...

Si impicca dopo lite col fidanzato

Una ragazza 22enne di Nociglia, nel Salento, si è impiccata ad un albero con la tracolla della borsa in una zona di campagna alla periferia del paese. Pare che prima di compiere il tragico gesto avesse litigato col ragazzo e pronunciato al telefono con lui la frase: "mi avrai sulla coscienza". Sono stati i genitori a lanciare l'allarme ai Carabinieri dopo che non l'hanno vista rientrare in casa ieri sera.

Leggi tutto...

Tragedia all' Ilva di Taranto: muore un operaio

Tragico incidente all' Ilva di Taranto: Angelo Iodice, un operaio 54enne della ditta campana "Global Service" ha perso la vita questa mattina travolto sui binari da un mezzo meccanico guidato da un altro operaio. Il lavoratore era impegnato in attività di manutenzione presso l'area dell' Acciaieria 1, dove giorni fa si era verificato uno scarico di ghisa. E'stato programmato già uno sciopero di 24 ore a partire dal 2' turno di oggi.

Leggi tutto...

Ennesima vittima della strada a Taranto

Intorno alle ore 22:30 di ieri sera, alla periferia della città di Taranto, si è verificato un gravissimo incidente stradale che ha causato la morte di un uomo 36enne. Secondo le prime ricostruzioni la vittima avrebbe perso il controllo della sua motocicletta finendo in una scarpata. Mortale l'impatto col suolo. I sanitari del 118 intervenuti sul posto hanno
potuto solo accertarne il decesso. I rilievi di rito sono stati effettuati dalla Polizia Stradale.

Leggi tutto...

Angelo Bonelli minacciato di morte

Nella giornata di ieri, Angelo Bonelli, consigliere comunale di Taranto e portavoce dei Verdi ha ricevuto una telefonata con minacce di morte. L'interlocutore, dapprima con un inglese un po' incerto e poi in italiano ha intimato al Bonelli di "smettere di rubare a Taranto" informandolo inoltre di avere le ore contate. Solo 5 mesi fa il consigliere fu vittima di un altro atto intimidatorio: gli venne recapitato un pacco contenente un biglietto con minacce ed un coltello. L'uomo ha sporto immediatamente denuncia alle Forze dell'Ordine ed ha raccontato l'accaduto sulla sua pagina facebook. Da sempre impegnato nella lotta all'inquinamento, il Bonelli proprio alcune ore prima delle minacce ricevute aveva rilasciato delle dichiarazioni contro il sindaco Stefàno circa "Tempra Rossa".

Leggi tutto...

Tragedia a Taranto: anziano si suicida sul lungomare

Tragedia nel pomeriggio a Taranto: un uomo di 76 anni si è suicidato intorno alle ore 18:00 sul lungomare, nei pressi del monumento del marinaio. Pare che l'anziano che aveva problemi di deambulazione, soffrisse di solitudine. Prima di lanciarsi nel vuoto, da un'altezza di circa 20 metri ha lasciato un biglietto nella sua automobile sul quale c'era scritto "voglio farla finita". I medici del 118 accorsi sul posto hanno potuto solo constatarne la morte. Si tratta del secondo suicidio nel giro di una settimana ai piedi del Monumento dei Marinai: solo a Ferragosto un giovane di 26 anni era precipitato più o meno dallo stesso punto mettendo fine alla sua vita.

Leggi tutto...

Tragici incidenti stradali in Puglia

Tragico il bilancio di Ferragosto sulle strade pugliesi. Nel foggiano sono morti tre giovani di Cerignola mentre tornavano a casa dopo una serata trascorsa in un locale: Francesco Paradiso e Francesco Cellamare di 21 anni e Giovanni Biancofiore di 23. Ferito un loro amico, Umberto Napolitano di anni 22. I ragazzi, viaggiavano a bordo di una Bmw quando, per cause ancora da accertare, la loro auto si è ribaltata. Nel tarantino, a causa di un violento tamponamento sono morti due autotrasportatori di Bisceglie: Pietro Cosmai di 49 anni e Tommaso Di Pierro, di 50. Nel Salento, sulla strada che collega Gallipoli a Lecce ha perso la vita Francesco Berardi, un 21enne di Bitonto mentre gli altri quattro ragazzi che viaggiavano con lui a bordo dell'auto sono rimasti gravemente feriti. La dinamica non è ancora chiara. Sul posto l'intervento dei Vigili del Fuoco e dei Carabinieri. Le vittime erano di ritorno da una discoteca.

Leggi tutto...

La morte regalata a Taranto e provincia

E' la realtà: A Taranto e provincia SI MUORE, soprattutto donne e bambini. Ci sono i dati ufficiali (percentuali in costante aumento) del Ministero della Salute e dell' Arpa. E' stata calcolata l'incidenza delle patologie oncologiche per i residenti di Taranto e Statte rispetto alla media del resto della provincia. Grottaglie e Manduria risultano avere il primato per la presenza di tumore alla tiroide. Bruttissime notizie arrivano dagli ospedali pediatrici. L'Ilva, L'Eni, le discariche non a norma ed abusive emettono fumi di sostanze velenose. Le respiriamo, le ingeriamo. Aumentano i ricoveri per tumori maligni, infezioni e malattie dell'apparato respiratorio. Il 14 aprile 2013 i tarantini preferirono disertare il referendum per il futuro dell'Ilva. Davanti alla scelta sulla chiusura parziale o totale dello stabilimento, la città seppur straziata dal disastro ambientale decise di non recarsi alle urne. Lavoro o salute? E' questo il punto. NON SI PUO' SCEGLIERE UNA COSA A DISCAPITO DELL'ALTRA. SONO ENTRAMBI DIRITTI INVIOLABILI. SACROSANTI. I soldi per le bonifiche imposte anche dall'Aia, dove sono? Le norme per la salute e la tutela dei lavoratori, quando saranno rispettate? Quanti altri morti? Quanta altra disperazione di gente impotente? Terremo sempre alta l'attenzione al riguardo. Lo dobbiamo a chi è rimasto orfano, a chi piange i propri figli. Gli interessi di pochi e l'indifferenza ci stanno ammazzando.

Leggi tutto...

Donna muore folgorata mentre fa la doccia

Antonia Greco, una donna di 60 anni originaria di Presicce (LE) ma da anni residente a Statte (TA) è morta ieri sera a causa di una violenta scarica elettrica mentre faceva la doccia nella sua casa al mare presso Lido Marini, una delle frazioni ioniche di Ugento (LE). La donna, al momento della tragedia era in casa col marito che, allarmato dalle urla della moglie è accorso subito. Pur avendo staccato il contatore dell'energia elettrica, per la donna non c'è stato più nulla da fare. I medici del 118, una volta sul posto hanno solo potuto constatarne il decesso. Prevista in mattinata presso l'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce l'autopsia per chiarire eventuali concause del drammatico episodio.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up