A Manduria, Domenica delle Palme con “Il Calvario a prima vista”

A Manduria, Domenica delle Palme con "Il Calvario a prima vista"

Il monumento "rivelato" dalle guide dell'associazione Vento Refolo

Torna per la quinta edizione "Il Calvario a prima vista", tradizionale appuntamento storico-turistico a cura dell'associazione Vento Refolo, con il patrocinio del Comune di Manduria. Durante la serata di domenica 29 marzo, infatti, in occasione della Domenica delle Palme, l'associazione presenterà un'apertura straordinaria al pubblico del monumento, che potrà essere visitato dall'interno grazie all'ausilio delle guide di Vento Refolo.

Leggi tutto...

Inaugurazione a Sava del monumento per le vittime sul lavoro

Sabato 21 marzo 2015 a Sava sarà inaugurato il Monumento per le Vittime sul Lavoro, opera dell'artista Cosimo Picchierri (PICO), fortemente voluto dai savesi Giovanni Destratis, consigliere regionale ANMIL Puglia, e Orazio De Santis, consigliere territoriale ANMIL Taranto.

Il manufatto, posizionato su un ceppo in una aiuola della centralissima piazza Risorgimento di Sava, raffigura "Il Pianto" di una donna che ha appreso della morte di un parente in un incidente sul posto di lavoro.

Il programma della manifestazione inizierà alle ore 8.30 in piazza San Giovanni con il raduno dei partecipanti che, alle ore 9.00, seguiranno una Santa Messa nella Chiesa Madre in memoria delle vittime degli incidenti sul lavoro. Al termine, un corteo raggiungerà piazza Risorgimento dove, alle ore 10.00, si terrà la cerimonia di inaugurazione del Monumento per le Vittime sul Lavoro con la deposizione di una corona di alloro. A seguire, presso la attigua sala "Lomartire" del Centro Polivalente per Anziani dei Servizi Sociali, si terrà la cerimonia civile. Moderati dall'avvocato Maria Luigia Tritto, consulente legale ANMIL, i lavori saranno aperti da Emidio Deandri, presidente territoriale ANMIL Taranto, e proseguiranno con l'intervento dell'artista Cosimo Picchierri sulla statua "Il Pianto"; le conclusioni saranno affidate a Franco Bettoni, presidente nazionale ANMIL.

Parteciperanno l' Avv. Dario Iaia, Sindaco di Sava, Martino Tamburrano, presidente Provincia di Taranto e Sindaco di Massafra, Cav. Antonio D'Ambrosio, presidente regionale ANMIL, Cav. Lorenzo Lorusso, presidente territoriale ANMIL Bari, Dott. Giuseppe Gigante, dirigente INAIL, presidenti e consiglieri nazionali, regionali e territoriali ANMIL.

Leggi tutto...

Benito Gerlone: storia di Grottaglie

C'è solo da imparare da una persona come lui, amata e rispettata dai suoi concittadini per tutto ciò che ha fatto come semplice uomo e come consigliere comunale negli anni che vanno dal 1993 al 2007. Parlo di Benito Gerlone, figura storica di Grottaglie che oggi mi ha aperto le porte della sua casa. Ad attendermi, la stanza dove Benito si rifugia e passa un po' di tempo insieme ai suoi ricordi. Una camera tappezzata di splendide foto del passato, di quando faceva il militare, dei suoi genitori, o di quando rivestiva cariche istituzionali. Immagini sacre che mostrano la sua profonda religiosità, tanti attestati di benemerenza,libri e souvenir dei suoi parenti. Ed oggetti che ricordano l'epoca fascista: Benito Gerlone è sempre stato un sostenitore del pensiero del vecchio MSI, uomo sempre
coerente perché, a suo dire "è questione di dignità non cambiare sempre partito per pura ingordigia". Il suo insegnante politico fu a suo tempo Tommaso Salinaro, un Ufficiale della milizia di Mussolini. E ricorda tutto perfettamente Benito, con un po' di nostalgia. Conosciute le sue battaglie per gli interessi della comunità grottagliese, culminate spesso in accesi dibattiti presso la sala consiliare del Comune. Tra le tante, quella per elencare presso il Monumento ai Caduti in Guerra di Grottaglie i nomi di tutte le vittime sacrificatesi
per amor di Patria. Una cosa alla quale teneva tanto, fino a decidere di incatenarsi all'asta della bandiera del Monumento stesso rifiutando di bere e di mangiare. Tanta la gente che curiosa o premurosa andava a trovarlo per offrirgli almeno un caffè, ma lui accettò solo quello di una anziana signora della zona per galanteria ed educazione. Le vittime di guerra sono impresse nel cuore di Benito: per loro infatti fa celebrare spesso messe in suffragio. Come la volta in cui, ricorda fiero, presso la Chiesa di "San Francesco di Paola" gremita di gente, depose sull'altare una grande composizione floreale affiancato da due militari. Si commuove ancora nel ricordo di quel giorno quando ricevette non solo l'approvazione dei parenti delle vittime e di tutta la popolazione, ma anche dell' On. Rocco Maggi e del Colonnello Potenza, che gli mostrarono stima infinita per il suo operato. Ed ancora l'interesse per la destinazione di aree a parcheggio nei pressi del Comune e di via Crispi, e la sua forte opposizione alla costruzione della discarica. E' un uomo forte, riservato e dignitoso, che ama il suo paese, in particolar modo il Borgo Antico dove è nato. Legato soprattutto ai posti della sua infanzia: la Chiesetta della Madonna del Lume, la Chiesa del nostro Patrono San Francesco de Geronimo e "l'arco della Croce" , uno dei luoghi simbolo della città che lui stesso in passato si occupava di tener ben pulito. E poi tanta beneficenza verso i più bisognosi, alle Chiese ed Associazioni che si occupano di gravi malattie. Mi ha mostrato tutte le sue bellissime collezioni di cartoline da tutto il mondo, francobolli, monete e santini, ordinate con meticolosità. E' con loro che Benito passa gran tempo della sua giornata. Tempo fa amava invece recarsi in campagna e raccogliere delle pietre particolari dalle svariate forme. Arte della natura che conserva gelosamente. Adesso ha più tempo per la sua famiglia composta dalla moglie, dai 5 figli, dagli amati nipoti e da una pronipote. Adora Grottaglie, lo si capisce subito da come ne parla. Vorrebbe solo che fosse più ordinata, pulita, propensa allo sviluppo anche dal punto di vista turistico. Sono lusingata di essere entrata per un paio di ore in quella stanza piena di storia, dignità ed umanità. "Nudo sono entrato e nudo ho voluto uscirne" mi ripeteva riferendosi al suo ruolo di consigliere. E la gente lo sa. Soprattutto chi ha conosciuto la fame e la guerra può capire il valore della generosità.

Leggi tutto...

Tragedia a Taranto: anziano si suicida sul lungomare

Tragedia nel pomeriggio a Taranto: un uomo di 76 anni si è suicidato intorno alle ore 18:00 sul lungomare, nei pressi del monumento del marinaio. Pare che l'anziano che aveva problemi di deambulazione, soffrisse di solitudine. Prima di lanciarsi nel vuoto, da un'altezza di circa 20 metri ha lasciato un biglietto nella sua automobile sul quale c'era scritto "voglio farla finita". I medici del 118 accorsi sul posto hanno potuto solo constatarne la morte. Si tratta del secondo suicidio nel giro di una settimana ai piedi del Monumento dei Marinai: solo a Ferragosto un giovane di 26 anni era precipitato più o meno dallo stesso punto mettendo fine alla sua vita.

Leggi tutto...

Un monumento caduto

Grottaglie, è come tutte le città d'Italia ormai, preda di atti vandalici e di una crisi sociale senza precedenti; la soluzione per questa situazione drammatica è troppo complicata e sarà una lotta duratura. Ma tutto ciò rende posti come aree pubbliche o monumenti, luoghi di decadimento ed abbandono.

Leggi tutto...

Muore una donna sul lungomare di Taranto

Dramma questa sera sul lungomare di Taranto, nella zona vicina al monumento al Marinaio: poco dopo la mezzanotte una ragazza di 25 anni si è suicidata lanciandosi nel vuoto. Sul posto giunte subito le forze dell'ordine per i rilievi del caso.
Inutili i soccorsi da parte degli operatori del 118 che non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up