Parisi (Pd): Diamo il nostro benvenuto a Monsignor Filippo Santoro

 

Il Segretario Provinciale del Partito Democratico di Taranto, Francesco Parisi, rivolge un messaggio di saluto al nuovo Arcivescovo Metropolita di Taranto, Monsignor Filippo Santoro.
“A nome della Federazione ionica del Partito che mi onoro di guidare, esprimo il più sincero benvenuto a Mons. Santoro. Siamo sicuri che riuscirà bene a interpretare le esigenze spirituali di una città e un territorio complessi come Taranto e la sua provincia e di una società che, mai come ora, ha bisogno di un sostegno vero e costante per trovare la forza di affrontare i tanti problemi scaturiti da una così profonda crisi economica. Al nuovo Arcivescovo va il nostro augurio di una guida pastorale lunga e prospera, che possa trovare il suo compimento nella vicinanza che tutti i cittadini ionici sapranno accordargli e che, siamo certi, Mons. Santoro saprà ricambiare.
Un doveroso saluto va al suo predecessore Mons. Benigno Papa, che con il suo impegno, sempre orientato alla crescita spirituale dei tarantini, lascia un'importante eredità, patrimonio di tutti.”
Leggi tutto...

Sanita'. Il segretario provinciale del Pd Parisi "bacchetta" gli esponenti manduriani

  • Pubblicato in Politica

 

 

Non si placano le polemiche degli amministratori manduriani, scaturite a seguito della scelta da parte del commissario straordinario della Asl jonica Fabrizio Scattaglia di accorpare al San Marco il Punto Nascita dell'ospedale messapico, causandone la chiusura.
A tale proposito interviene il segretario provinciale del Pd, Francesco Parisi, che nonostante le origini manduriane "bacchetta" i suoi cittadini per l'atteggiamento assunto, considerato troppo campanilistico.
"Mi stupiscono - sostiene Parisi - le richieste da parte di esponenti politici manduriani di diversa provenienza rivolte ai consiglieri provinciali di maggioranza di disertare i lavori del Consiglio Provinciale a causa delle vicende che colpiscono la sanità jonica. Credo che per ogni rappresentante delle istituzioni, sia, oltre che un diritto, prima di tutto, un dovere assoluto partecipare ai lavori dei consessi ai quali si è stati eletti dai cittadini per affrontare i problemi e promuovere soluzioni. Nel caso specifico di questi giorni, però, credo che strumentalizzare l'Amministrazione Provinciale in una vicenda di cui non ha facoltà ad assumere decisioni sia dannoso per l'intera comunità jonica. Il ripensamento dell'offerta sanitaria pubblica, causato dai tagli delle manovre finanziarie operate dal Governo Berlusconi, merita grande attenzione, prudenza e responsabilità, poiché investe la vita di migliaia di cittadini del nostro territorio.”
Leggi tutto...

Il Pd jonico in piazza a Roma contro il Governo Berlusconi

 

Il Partito Democratico di Terra Jonica sarà presente il 5 novembre a Roma alla manifestazione nazionale contro il Governo Berlusconi. A darne notizia è una nota a firma del Segretario Provinciale Francesco Parisi.
“Sono giorni difficili. L'Italia – sottolinea Parisi - vive una fase complessa e la condizione economica, finanziaria e sociale presenta tratti drammatici e imprevedibili. In questo decennio, il nostro paese si è connotato per la crescita zero e l'assenza di politiche di sviluppo. 
Un paese in cui per le nuove generazioni è difficile sentirsi cittadini con i pieni diritti assegnati dalla Costituzione. Una generazione a cui è stato sottratto il diritto al presente e al futuro.
Oggi però, le crisi, che hanno investito il mondo e l'Europa, devastano l'Italia in modo sconvolgente soprattutto a causa di un governo nazionale debole, diviso e privo di autorevolezza.
I recenti anni di governo berlusconiano sono corrisposti al decennio della caduta del reddito delle famiglie, dell'aumento delle sperequazioni geografiche e sociali. La crisi economica in Italia si è affiancata ad una crisi della democrazia e della vita pubblica di cui il principale responsabile è il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.
Siamo in piazza a Roma insieme alle militanti e ai militanti del Partito democratico di tutto il paese perchè i cittadini hanno il dovere, nei momenti di grande pericolo e disagio, di assumersi responsabilità. La nostra manifestazione ha innanzitutto questa missione. Vogliamo offrire al paese una speranza, una prospettiva, un alternativa. Siamo in piazza per dimostrare al paese ma anche al resto del mondo che le italiane e gli italiani possono uscire da questa interminabile crisi della politica e dell'economia. 
Il popolo democratico deve guidare una straordinaria riscossa civica, morale e politica. Chiediamo con forza un passo di responsabilità da parte del governo e del suo leader. Le dimissioni del Presidente del Consiglio per favorire la nascita di un governo di responsabilità nazionale capace di affrontare l'emergenza e di condurre il paese a nuove elezioni, rappresenterebbero un significativo segnale di discontinuità verso i nostri partner europei, gli attori economici e finanziari internazionali. Non c'è traccia di un qualsiasi soggetto ormai fiducioso verso l'attuale governo.
Siamo consapevoli della portata enorme della sfida che ci attende. 
Come detto spesso, oggi, in discussione c'è il futuro dell'Italia. 
Il Partito democratico – conclude il segretario provinciale del Pd - può avere la capacità ed il ruolo di unire le forze sane, democratiche e moderate del paese per aprire una nuova stagione di riforme necessarie a restituire ossigeno ad un paese ormai al collasso in tutti i suoi settori nevralgici. 
È questo grande spirito di responsabilità e di amore per il paese che mobilita in piazza a Roma, 700 democratiche e democratici da tutta la provincia di Taranto. Per Taranto, per il Sud, per l'Italia.”
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up