Pugliese si reca in Toscana per cercare impiego, non lo trova, disperato rapina una banca

Un pigliese di 30 anni della provincia di Barletta decide di cercare un impiego in Toscana in seguito ai vari tentavi falliti miseramente nella sua regione ma ottenene anche qui lo stesso risultato, negativo, così sceglie di rapinare una banca. di Montecatini Terme. Il colpo è avvenuto martedì 19 agosto in una banca di Montecatini Terme, un'agenzia del Credito Emiliano. Il trentenne a volto scoperto, impugnando un taglierino è entrato all'interno dell'edificio e ha minacciato gli impiegati di consegnare lui il denaro. Impauriti gli impiegati gli hanno consegnato dei tubi portamonete contenenti qualche decina di euro in contanti. Acciuffato il denaro, il rapinatore è fuggito a gambe levate ma è stato fermato e arrestato poco dopo da una pattuglia dei carabinieri nella zona del Parco demaniale. Una volta catturato la pattuglia gli ha rivolto alcune domande per individuare la motivazione alla base del gesto e l'uomo ha comunicato che è stato costretto a rapinare una banca perchè a corto di denaro. 

Leggi tutto...

Puglia: crollo delle spese per le famiglie

I saldi sono iniziati ormai da giorni in Puglia ( come per il resto della maggior parte delle Regioni italiane), ma i negozianti non hanno riscontrato l'afflusso sperato dei clienti nei loro negozi.
I numeri resi noti dall' associazione Federmoda, associazione della Confcommercio che riunisce i negozi di abbigliamento, hanno registrato un incremento del solo 2% contro quello del 10% dello scorso anno.
Da un'analisi della Coldiretti, sulla base dei dati Istat sui consumi delle famiglie nel periodo 2008-2013, emerge inoltre che gli italiani stanno attenti anche alla spesa per la tavola.
Anche i consumi nel settore alimentare sono calati. La percentuale più sconfortante si registra proprio in Puglia (- 11,3% rispetto al 2008).
Le famiglie hanno messo in atto strategie di contenimento della spesa riducendo la quantità o rinunciando alla qualità.
In aumento, soprattutto nel Mezzogiorno, le famiglie che scelgono l'hard discount (+ 14,4% rispetto al 2013).
Stabile l'acquisto di pane, pasta, caffè, zucchero, latte e formaggi. Dato preoccupante riguarda la diminuzione del consumo di frutta e verdura, importantissimi per la salute. Negozi che chiudono o battono meno scontrini, tasse sempre più gravose, poveri in aumento e sempre meno soldi nelle tasche degli italiani.
Dicono ci sia bisogno di un rilancio dell'economia. Evidente. A quando i fatti?

Leggi tutto...

Un monumento caduto

Grottaglie, è come tutte le città d'Italia ormai, preda di atti vandalici e di una crisi sociale senza precedenti; la soluzione per questa situazione drammatica è troppo complicata e sarà una lotta duratura. Ma tutto ciò rende posti come aree pubbliche o monumenti, luoghi di decadimento ed abbandono.

Leggi tutto...

Convegno sull'imprenditoria dei Giovani Udc. Russo: "La giusta via per rilanciare il nostro Paese"

 

I Giovani Udc hanno promosso un convegno (previsto per fine giugno) con l'obiettivo di indirizzare al meglio chiunque volesse mettere in piedi un'attività o un'impresa ma non avesse i mezzi e non riuscisse a trovare i finanziamenti necessari per far sì che ciò diventi possibile. "Questo avverrà - spiega il segretario dei Giovani Udc, Giuseppe Russo - con l'ausilio di persone esperte nel settore che daranno informazioni sulle regole e le norme da seguire per diventare imprenditori di se stessiLa meta che questa segreteria giovanile si prefigge è quella di far crescere in noi giovani la cultura d'impresa, ovvero la capacità di perseguire le proprie idee, i sogni e le ambizioni che ci poniamo, in maniera obiettiva e mirata, sfruttando al meglio le nostre capacità o dandole delle regole che ci aiutino a creare un progetto solido e perseguibile. Credo che sia la strada giusta per poter ridare slancio al nostro Paese, augurandoci che le nuove norme che verranno presentate agevolino il nostro sistema economico permettendoci finalmente di ripartire".
Un'iniziativa volta alla ricerca di una via d'uscita in una situazione economica quanto mai difficile: "la crisi sta pesando molto sulle famiglie ma anche sui giovani - continua Russo - i quali trovano parecchie difficoltà nell'inserirsi nel mondo del lavoro, a causa dei tagli al personale che aziende e altre attività sono costrette a fare per poter sopravvivere, a delocalizzazioni, là dove le condizioni di lavoro sono più convenienti per norme lavorative meno rigide e salari meno onerosi o faticano nel trovare l'occupazione adeguata alla preparazione raggiunta dopo anni di studiIl Governo, anche se ancora molto lentamente, si sta impegnando sul tema dell'occupazione per agevolare le assunzioni e riformare i contratti attraverso un sistema più libero e flessibile del mercato del lavoro, costruendo un sistema più vicino a quello adottato da Paesi più virtuosi e solidi del nostro.I finanziamenti sono un altro elemento fondamentale per l'economia, perché permettono di allargare il mercato, creare competitività, ricchezza, posti di lavoro, dare futuro a tante persone. In questo senso il Ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera ha parlato delle banche che devono aiutare i giovani imprenditori e le giovani imprenditrici, ricordando però alle banche stesse di fare scelte più consapevoli nella ridistribuzione del credito, dato che la crisi in cui siamo è anche dovuta al fatto che il credito è stato concesso a chi non avrebbe dovuto riceverlo. Un'altro elemento, non meno importante, è la “questione del Mezzogiorno”, che ci portiamo avanti quasi dalla nascita dello Stato italiano e che ci riguarda più da vicino: più volte il sud d'Italia è stato dipinto come luogo in cui il progresso economico è poco incentivato, facendoci rimanere indietro rispetto a un nord più moderno e imprenditoriale". 
 
Leggi tutto...

L'Udc si affida agli esperti di economia: "Per aiutare le imprese in questo periodo di crisi"

L’Udc grottagliese alla luce della persistente crisi economica e nell’ottica di proporre delle linee guida a supporto delle imprese locali in una riunione tra il responsabile sezionale alle attività produttive, Salvatore Greco, il segretario sezionale Ciro Marseglia, il vice segretario Massimo Zimbaro ed il segretario giovani Giuseppe Russo, ha deciso di avvalersi del contributo di alcuni esperti di economia del territorio.

La collaborazione prevede la stesura di linee guida alla luce delle misure esistenti per il sostegno e lo sviluppo delle imprese che consentano il supporto politico a livello territoriale per la realizzazione delle stesse. Inoltre sono stati calendarizzati una serie di incontri da effettuarsi con le associazioni di categoria al fine di recepire le esigenze più urgenti per il tessuto economico e far prendere visione alle stesse della bozza del documento in elaborazione. La proposta politico - economica dell’Udc, così scaturita sarà presentata in una manifestazione pubblica nell’ultima settimana del prossimo giugno.
Leggi tutto...

Giuseppe Russo (Udc): vademecum per affrontare la crisi "Puntiamo sull'impresa"

 

"È passato da poco il primo maggio, festa dei lavoratori, ma sembra proprio che quest'anno, più degli anni passati, ci sia davvero poco da festeggiare - si legge nella nota dei Giovani Udc, a firma del segretario Giuseppe Russo - Lo si intuisce dalle notizie che i mass media ci propongono: crisi, licenziamenti, riforme del lavoro e dell'articolo 18, esodati (gli over 50 che sono stati espulsi dal mercato del lavoro ma che ancora non possono andare in pensione a causa dell'innalzamento dell'età pensionistica o dei requisiti che non sono stati raggiunti), precari, lavoro nero. A queste si aggiungono quelle ancora più atroci delle morti bianche, causate da lavori svolti senza le dovute precauzioni, e soprattutto quelle dei suicidi di questa crisi che oggi viviamo.
Come accennato prima, il Governo ha attuato e sta attuando delle riforme che dovranno aiutarci ad uscire dalla crisi in cui versiamo e il tempo a disposizione non è molto, a causa di scelte non fatte dai Governi precedenti per paura di crolli nei consensi o poca lungimiranza. Le decisioni da prendere sono difficili e non porteranno a una risoluzione immediata, perché nessuno dei nostri Ministri è dotato di bacchetta magica. Come già ricordato nel mio primo comunicato, il nostro Presidente del Consiglio, utilizzando una frase poco consona
alla sua figura, disse che il posto fisso è monotono; con questo, ovviamente, voleva intendere che oggi i lavoratori sono chiamati ad avere più di una specializzazione, di avere la padronanza di più di un mestiere per ampliare le proprie possibilità di trovare il lavoro adatto alle proprie capacità ed essere maggiormente competitivi. Altre riforme sul lavoro, sulle quali si sono avuti più di un incontro con i sindacati e Confindustria, stanno riguardando i licenziamento e gli ammortizzatori sociali; questi ultimi, elementi immancabili per permettere alle famiglie di affrontare i momenti difficili che tutti noi, prima o poi, possiamo trovarci a vivere.
Il quadro da me descritto non è certamente felice e incoraggiante, ma ci sono alcune opportunità, per noi giovani, che è bene conoscere: esiste la possibilità di poter creare una società S.r.l. Con 1 € di capitale con una procedura molto semplice, che non prevede l'utilizzo di un notaio per la costituzione ma solo della presentazione dell'atto entro 15 giorni al registro delle imprese, oppure della richiesta di finanziamenti a fondo perduto, i quali prevedono fino al 50% di investimento a fondo perduto e il restante con una restituzione a un tasso agevolato per 5 anni. Non è tanto e ci aspettiamo tutti dal Governo altre riforme che siano più eque, ma è certamente un punto da cui poter ripartire per rimettere in moto l'economia del nostro Paese e dare una possibilità a chi ha voglia di investire su se stesso per crearsi un futuro migliore". 
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up