Grottaglie, domani i "Corto Sordi" in Fiera

Il 29 settembre 2016, dalle ore 19:00, nel padiglione della Città di Grottaglie (interno alla Campionaria Regionale Grottaglie 2016) saranno trasmessi i tre cortometraggi vincitori delle edizioni del "Premio Corto Sordi", l'unico festival in Italia che rende omaggio al grande Alberto Sordi con un concorso cinematografico basato, ogni anno, sul titolo di un film dell'attore romano.

Leggi tutto...

Domenico Carlucci, la musica insegnata con semplicità

Una moto, Nausicaa Music Store ed un sorriso gentile e rassicurante. Queste sono alcune cose che vengono in mente pensando a Domenico Carlucci, giovane musicista di Grottaglie che cerca di sviluppare, anche in bambini e ragazzi, la passione per la musica.

Proprio in questi giorni si è concluso il Laboratorio di Chitarra moderna (libero e svolto gratuitamente) da lui tenuto, 2 volte a settimana, durante le ore extrascolastiche nelle scuole "Don Luigi Sturzo" e "Don Bosco" di Grottaglie. Lezioni svolte con competenza e semplicità davanti a 28 ragazzi interessati ed entusiasti che, non solo hanno apprezzato l'operato di Carlucci, ma lo hanno gratificato con la richiesta di un rinnovo per l'anno prossimo e messaggi impressi sulla carta che egli conserva con cura.

Contattato dal prof. Catalano, Carlucci ha accettato subito la proposta di far avvicinare gli alunni ad uno strumento moderno, alternativo al classico flauto dolce o alla diamonica; ed i ragazzi hanno ben risposto. Essi hanno imparato, in maniera partecipata (si intrattenevano o ritornavano a scuola dalle ore 14 alle 15) il solfeggio, la differenza tra accordo minore e accordo maggiore (il primo dal suono triste, l'altro allegro) e tanto altro in "forma libera", ossia niente di tassativo ma tutto affrontato con spontaneità.

Per Domenico, infatti, "l'obiettivo è quello di capire le potenzialità di ogni alunno e cercare di svilupparle, spiegando in maniera semplice e cercando di attirare l'attenzione, con pazienza e senza fare nulla di eclatante. La classe, ad esempio, ha apprezzato molto l'esecuzione di brani di cantautori noti italiani (come Battisti o Vasco Rossi) dei quali abbiamo analizzato anche i testi. Sì, perché la musica è (come tutte le materie) dapprima una lezione di vita".

Domenico Carlucci ha seguito un programma, da lui stesso stilato, che ha portato le gratifiche più belle: l'affetto e la stima degli alunni. Stanco ma soddisfatto, ora, tra i tanti impegni si prepara anche al concerto previsto per il 23 luglio 2016 in occasione del "Corto Sordi", l'evento estivo cinematografico, atteso ed apprezzato ormai in tutta Italia, omaggio all'Albertone nazionale.

Con tanta umiltà rivolge delle parole ai giovani:"non vivete la paura di un voto, voi non siete numeri, voi siete i vostri progressi. E tutti valete tanto".

Leggi tutto...

Festa del tesserato "Utòpia", una lezione di vita.

  • Pubblicato in Sociale

Utòpia, il buon luogo sito nel Borgo Antico di Grottaglie (via San Francesco de Geronimo 53).

Ne è stata una conferma la serata trascorsa, ieri sera, in compagnia dei soci della citata associazione civica e dei nuovi tesserati. Ma non solo: tanti sono stati i cittadini che hanno partecipato ad una grande festa che ha voluto celebrare, soprattutto, l'amore per la propria città e per il prossimo.

L'evento è stato caratterizzato da vari momenti, tutti, a loro modo, pieni di emozioni ed introdotti dal Presidente, Ciro Petrarulo, che ha descritto le varie attività svolte in questi anni dai soci "Utòpia", per cercare di contribuire al benessere della comunità.

Che quest'ultimo sia stato ottenuto con la divulgazione di cultura (presentazioni di libri, mostre di quadri, evento cinematografico "Corto Sordi", concerti o rappresentazioni teatrali), la donazione di borse di studio a studenti meritevoli (grazie al ricavato di eventi benefici quali "Adotta un libro") e migliorie apportate all'estetica della città (pulizia di alberi, di siepi, di piazzette, di strade, sistemazione e verniciatura di panchine pubbliche o interne alle scuole), forse poco importa perché il sudore di questi liberi cittadini è stato versato con piacere.

Il risultato è quello che vale, ossia l'apprezzamento della gente, lo sviluppato senso di unione, l'educazione al sociale. L'esempio.

Sono intervenuti, tra gli altri, il prof. Massimo Quaranta (VitedaColorare) che ha affrontato il tema riguardante le malattie rare del quale, da anni, si occupa con la sua associazione, spinto dall'amore per il chi affronta dure prove nella vita come la sua piccola bambina Serena; e poi la prof.ssa Vincenza Musardo Talò che ha sottolineato l'importanza del contributo di ogni cittadino alla diffusione della cultura e del bene; un emozionato Vito De Gregorio (ass. "Occhio Fotografico) lascia poi scoprire ai presenti come, anche attraverso uno scatto, si possa descrivere uno stato o, ancora, si possa nascondere un'umanità da "proteggere"; ed infine, ma non per ultimi, l'intervento di coloro che hanno allietato la "festa" con la loro musica live: Domenico Carlucci e Federica Quaranta, bravissimi artisti che, commossi, umilmente hanno ricordato le figure di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, indimenticati vittime della mafia.

Ed è proprio quella che tutti, nel nostro piccolo, dobbiamo combattere. Vincano gli onesti, vinca la solidarietà, vincano sempre il coraggio, i sorrisi ed il bene. Una scaletta non programmata ma andata "a cuore" per dare il benvenuto ai nuovi soci. E benvenuti saranno coloro che, con un piccolo contributo libero, vorranno aggiungersi a questa grande famiglia.

Un "grazie" a tutti gli organizzatori, ai presenti, agli ospiti (tra i quali Anna Montella, Grazia Parisi, avv. Ciro D'alò), agli uomini "pilastro" dell'associazione "Utòpia", alle laboriose donne e al Presidente Ciro Petrarulo che, credendo in questo progetto, ha creato una "macchina sociale" che non resterà certamente nell'indifferenza della cittadinanza.

Una serata lezione di vita.

Leggi tutto...

Corto Sordi: buona la prima!

Sabato 19 luglio ha avuto inizio l'avventura di Corto Sordi l'unico luogo / spazio emozionale in Italia per ricordare l'attore e regista Alberto Sordi. Una volta a Monicelli chiesero chi fosse il più grande attore italiano, rispose "Alberto, ma non glielo dite se no si monta la testa".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up