Massimo Serio (PD): occorre comunicazione tra Alenia e territorio

"Desta sicuramente sconcerto e preoccupazione la lettera di un gruppo di dipendenti della HB TECHNOLOGY, azienda che lavora nell'indotto della "Alenia Aermacchi" di Grottaglie".

"In questa lettera, vengono denunciate condizioni di lavoro pessime in cui si trovano ad operare i lavoratori in questione, dalla mancanza della mensa all'assenza delle docce e degli spogliatoi, dalla mancanza delle necessarie autorizzazioni sanitarie al non funzionamento degli impianti di sicurezza.Ora, visto che la denuncia di cui sopra è stata inoltrata alla Procura della Repubblica, alla Guardia di Finanza e al Nucleo Carabinieri - Ispettorato del Lavoro mi auguro e sono certo che adesso le Istituzioni chiamate in causa sapranno accertare la veridicità dei fatti esposti, mentre prendo atto della immediata smentita della ditta HB che respinge le accuse mossegli, ponendo la massima fiducia nell'attività che la Magistratura andrà a svolgere. In attesa, quindi, che le Istituzioni di controllo e vigilanza appurino la realtà dei fatti, non possiamo non evidenziare alcuni dati incontrovertibili: 1) è del tutto evidente l'assenza di interlocuzione e di dialogo tra l'Alenia Aermacchi, le Aziende dell'indotto che orbitano attorno ad essa e le Istituzioni del territorio, come già recentemente ha avuto modo di denunciare con forza il Sindaco di Grottaglie, Ciro Alabrese, per ultimo a proposito della decisione di Alenia di non confermare i contratti di lavoro interinali a 40 dipendenti italiani e di reintegrare, al contrario, tutti i lavoratori interinali stranieri. Alenia, in definitiva, spesso e volentieri appare come un corpo estraneo al tessuto sociale: non vi è né dialogo, né comunicazione. 2) Le stesse aziende dell'indotto non possono e non devono pensare che l'approvazione del "jobs act" dia loro la libertà di fare il bello ed il cattivo tempo con i lavoratori e nei
luoghi di lavoro, poiché le normative vigenti in materia dei diritti dei lavoratori e sulla sicurezza vanno scrupolosamente rispettate: su questo punto non c'è possibilità alcuna di travisamento. È necessario, e quanto mai opportuno, un tavolo di concertazione tra Alenia, l'indotto e le forze politiche, sociali e le Istituzioni del territorio poiché la crescita e lo sviluppo del nostro tessuto sociale, economico e culturale non può prescindere da un confronto costante e da un'azione concertata tra gli attori in campo, affinché episodi come la vicenda HB non abbiano più a ripetersi".

Queste le dichiarazioni di Massimo Serio, Presidente della Direzione Provinciale PD Taranto e Capogruppo PD al Consiglio Comunale di Grottaglie.

Leggi tutto...

Alenia, Ciro Petrarulo: "Sindaco, forse una telefonata agevola la vita!"

"Il telefono ci può portare lontano, per condurci nel mondo del nostro interlocutore, ovunque egli sia. Ci consente anche di annullare le distanze e di essere presenti, quando occorre, e ci serve per mantenere facilmente i contatti con certe persone, con cui altrimenti sarebbe impossibile parlare. Tutto ciò ci induce a considerare che una semplice telefonata non è mai superflua e che una chiacchierata può essere esplicativa e risolutiva".

Leggi tutto...

Lavoratori italiani a casa: Ciro Alabrese chiede un incontro coi vertici Alenia

Il Sindaco di Grottaglie, Avv. Ciro Alabrese, in merito alla questione Alenia Aermacchi, la quale ha deciso di non confermare i contratti di lavoro interinali a 40 dipendenti italian (che da due anni trovavano impiego nello stabilimento di Grottaglie) e di reintegrare, al contrario, tutti i lavoratori interinali stranieri, i cui contratti sono scaduti il 31 dicembre scorso, chiede di poter incontrare presto i vertici dell' azienda e dichiara:" Alcune OO.SS. come la FIM CISL e la UILM UIL hanno già avuto modo di stigmatizzare il grave comportamento dell'Alenia".

"E' il caso di osservare che questi lavoratori licenziati hanno potuto acquisire le loro competenze professionali grazie anche agli sforzi economici  importanti che ha sostenuto la Regione Puglia per la loro formazione professionale e per il sostegno finanziario in favore della ricerca e della innovazione. E' grazie anche a questi importanti investimenti voluti dalla Regione che è stato possibile creare e sviluppare il Distretto Aerospaziale in Puglia e che oggi è diventato un polo di eccellenza grazie agli stabilimenti di Grottaglie, Foggia e Brindisi. Le competenze acquisite da parte di questi giovani lavoratori che oggi si trovano senza un lavoro, rischiano di risultare vane se non si interviene con decisione per favorire il loro reintegro all'interno dello stabilimento. Ma a risultare vane rischiano di essere non soltanto le competenze, ma anche gli investimenti a piene mani profuse dalla Regione a favore di Alenia. Purtroppo, con rammarico, debbo constatare che Alenia appare quasi come un corpo estraneo al territorio, che riceve e non dà e non interagisce con esso, né sul piano sociale, né su quello economico e delle strategie imprenditoriali. Mi sembra quanto meno opportuno e doveroso che Alenia Aermacchi fornisca al più presto risposte precise e circostanziate, anche perché i lavoratori e loro famiglie, ma anche i tantissimi giovani disoccupati che guardano allo stabilimento come un possibile approdo occupazionale, queste risposte poi le pretendono dalle  Istituzioni locali, prima fra tutte l'Amministrazione Comunale, e quindi dalle forze politiche, sociali e sindacali che operano sul territorio. E' per tale ragione che ho chiesto all' Amministratore Delegato di Alenia Aermacchi, Giuseppe Giordo, un incontro urgente allo scopo di ricevere risposte esaurienti sulle problematiche esposte" .

Leggi tutto...

Il caso dei romeni in Alenia diventa un'interrogazione regionale

All'indomani della notizia secondo cui l'Alenia di Grottaglie farebbe lavorare nel proprio stabilimento circa un centinaio di romeni, si è scatenato il caos tra le forze politiche e sindacali, tanto da indurre il consigliere regionale di Forza Italia, Arnaldo Sala, a protocollare un'interrogazione regionale rivolta agli assessori allo Sviluppo Economico.

Leggi tutto...

Alenia a corto di manodopera: assume 100 romeni

In questo periodo di profonda crisi economica e sociale, dove la disoccupazione giovanile è ai massimi storici e la globalizzazione è oramai un dato di fatto; la concorrenza nelle sue varie forme è sempre all'agguato e il terrore della concorrenza dei Paesi dell'Est Europa a basso costo oramai è una realtà che sta sfociando in una vera e propria intolleranza, mettendo KO le varie realtà autoctone.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up