L'allarme del Sindaco Alabrese: "Con la manovra a rischio i servizi essenziali"

 

Si abbatte sugli enti locali la scure dei pesanti tagli imposti dal Governo nazionale a seguito della recente manovra finanziaria.
Il Decreto-Legge 138/2011 del 13 Agosto scorso, noto come “manovra di Ferragosto”, un intervento da 45,5 miliardi di euro che dovrebbe discutibilmente produrre il pareggio di bilancio nel 2013, rischia di produrre danni incalcolabili anche per enti con conti in ordine come il Comune di Grottaglie.
A rendere noto l’impatto della manovra è una nota a firma del Sindaco della Città di Grottaglie Ciro Alabrese e dell’Assessore al Bilancio, Patrimonio, Servizi finanziari del Comune di Grottaglie, Anna Ballo.
“Questo decreto – sottolinea l’Assessore Anna Ballo - evidenzia ancora una volta in quale stato di confusione versi la compagine governativa e quanto ci si senta orfani di una classe dirigente che risulti sufficientemente autorevole nel panorama nazionale e internazionale. Pare che al Ministero dell’ Economia e delle Finanze si scelga sempre e solo di colpire le fasce sociali più deboli, giovani, donne, lavoratori dipendenti e anziani in testa, tanto che le tardive e forse insufficienti disposizioni della manovra-bis provocheranno altre tasse locali accompagnate da inevitabili ridimensionamenti sostanziali nell’erogazione dei servizi pubblici.
Già la manovra dell’agosto del 2010 operava tagli ai trasferimenti erariali per gli anni 2011, 2012 e 2013, in riferimento al Comune di Grottaglie, pari rispettivamente a 742 mila euro per il 2011 ed a 1.237 mila euro per gli altri due anni seguenti. Aggiungendo ancora gli effetti della Riforma sul federalismo fiscale ai sensi del D.Lgs. 23/2011 in termini di imposte sostitutive, a conti fatti, al nostro Comune non tornano altri 300 mila euro circa, per un ammontare totale di mancate entrate pari a oltre un milione di euro per il solo 2011.
A quelli già elencati, si sommano gli ennesimi tagli di questa ultima manovra correttiva che, da ragionevoli proiezioni - suffragate anche da diversi osservatori - per il Bilancio del Comune di Grottaglie potrebbero sfiorare i 2.400 mila euro per il 2012 e altrettanti per il 2013”.
Considerazioni, queste, accolte dal Sindaco Ciro Alabrese, che rimarca come “siano a serissimo rischio le erogazioni di servizi essenziali per la comunità”.
“Gli enormi sacrifici imposti agli Enti Locali – sottolinea il Primo Cittadino di Grottaglie – tendono a penalizzare, attraverso l’ente, le condizioni di vita delle famiglie e dei ceti sociali più deboli, senza peraltro alcuna valida prospettiva di restare indenni da speculazioni finanziarie e senza alcun provvedimento di crescita dell’economia del Paese: sugli Amministratori locali responsabili e determinati a soddisfare gli interessi collettivi dei propri concittadini si preannuncia, di conseguenza, il gravare di paradossali e incessanti sforzi di gestione delle ormai esigue risorse amministrabili dagli Enti Locali. A questo ci opporremo chiedendo, come altri Comuni e l’Anci stessa, anche in sede parlamentare una immediata revisione dei tagli operati e delle norme inerenti il Patto di Stabilità”.
Leggi tutto...

Piazza San Francesco: cancellate le scritte dei vandali

  • Pubblicato in Cronaca

 

Continua l’opera di risanamento degli spazi pubblici della città delle ceramiche. Dopo i lavori che hanno interessato Villetta Colombo, è stata la volta di Piazza San Francesco de Geronimo, ripulita dalle numerose scritte lasciate da alcuni vandali.
L’opera, fondamentale per restituire il necessario decoro alla piazza, ha interessato l’assessore ai lavori pubblici Alfonso Annicchiarico, che rimarca la volontà di “investire in interventi, ma anche e soprattutto in prevenzione”.
Ho fortemente voluto ridare decoro quanto prima - e in tempo per i festeggiamentiad una Piazza che per i cittadini grottagliesi ha un doppio valore: sociale, perché spazio di aggregazione, e religioso, perché dedicata al nostro Santo Patrono.
Ora lo spazio, scevro da scritte imbrattanti, ha riacquistato l’originario splendore, ridando alle famiglie la sensazione di trovarsi in un luogo pulito, ben tenuto e soprattutto dignitoso.
Purtroppo – conclude l’assessore Annicchiarico - l’intervento ha determinato un esborso economico e un dispendio di risorse che, in assenza di questi discutibili comportamenti, potevano essere impegnate in altri punti della città”.
Ripristino degli spazi, quindi, ma anche una ferma condanna del fenomeno che, sostiene il Sindaco di Grottaglie, Ciro Alabrese “va contrastato con controlli mirati, ma soprattutto con lo sviluppo di una maggiore coscienza civica”.
Contro il vandalismo a danno delle opere pubbliche purtroppo in continua crescita – afferma il Sindaco Alabrese - ci vengono in soccorso preziosi strumenti come la video sorveglianza, che puntiamo a rafforzare.
Il fenomeno deve essere contrastato e prevenuto anche con l’ausilio di campagne di educazione civica, tese soprattutto a trasmettere alle giovani generazioni la cultura del rispetto del bene pubblico, quale risorsa collettiva da salvaguardare a beneficio dell’intera comunità. Ci aspettiamo, dalla comunità tutta, il necessario sostegno perché a momenti di natura didattica, che siamo intenti a programmare, si accompagni un vero e proprio coinvolgimento civico, che rafforzi il concetto che provocare un danno ad un bene pubblico significa, in fondo, arrecarlo a se stessi”.
Leggi tutto...

Ospedale San Marco: il Sindaco e i cittadini scendono in strada

  • Pubblicato in Cronaca

I cittadini di Grottaglie sono scesi in strada per il futuro del San Marco, in una manifestazione organizzata dal Comitato cittadino a difesa del nosocomio. Assieme a loro il Sindaco Ciro Alabrese, molti assessori e consiglieri di diverso colore politico, la presidentessa del Comitato Filomena Erario, una rappresentanza dell'associazione Medici per San Ciro, studenti e grottagliesi di ogni età.

Una pacifica dimostrazione, quella a difesa del San Marco, che registra però la profonda preoccupazione di Istituzioni e cittadini sul domani ancora incerto della sanità jonica.
A fine corteo, nella centrale piazza Principe di Piemonte i manifestanti si sono riuniti per delle considerazioni, ascoltando le voci del primo cittadino e degli organizzatori.
 
Per Alabrese – come recita una nota stampa - “è stata l’occasione di manifestare il proprio impegno a favore del diritto alla salute e la volontà di tenere alta la guardia in merito al corretto svolgimento del servizio presso il nosocomio di Grottaglie, sia in queste ore che in ottica futura.
“Ho voluto essere al fianco dei miei concittadini – ha rimarcato il Sindaco Alabrese dal palco, al termine della manifestazione – perché sappiano che chi li rappresenta farà sentire in tutte le sedi competenti la propria voce – e quindi anche la loro – perché il San Marco continui a vivere pienamente, donando agli operatori la serenità di lavorare e ai grottagliesi la sicurezza di un luogo idoneo e funzionale dove fruire, di diritto, delle cure adeguate.
A tal proposito, vorrei rassicurare che - come da delibera del Direttore Generale della Asl/Taranto Fabrizio Scattaglia, con il quale nelle scorse settimane si è aperta una positiva discussione di merito - i posti letto di chirurgia presenti nel nostro nosocomio hanno ripreso la loro normale funzionalità h24.
Funzionalità che è stata rafforzata dalla ulteriore disposizione del Direttore Medico Francesco Menza (prot. n. 8144 del 23 settembre 2011), con la quale ha ripristinato per il 118 la possibilità di ricoverare presso la struttura di chirurgia del San Marco i cittadini bisognosi di interventi urgenti.
Questo tuttavia, come rimarcato dal documento redatto dalla III Commissione e votato all’unanimità in un Consiglio Monotematico alla presenza di operatori e consiglieri regionali del territorio, non è sufficiente a farci dormire sonni tranquilli.
Terremo alta la guardia, sapendo però che le nostre proposte troveranno cittadinanza e considerazione nelle prossime riunioni che l’Assessore Regionale alla Sanità Tommaso Fiore e la Commissione Sanità della Regione Puglia terranno per discutere di eventuali tagli futuri e della necessità di dover riorganizzare il modello di salute del territorio.
Siamo convinti che la nostra provincia e Grottaglie abbiano già dato il loro contributo al risanamento dei conti in ambito sanitario; adesso attendiamo un giusto riconoscimento delle eccellenze che vi operano e del diritto alla salute di tutti i cittadini che ne fruiscono”.
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up