Autopsia sul corpo sbagliato al Santissima Annunziata

Ieri all'Ospedale "Santissima Annunziata" di Taranto è accaduto un fatto che ha dell' incredibile: due medici legali di Bari incaricati dalla Procura della Repubblica di Taranto per effettuare l'esame autoptico sul cadavere di un uomo deceduto venerdì scorso a causa di un incidente stradale, hanno effettuato l'esame sul corpo sbagliato.
La salma giusta era nelle cella-frigo ma i due medici, avendo trovato un corpo pronto sul tavolo operatorio, sullo stesso hanno eseguito l'esame.
Qualcuno, in serata, si è accorto dell'accaduto ed ha chiamato subito i Carabinieri.
Sotto sequestro la camera mortuaria.
I due medici che erano già rientrati nel Capoluogo pugliese, richiamati, hanno dato la loro versione dei fatti.
Pare che i cadaveri presenti in sala non avessero ben in vista i cartellini identificativi.
Sarà aperta un'inchiesta penale alla quale seguirà quella interna alla struttura ospedaliera.

Leggi tutto...

"Licenziato a causa tua". Operaio di Grottaglie accoltella un suo collega

  • Pubblicato in Cronaca

Attribuiva al collega la perdita del posto di lavoro, lo riteneva la causa del suo licenziamento. Così Roberto Costone, grottagliese di 46 anni, qualche giorno fa ha raggiunto la sua vittima in una stazione di servizio sulla SS. 7 Appia e, una volta entrato nel bar, ha aggredito e ferito con un coltello da cucina il malcapitato. Solo il tempestivo intervento dei presenti ha impedito che l'operaio grottagliese continuasse a scagliarsi contro l'uomo. 

Intervenuti sul posto, gli agenti della Mobile hanno portato il 46enne in carcere, a disposizione dell'Autorità giudiziaria, mentre la vittima, ferita all'addome e al braccio, è stata immediatamente soccorsa e trasportata al Santissima Annunziata dove le sue condizioni, seppur gravi, non mettono a rischio la sua vita. Nella macchina di Costone, inoltre, è stata trovata un'accetta e non è da escludere che l'uomo volesse usarla contro quello che riteneva l'autore del suo licenziamento. 

Stando alle prime indagini, pare che il 58enne aggredito da Costone non avesse alcun potere decisionale all'interno dell'azienda (una ditta che opera nell'indotto dell'Ilva) e che quindi non avrebbe potuto influire in alcun modo sul licenziamento del grottagliese. Diretti dal vicequestore aggiunto Roberto Pititto, gli uomini della squadra Mobile stanno cercando di comprendere appieno il folle gesto dell'ormai ex operaio. 

Leggi tutto...

Ingoia cocaina alla vista dei Carabinieri, che lo sottopongono a lavanda gastrica. Denunciato un grottagliese di 30 anni

  • Pubblicato in Cronaca

Quando ha visto i Carabinieri ha tentato il tutto per tutto, ingoiando i due involucri di cellophane contenti ben 7 grammi di cocaina. L'idea non è però servita a granché perché i militari (che avevano fermato l'uomo per un controllo) lo hanno immediatamente sottoposto a una lavanda gastrica presso il Santissima Annunziata di Taranto, recuperando così le bustine con dentro la droga  

L'episodio è accaduto nella mattinata di lunedì 23 aprile a un grottagliese di 30 anni, incensurato, celibe e nullafacente, che a seguito del controllo dei Carabinieri e della successiva lavanda gastrica, è stato poi deferito per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up