Riscoprire San Francesco De Geronimo

Nell’ambito dei festeggiamenti patronali e in preparazione al III Centenario della morte del santo gesuita ( 1716 – 2016),  relazione di approfondimento storico-bibliografico di Rosario Quaranta sul Patrono principale della Città della Ceramica
Il programma dei festeggiamenti patronali di quest’anno prevede, come ormai da tradizione, anche un  momento di riflessione e approfondimento sulla figura e sull’opera di San Francesco De Geronimo, personaggio di spicco non solo della Città di Grottaglie, ma del più vasto territorio  regionale e nazionale.
A parlare di alcuni aspetti relativi al culto, alla bibliografia e all’iconografia del santo gesuita sarà il prof. Rosario Quaranta, segretario della sezione tarantina della Società di Storia Patria, nella relazione che terrà nella chiesa madre grottagliese domenica 25 agosto alle ore 20.00, subito dopo la Celebrazione eucaristica presieduta da padre Florio Quercia, Superiore della Comunità dei Padri Gesuiti di Grottaglie.
Il prof. Quaranta si soffermerà in particolare sulla prima breve biografia del De Geronimo, apparsa in lingua tedesca in Germania nel 1717 e cioè poco più di un anno dopo la sua  morte: un’opera che, pur anticipando le classiche tre antiche biografie del personaggio (nell’ordine, del p. Carlo Stradiotti, 1719; del p. Simone Bagnati, 1725,  e del p. Carlo De Bonis, 1734), e pur presentando in assoluto il primo e più antico ritratto del santo, è stata praticamente ignorata dalla storiografia ufficiale, pur avendo conosciuto nel nord dell’Europa un notevole successo poiché venne tradotta anche in olandese, in boemo e in francese.
E in effetti, già nel 1719 lo Stradiotti faceva, a proposito della propagazione della fama di santità di p. Francesco De Geronimo nel Nord Europa, questa osservazione: “ non è da maravigliarsi che tutta Napoli si commovesse poiché già da tanti anni lo conosceva, bensì fa stupore che la fama della sua morte si spargesse subito per tutta Italia anzi anco per la Germania. Onde il Padre Nicolò Poter della nostra Compagnia da Magonza a 17 Novembre 1716 ne mandò la notizia al Padre Maurizio Antonelli pur della Compagnia con queste parole “Venerabilis Pater Franciscus de Hieronymo fama sanctitatis et miraculorum totam Europam et in specie nostram Germaniam implevit” (cioè: “il venerabile padre Francesco De Geronimo con la fama della santità e dei miracoli ha riempito tutta l’Europa e specialmente la nostra Germania”). E può dirsi che la Germania fu la prima che ne intagliò l’Immagine in rame. La fama del Padre Francesco è cresciuta sì fattamente di là da Monti che colà ne han sparse in stampa sotto diversi atteggiamenti da sei mila immagini, né cessano le domande per ottenere da Napoli qualche minuzzolo delle sue vesti, lettere o altro usato dal Padre in vita. Né cotali domande vengono dalla sola Germania ma dalla Polonia e da altre Provincie straniere…”
La relazione mirerà, grazie anche ad altri ritrovamenti bibliografici, a comprendere le ragioni del successo e dell’espansione della devozione e del culto del De Geronimo, oltre che in Italia, anche in quelle lontane regioni (Germania, Austria, Belgio, Olanda, Boemia, Polonia) nel Sette e Ottocento, passando in rassegna pubblicazioni per lo più sconosciute.  
Non mancheranno interessanti novità anche dal punto di vista iconografico, dal momento che verranno presentate immagini e documenti antichi che confermano l’importanza della figura e dell’opera religiosa, sociale e spirituale di un grande personaggio del nostro Sud.
L’utilità di momenti di riflessione e di approfondimento come quello che si terrà domenica prossima nella chiesa madre grottagliese emerge anche dal fatto che tra non molto, e cioè tra poco più di due anni (2016), ricorrerà il terzo centenario della morte del nostro grande Santo. Si tratta di un appuntamento importante al quale occorre già pensare e che deve vedere impegnato l’intero territorio per riscoprire la grandezza della figura e del messaggio di un “operaio zelantissimo nella vigna del signore” (come ebbe a definirlo nel 1723 il grande giurista gesuita tedesco Vitus Pichler nel 1723) che ha lasciato una traccia indelebile non solo a Grottaglie, a Napoli e nella Compagnia di Gesù, ma anche in paesi lontani e nella stessa storia della Chiesa, con l’esempio straordinario di una vita apostolica spesa totalmente e generosamente al servizio di Dio e del prossimo.


      

Leggi tutto...

Ospedale San Marco

  • Pubblicato in Sociale

OSPEDALE SAN MARCO
Nel contesto del Riordino della rete ospedaliera.
Per fare ulteriore chiarezza all’annosa e altalenante situazione del San Marco, il Gruppo Consiliare dei Cattolici per il Sociale nella persona del suo capogruppo Antonio Mingolla ribadisce che il Nosocomio Grottagliese è stato classificato quale ospedale di base dal Riordino della rete ospedaliera giusto Regolamento Regionale n°36  del 28/12/2012 il quale prevede per il San Marco n° 112 posti letto (delibera Giunta Regionale n°3006 del 27/12/2012).
Tale situazione è stata evidenziata dal sottoscritto a nome dei gruppi consiliari di maggioranza nella seduta del Consiglio Comunale del 10 Giugno 2013 con la presentazione e approvazione di un Ordine del Giorno, inviato al Direttore Generale Dott. Fabrizio Scattaglia, al Presidente della Regione Puglia On. Nichi Vendola e all’Assessore alle Politiche Sociali e della Salute Dott.ssa Elena Gentile.
In detto Ordine del Giorno si chiede al Direttore Generale il rispetto del deliberato regionale con l’attuazione del piano di Riordino della rete ospedaliera, ivi compreso l’accorpamento del San Marco al Presidio Ospedaliero Centrale di Taranto, così come è stato già comunicato dal Segretario Provinciale del PD Massimo Serio.
Nella seduta della Conferenza dei Sindaci dell’11/06/2013, il Sindaco di Grottaglie Avvocato Ciro Alabrese rendeva noto l’Ordine del Giorno e nel contempo ha chiesto urgente incontro all’ Assessore Regionale Dott.ssa Elena Gentile.
Nel frattempo bisogna essere vigili ed esercitare una costante attenzione politica da parte del Sindaco, del Consiglio Comunale, delle Associazioni Sociali e Organizzazioni Sindacali senza colorazione partitica affinché venga mantenuto il numero dei posti letto 112 (2,9x1000 abitanti), mentre il parametro regionale si attesta al 3,5x1000, e che siano limitate e/o eliminate le quotidiane criticità per garantire il funzionamento ottimale dei servizi con l’appropriatezza delle prestazioni rispondendo con efficacia alla domanda di salute della collettività.
Infine si sottolinea che dopo aver constatato il rispetto del deliberato Regionale, data l’evoluzione della Sanità e della domanda di salute dei cittadini, bisognerà essere maturi politicamente alla discussione per una programmazione a medio e lungo termine per una parziale modifica della mission del nostro Ospedale.

Leggi tutto...

La Pro Loco di Grottaglie si stringe attorno al dolore di Portici

  • Pubblicato in Cronaca

La Pro Loco di Grottaglie, si cordoglia con il dolore che ha colpito le famiglie di Portici, durante i festeggiamenti del Santo Patrono.
Nel giorno solonne, quando San Ciro viene festeggiato, Portici è stata colpita da una tragedia immaginabile, mentre la statua del Santo, veniva portata a spalla dai fedeli presso la Basilica, in piazza San Ciro. Le vittime sono state travolte da una pesante pietra lavica. Tre fedeli del Santo, sono morti e altre persone ferite. Dopo l'accaduto la processione in onore di San Ciro è stata sospesa.
Il dramma che ha toccato la cittadina di Portici, non lascia nessuno indifferente nel nostro paese, dove San Ciro è anche il nostro San Patrono.
Tutto la staff della Pro Loco di Grottaglie, a nome di tutta la cittadinanza pongono le più sincere condoglianze alle famiglie toccate dalla tragedia. "Uniti a voi preghiamo per i feriti. Le parole non bastano per esprimere un sentimento, solo il silenzio ci unisce al dolore che vi ha colpito in questo tragico, triste giorno", dichiara Francesca Frisa, presidente Pro Loco Grottaglie

Leggi tutto...

Medici per San Ciro VIII Edizione

 

Medici per San Ciro giunge alla sua 8ª edizione. Sabato 26 e Martedi 29 gennaio 2013 tornerà a commemorare San Ciro, il Santo Patrono di Grottaglie, con un tema di impatto sociale molto elevato, “Le emergenze cardiologiche”. Si da così seguito al “Progetto sulla defibrillazione precoce nella città di Grottaglie - Una Scossa al Cuore” con la consegna dei defibrillatori e degli attestati ai First Responders.
Un evento organizzato dall'associazione Medici per San Ciro Onlus e dalle Confraternite di Grottaglie, e patrocinato dall'Amministrazione comunale della Città di Grottaglie, dall’Ordine dei Medici della Provincia di Taranto, dalla Regione Puglia, dall’Azienda Sanitaria Locale ASL Taranto, dalla Provincia di Taranto, dall’ANMCO (Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri) Puglia, dalla Villa Verde di Taranto, dal 118 Taranto Soccorso, dalla Schiller Medical Italia, dallo SPI/CGIL, dalle Soroptimist e dall'Università dell’età libera di Grottaglie.
Sabato 26 gennaio 2013, a partire dalle ore 17.30 presso il teatro Monticello di Grottaglie si terrà l'incontro, moderato da Salvatore Lenti e Aurelio Urselli – rispettivamente presidente e vice presidente dell'associazione Medici per San Ciro - dal titolo “Le emergenze cardiologiche”. Per discutere di quanto sia importante la giusta gestione delle emergenze cardiologiche nel territorio e di quali sono i risultati che sono stati ottenuti dalla Rete dell’infarto a Taranto e in Puglia, relazioneranno i cardiologi Antonio Anastasia, Luigi My e Vincenzo Lenti, l'operatori del 118 Battista Baccaro, l'esperto della gestione del rischio clinico dell'Asl Taranto Marcello Chironi, il Presidente dell'ANMCO Puglia Pasquale Caldarola, l'Amministratore unico della Villa Verde di Taranto Rosa Maria Ladiana e l'Assessore alla Sanità della Regione Puglia Ettore Attolini.
Martedi 29 gennaio 2013, alle ore 18 presso la Chiesa Madre di Grottaglie, verrà celebrata la SS Messa in onore dei 4 medici grottagliesi defunti nel 2012: Achille D’Amore, Aldo Forleo, Cosimo Ripoli e Ciro Rosati. Subito dopo la Messa, seguiranno le relazioni del responsabile provinciale del 118 Mario Balzanelli e di Salvatore Lenti su quello che accade dal momento in cui si ha l’arresto cardiaco e si defibrilla in attesa del 118. Subito dopo verranno consegnati i 5 defibrillatori – di cui 3 dono di Medici per San Ciro e delle Confraternite alle forze dell’ordine di Grottaglie (Polizia, Carabinieri e Vigili urbani), 1 dono dello SPI/CGIL ai pensionati e 1 dono delle Soroptimist e dell'Università dell’età libera ad una scuola grottagliese. Inoltre, verranno consegnati gli attestati, riconosciuti a livello europeo, ai primi 22 First Responders accreditati all’utilizzo del defibrillatore, i quali il 23 gennaio avranno frequentato il corso specifico del 118.
Alla serata, che verrà condotta nella sua prima parte dalla giornalista Anna Rita Palmisani, ed aperta dall'intervento del dott.Cosimo Nume – presidente dell'Ordine dei medici di Taranto – e dal saluto delle confraternite di Grottaglie, parteciperanno don Eligio Grimaldi – parroco della Chiesa Madre – il dott. Claudio Sammartino – prefetto di Taranto – l'avv. Ciro Alabrese – sindaco di Grottaglie – il dott. Enzo Giuseppe Mangini – questore di Taranto - dott. Ettore Attolini – assessore regionale alla sanità - Dott. Fabrizio Scattaglia – direttore generale dell'Asl Taranto – la prof.ssa Silvana Stanzione – Coordinatore Regionale Tribunale per i diritti dell’Ammalato – il Maresciallo Giovanni Caforio - Comandante Carabinieri di Grottaglie – il Ten. Giovanni Esposito - Comandante Vigili Urbani di Grottaglie – il dott. Vincenzo Maruzzella - Dirigente Commissariato Polizia di Stato di Grottaglie - la prof.ssa M. Teresa Bray Traversa - Presidente Soroptimist Grottaglie Prof.ss- a Anna Maria Lenti - Presidente Università dell’età libera di Grottaglie.
A condurre la parte finale della serata il regista Alfredo Traversa. L'evento si concluderà con la premiazione del più meritevole laureato in Medicina di Grottaglie nel 2012 il quale riceverà la somma di 1000 euro offerte dall’Amministrazione Comunale di Grottaglie. Il vincitore presenterà brevemente il suo lavoro di tesi di laurea come impegno di fronte ai suoi concittadini.
Ricordiamo che a vincere le 7 edizioni precedenti sono state donne.
Lo studio d’arte di Mimmo e Paola Pinto, inoltre, in occasione di Medici per San Ciro, ha realizzato quest’anno il premio in ceramica per i giovani laureati “Le Dee del Buon Auspicio”, come augurio per la loro carriera.
Un ringraziamento particolare va ai volontari della Croce Rossa Italiana di Grottaglie.
 
 
 
Per info:
programma e notizie sul sito www.medicipersanciro.org
Ufficio Stampa
Anna Rita Palmisani
Cell. 329.2930197 – 3314660990
 
Medici per San Ciro
Dott. Salvatore Lenti
Cell. 339/3841050
 
 
E' possibile devolvere il 5 per 1000 all'associazione Medici per San Ciro utilizzando il Codice Fiscale dell'associazione CF 90199140733.
Leggi tutto...

SPI - CGIL aderisce al progetto "Una scossa al cuore"

  • Pubblicato in Sociale

 

 
 
 
Anche lo SPI – CGIL di Grottaglie ha aderito all'iniziativa “Una scossa al cuore”- programma operativo diretto al trattamento dell’arresto cardiaco. Un progetto sulla defibrillazione precoce promosso dall’associazione Medici per San Ciro Onlus, insieme alle Confraternite di Grottaglie, il 118 Taranto Soccorso, l’Azienda Sanitaria Locale ASL Taranto, con il patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Taranto, della Città di Grottaglie, dell’Ordine dei Medici di Taranto e della Schiller Diagnostics – ESAOTE.
A dare la notizia sono Eva Santoro – segretario provinciale dello SPI – CGIL - Giovanni Angelini – segretario organizzativo dello SPI – CIGL provinciale – Robero De Gregorio – segretario dello SPI – CGIL di Grottaglie - e Salvatore Lacava – ex segretario dello SPI – CGIL di Grottaglie attualmente componente della segreteria.
«Vogliamo rientrare nel progetto – ha detto Angelini – in un protagonismo che ci veda quali attori al suo interno. Il nostro dovere come sindacato pensionati, non può limitarsi al solo lato economico della vita degli anziani, ma in qualche modo deve riguardare anche la salvaguardia della stessa. È per questo che abbiamo deciso di aderire all'iniziativa “Una scossa al cuore”, acquiestando un defibrillatore da destinare alla nostra sede grottagliese».
Saranno una decina i componenti dello SPI – CGIL di Grottaglie, fra uomini e donne, che verranno formati dagli operatori del 118 all'utilizzo del defibrillatore, che come tutti gli apparecchi rientranti nel progetto “Una scossa la cuore”, verrà mappato all'interno del più ampio progetto regionale che collega tutti i defibrillatori pugliesi al 118.
«Poter intervenire tempestivamente su un attacco cardiaco salvando una vita è per noi molto importante – ha aggiunto Angelini - credo che questo sia un progetto che si dovrebbe allargare oltre i confini di Grottaglie, perché non solo salvaguarda la vita, ma anche la sua qualità. E noi come SPI – CGIL contribuiremo affinché ciò avvenga. Un'operazione del genere è un investimento serio che giustifica la spesa».
Già 5 anni fa lo SPI – CGIL di Grottaglie aderì al progetto “EDAPA” - Educazione automisurazione pressione arteriosa, ideato sempre da Medici per San Ciro e che prevedeva uno screening sulla valutazione del rischio cardiovascolare, rilevando l'importanza dell'auto misurazione pressioria. Uno studio su 3000 cittadini di cui circa 400 iscritti allo SPI – CGIL.
Quello che verrà acquistato dallo SPI – CGIL per la sede di Grottaglie, si va ad unire ai defibrillatori che Medici per San Ciro donerà alle forze pubbliche d’emergenza di Grottaglie (Vigili Urbani, Polizia e Carabinieri) e a quelli, rientranti nello stesso progetto, che l'assessorato allo Sport di Grottaglie donerà alle strutture pubbliche sportive. La consegna degli apparecchi avverrà il 29 di gennaio prossimo in occasione dell'annuale convegno di Medici per San Ciro.
Leggi tutto...

Nasce Bcc San Marzano Tv

  • Pubblicato in Economia

 

Saper guardare avanti, in prospettiva verso un futuro sempre più tecnologico, verso una comunicazione che sceglie il vettore dei media, la Bcc San Marzano di San Gisueppe inaugura una nuova fronteria nella comunicazione bancaria.
 
Nasce, proprio oggi, 31 ottobre 2012, in concomitanza con la Giornata Mondiale del Risparmio, la BCC San Marzano TV, la web tv della BCC San Marzano di San Giuseppe, visibile sul sito www.bccsanmarzano.tv
 
Un progetto che completa il percorso della Banca sempre più orientata verso una multicanalità reale. 
«La comunicazione bancaria – ha detto il Direttore Generale Emanuele di Palma, nel corso della conferenza di presentazione – negli ultimi anni si è radicalmente evoluta e la necessità di un dialogo sempre più stringente fra mondo del credito e risparmiatori è al primo punto all’ordine del giorno. Ecco perché abbiamo già da tempo avviato i percorsi alternativi che passano dai social network e, oggi, da una vera e propria televisione». 
 
Il progetto, coordinato dall’Ufficio Comunicazione della BCC San Marzano di San Giuseppe, è strutturato secondo le più moderne tecnologie (HD e riprese in sedici noni e on demand) e si avvale di uno studio televisivo allestito all’interno della sede centrale della BCC San Marzano di San Giuseppe.
 
«L’obiettivo è duplice – ha spiegato ancora il Direttore Generale è quello di portare all’esterno le eccellenze e le potenzialità del nostro territorio, comunicando il meglio di ciò che abbiamo; e importare opportunità per le nostre imprese, i nostri giovani, grazie a buone pratiche già attuate e possibilità d’investimento. Due esempi su tutti, per il primo caso, l’accordo con il GAL Colline Joniche, per la produzione “Green Road, le Eccellenze del Territorio” e con Innova TV (per il secondo) con la quale abbiamo allestito un TG Europportunità, per rendere Bruxelles ancora più vicina a noi. In mezzo, ci sono produzioni d’inchiesta, approfondimento, canali tematici su economia e finanza, informazione e progetti che stiamo già sviluppando, come un concorso per cortometraggi prodotti dai giovani. Insomma, BCC San Marzano TV diventa un vero e punto d’incontro tra intelligenze e progetti».
 
Fra le varie produzioni già in onda, a partire dai TG Ansa (che propone 4 finestre al giorno, tre economiche e una generalista), le prime puntate di “TG Europportunità”, “Green Road – Le Eccellenze del Territorio”, “I Padroni del Vapore”, “La nostra storia in due minuti” (un cartoon curato da TIWI con la storia della BCC San Marzano di San Giuseppe e delle Banche di Credito Cooperativo dalla loro nascita e contestualizzate nel periodo storico italiano ed europeo), uno speciale sul Taranto Finanza Forum e sulle strategie multicanali della BCC San Marzano di San Giuseppe.
 
Fra le trasmissioni autoprodotte, questi i contenuti delle prime puntate in linea: 
TG Europortunità - Roberto Rizzo ci guida nelle più importanti occasioni da cogliere a livello europeo. Focus e informazioni su bandi aperti e finanziamenti agevolati riservati a cittadini, imprese, enti e associazioni dell'UE. 
Uno spaccato sulle buone pratiche grazie alla collaborazione fra gli enti locali dell'area cesenate, le aziende e l'Unione Europea. Infine, una sezione ci presenta la storia dell'UE attraverso gli occhi dei padri fondatori, primo fra tutti Altiero Spinelli, e l'Agenda degli appuntamenti di fine anno.  
Green Road - Le Eccellenze del Territorio - Nel primo appuntamento stagionale di "Green Road - Le Eccellenze del Territorio", Alessandra Abatemattei incontra in studio il Direttore Generale della BCC San Marzano di San Giuseppe, Emanuele di Palma, e il Presidente del GAL Colline Joniche, Antonio Prota. Nel corso del programma, in evidenza l'intesa fra i partner che ha quale denominatore comune quello di proporre all'esterno una bella fotografia delle eccellenze locali; I Padroni del Vapore - La prima puntata del programma firmato da Fulvio Colucci e Valeria D'Autilia è "Cuore d'Acciaio". 
Riflettori puntati sul caso-Ilva di Taranto e i suoi riflessi sullo sviluppo economico, sociale e culturale della cintura tarantina che gravita attorno al più grande siderurgico europeo, con le voci dei giovani operai e le loro prospettive. In studio l'editore Piero Massafra e lo storico Roberto Nistri, i quali sono stati protagonisti di volumi come "L'età dell'acciaio", che racconta l'incontro fra Taranto e l'Italsider (ora Ilva). Oggi siamo alla vigilia della pubblicazione di un nuovo lavoro a tema.
 
Le Televisioni che vogliono ricevere un abstract video della conferenza stampa possono inviare una mail al mio indirizzo, specificando il formato.
 
 
 
 
Leggi tutto...

Il Sindaco Alabrese: “Non si infanghi il buon nome del San Marco con considerazioni fasulle, frutto soltanto di sterile demagogia”.

  • Pubblicato in Sociale

 

Il tema è il punto nascita del nosocomio grottagliese ed è proprio il Sindaco, Ciro Alabrese, ad invitare a lavorare per il bene comune e abbandonare le note capitalistiche: "Il reparto è un'accellenza da difendere".
 
Commenta così le dichiarazioni diffuse a mezzo stampa da alcuni esponenti politici ionici, che avrebbero denunciato mancanza di sicurezza presso il Punto Nascita del San Marco.
La querelle, nata a seguito della scelta dell’Assessorato regionale alla Sanità e del Comitato di esperti per la definizione dei punti nascita da mantenere in vita, sembra assumere contorni che poco hanno a che vedere con l’offerta di salute del territorio.
 
“E’ utile ricordare a noi e a tutti i cittadini ionici – continua il Sindaco Alabreseche la scelta di privilegiare il Punto Nascita del San Marco non è stata calata dall’alto, ma nasce dall’applicazione di alcuni punti fondamentali dell’accordo Stato-Regioni che ha obbligato la Puglia e molte regioni italiane a tagliare alcuni reparti di Ostetricia-Ginecologia (numero annuo di parti, vicinanza a grossi poli ospedalieri, ecc.). Tale scelta nulla toglie al valore del Giannuzzi e, soprattutto,  è stata compiuta nell’ottica di offrire un servizio migliore ai cittadini di terra ionica, compresi quelli dell’area orientale.
Dopo questa indispensabile premessa, pare quindi assolutamente campanilistica (e forse strumentalmente politica, perché proveniente da esponenti di centro e centrodestra) la polemica che vorrebbe aizzare gli animi dei cittadini e spaventarli, delegittimando il lavoro dei medici e degli operatori del San Marco e lasciando loro credere che il Punto Nascita di Grottaglie non sia in grado di fronteggiare le emergenze.
Ciò, lo ribadisco, è assolutamente falso e ne è dimostrazione non solo il grande numero di mamme che quotidianamente sceglie e continua a scegliere il San Marco per mettere al mondo i propri figli, ma anche la scarsissima incidentalità, prossima praticamente allo zero statistiche alla mano, che da sempre caratterizza il reparto di Ostetricia-Ginecologia di Grottaglie.
Mi rendo conto – conclude il Sindaco Alabrese che in un momento così difficile per l’Italia e per le nostre comunità, sia molto più facile cavalcare l’onda della demagogia piuttosto che impegnarsi a costruire risposte efficaci per i nostri cittadini. Sono però convinto che sia quella la direzione da intraprendere, con il sostegno di tutti e anche con il contributo di quelle forze politiche e sociali che hanno davvero a cuore le sorti del territorio e che vogliono costruire con ragionevolezza e sapienza il futuro della sanità ionica. A loro faccio appello convinto, com’è stato sinora, di raccogliere eccellenti adesioni.”
 
Leggi tutto...

Associazioni Industraili: Enzo Cesareo presenta le tematiche a Grottaglie

 

Aria nuova, nuovo programma per l'Associazioni Industriali.
Enzo Cesareo, a Grottaglie, illustrerà gli strumenti che Confindustria Taranto userà per accompagnare le imprese nei loro percorsi di innovazione, per poterle affiancare nei processi di internazionalizzazione e supportarle nei contesti di crisi.
 
Ovviamente, nel complesso, verranno presentate le strategie di sviluppo contenute nel nuovo programma dell’Associazione di via Dario Lupo: saranno questi i temi che saranno illustrati dal Presidente di Confindustria Enzo Cesareo oggi, venerdì 13 luglio, nella sede di Grottaglie della Bcc San Marzano di San Giuseppe, ad una rappresentanza di imprese locali operanti in diversi settori.
 
Ad affiancare il neo presidente nella trattazione degli argomenti che più di altri stanno a cuore al sistema imprenditoriale di terra jonica sarà il Direttore Generale dell’istituto di credito, Emanuele di Palma, il quale aprirà i lavori.
 
Confindustria avvia con questo incontro un percorso di “ascolto” delle imprese, sia per raccogliere le principali istanze del sistema imprenditoriale in un momento fra i più critici sul versante economico e finanziario, sia per illustrare idee, progetti e proposte da condividere con la platea delle grandi, piccole e medie imprese di terra jonica. 
 
L’appuntamento è alle 17,30.
Leggi tutto...

Padre Francesco Marinelli, Superiore generale dei Frati Minimi di San Francesco di Paola

  • Pubblicato in Sociale

 

Presso il Collegio Internazione dell'EUR per l'85° Capitolo dell'Ordine, a Roma, i Frati Minimi di San Francesco di Paola, hanno confermato
il P. Francesco Marinelli alla carica di Superiore Generale, precisamente, “Correttore Generale”.
 
P. Marinelli fu eletto la prima volta sei anni fa, nel 2006, quando guidava la parrocchia di  S. Francesco di Paola in Grottaglie e svolgeva l’incarico di vicario foraneo per la vicaria di Grottaglie-Montemesola. 
Le sue elette qualità umane hanno spinto i confratelli a rinnovargli la fiducia per il prossimo sessennio. 
 
Nato nel 1945 nella Città della Ceramica, la nostra Grottaglie, dopo aver seguito i primi anni di formazione nella Scuola Apostolica annessa al convento dei Paolotti di Grottaglie, P. Marinelli ha completato gli studi liceali a Paola. 
Dal 1965 al 1971 ha studiato filosofia e teologia presso la Pontificia Università Lateranense di Roma dove ha conseguito la licenza in Sacra Teologia ed è stato ordinato sacerdote. 
Ha svolto il ministero sacerdotale nella Parrocchia di San Francesco di Paola in Taranto e successivamente ha ricoperto l’incarico di assistente provinciale, di docente  e maestro dei  giovani liceali nel santuario di Paola. 
A Grottaglie è tornato come superiore  e parroco dal 1983 al 1989 e negli anni successivi ha retto la Provincia monastica dei Minimi di Puglia e Calabria per molti anni a Paola, impegnandosi nella realizzazione della nuova basilica del Santo che oggi tutti ammiriamo come importante esempio di edilizia religiosa del Mezzogiorno.
 
La notizia della sua elezione è giunta molto gradita a Grottaglie, dove P. Marinelli gode grande stima e apprezzamento, e in particolare nel quartiere e nella parrocchia dei Paolotti. 
P. Salvatore Palmino, attuale parroco e responsabile della piccola comunità dei Minimi, non nasconde la sua soddisfazione e la sua emozione: “L’Ordine ha saputo scegliere ancora la persona giusta per il prossimo sessennio: P. Marinelli è una persona di valore, ricco di tanti carismi umani, spirituali e intellettuali che sicuramente continuerà a guidare sapientemente la piccola famiglia di San Francesco di Paola in questi anni difficili. Grottaglie può esserne felice. Ovviamente siamo tutti impazienti di averlo tra noi per vivere questo bel momento di gioia”   
 
La conferma del  successore di S. Francesco di Paola in P. Marinelli rende orgogliosi i grottagliesi che vedono un altro concittadino chiamato a un incarico impegnativo nella Chiesa, accanto a Mons. Salvatore Ligorio, arcivescovo metropolita di Matera e a Mons. Ottavio Vitale, rogazionista e vescovo di Leizhe in Albania; ma accanto ad altre figure di prestigio parimenti impegnate, come P. Bernardo Cervellera (missionario del Pontificio Istituto Missione Estere, scrittore e giornalista, attualmente responsabile dell’agenzia giornalistica AsiaNews) e Don Vincenzo Annicchiarico (responsabile del Servizio Nazionale per l’Insegnamento della Religione Cattolica).
 
L'Ordine dei Minimi (che P. Francesco Marinelli guiderà nei prossimi sei anni) venne fondato in Calabria da S. Francesco di Paola attorno al 1435 e ha avuto una storia di rilievo nei secoli scorsi avendo dato alla Chiesa molti uomini di dottrina e di pietà.
Oggi, ridotto nel numero, è presente in Italia, Spagna, Brasile, Colombia, Stati Uniti, Repubblica Ceca, Ucraina, Messico, Camerun e India. I Minimi sono presenti in Puglia a Taranto, Bari e Grottaglie.
Leggi tutto...

Prestazioni positive per la BCC San Marzano di San Giuseppe

  • Pubblicato in Sociale

 

Prestazioni ottime, quelle che ha raggiunto la BCC di San Marzano di San Giuseppe. Nei primi sei mesi dell’anno, un trend di crescita decisamente  positivo, rafforzando le proprie quote di mercato sul territorio. 
I saldi di  raccolta, impieghi, utile, in forte incremento sull’ultimo esercizio, rafforzano la linea politica da tempo perseguita dai vertici aziendali. 
 
La raccolta diretta ha segnato un +8% (passando da 336milioni di euro di dicembre 2011 a 365milioni); gli impieghi segnano un positivo +2% (228milioni di euro contro i 224milioni dello scorso anno); interessante il dato sull’utile netto di periodo (gennaio-giugno 2012) che supera 1,6 milioni di euro (l’utile dell’intero 2011 è stato 1,4 milioni di euro). 
 
Il quadro dell’andamento assume rilievo in relazione al periodo di recessione che ha colpito il sistema economico nella sua complessità, a cominciare da famiglie e imprese. Proprio su questo filone, la BCC San Marzano di San Giuseppe, riesce a contenere le sofferenze ben sotto la media nazionale e regionale. 
 
«La strategia adottata negli ultimi anni – dice il Direttore Generale, Emanuele di Palmaè quella di dare vita ad un modello di riferimento di banca locale, capace di assolvere in pieno e totalmente al ruolo di motore finanziario del territorio ma anche di saper guardare oltre,in particolare al sociale, alla cultura,alla consulenza alle imprese. I risultati degli ultimi anni, così come quello della semestrale 2012, indicano chiaramente che la strada intrapresa è vincente. Riuscire a mantenere costante il trend di crescita, migliorando la performance anche in un momento critico qual è quello attuale per l’intera economia, non è un caso o frutto d’improvvisazione ma l'attesa conseguenza di una attiva partecipazione alla vita del territorio. Negli ultimi anni abbiamo creato una struttura interna sofisticata ed altamente professionale, capace di mantenere il dinamismo e la velocità che una piccola banca deve avere. Tutto questo ci viene riconosciuto dalla  clientela che continua a dare fiducia alla Banca rafforzandola».
 
Il Presidente Francesco Cavallo ribadisce: «L’impegno della BCC San Marzano di San Giuseppe verso l’area di appartenenza è assoluto. Non faremo mai mancare il nostro apporto alla crescita. I numeri parlano chiaro, ci dicono che  le province nelle quali siamo presenti, vedono in noi una Banca della quale potersi fidare. La relazione sempre più stringente con famiglie e imprese, ci porta a impegnare risorse e lavoro per favorire sempre nuove condizioni di sviluppo, così da costituire un argine, un punto di riferimento, in questa acuta fase recessiva». 
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up