Dal 12 al 14 settembre Festa dell' Unità a Grottaglie

Dal 12 al 14 settembre prossimi, a Grottaglie si festeggia "L'Unità". L'evento, organizzato dal Partito Democratico del posto, si svolgerà in piazza Principe di Piemonte tra musica, spettacoli e politica. Il programma, presentato ieri sera dal Segretario del PD - Grottaglie, Paolo Annicchiarico, è caratterizzato, infatti, da una serie di dibattiti politici dai temi di grande importanza, tra i quali il lavoro e la situazione del Mezzogiorno, e da momenti di divertimento ( ospiti della serata del 12 saranno i ballerini della Daniel's Dance School mentre sabato 13, i protagonisti saranno i musicisti della rock band "The Killerbones"). I "tre giorni" della festa si concluderanno con un incontro pubblico del Sindaco di Grottaglie con la cittadinanza ed uno spettacolo teatrale, "La famigghia di Santu Tunato".

Leggi tutto...

Aeroporto Arlotta: Ordine del giorno del consiglio comunale di Grottaglie

  • Pubblicato in Economia

Francesco Donatelli Consigliere Comunale del gruppo del Partito Democratico ha presentato in data 5 settembre al consiglio comunale un ordine del giorno che verrà discusso il giorno 8 settembre, per fare chiarezza sul punto della situazione sull'aereoporto Arlotta di Grottaglie chiedendo al Sindaco di Grottaglie un impegno affinchè si attivino le istituzioni.

Leggi tutto...

Annicchiarico (PD): "Su Call Center di Grottaglie rabbia e preoccupazione"

Rabbia e preoccupazione.


Sono questi i sentimenti che ci animano dopo aver appreso, soltanto poche ore fa, che anche nel nostro Comune è stato scoperto un call-center che - se dovessero essere confermati i fatti - era diventato un vero e proprio sinonimo di sfruttamento. Ragazze e ragazzi raggirati senza scrupoli, come se per qualcuno "fare l'imprenditore" debba significare, semplicemente, trasformare il lavoro in una merce senza valore. E questo, nonostante la collaborazione con grossi marchi internazionali come Fastweb e H3g che avevano commissionato la vendita dei loro pacchetti per la telefonia fissa e mobile.
Bene ha fatto la Segreteria Provinciale della Slc-Cgil, alla quale diverse lavoratrici si sono rivolte, a denunciare questa situazione.


L'emergenza è sempre la stessa, creare lavoro. E i dati nazionali sulla disoccupazione giovanile del Giugno scorso (700.000 ragazzi tra i 15 e i 24 anni) sono più che allarmanti. Ci sono diversi modi per rispondere alla crisi e rendere più competitive le aziende, ma certamente nessuno di questi contempla una "flessibilità" così spinta da rasentare l'affarismo e la speculazione sulla pelle dei lavoratori protagonisti della vicenda, ai quali era stato chiesto di utilizzare persino i loro telefonini personali per effettuare le chiamate e contattare i potenziali clienti.


La verità è che a volte ci concentriamo di più sulle grandi questioni, come il "tormentone" estivo dell'art 18 dello Statuto dei Lavoratori, ma finiamo col perdere di vista quel che accade a pochi passi da casa nostra. La moltiplicazione esponenziale dei contratti fintamente "flessibili" ha creato il più grande serbatoio di precarietà mai visto, e tutto a carico dei giovani. Adesso si vorrebbe completare l'opera rendendo più liberi i licenziamenti per i neo assunti.


Ma anche questa piccola, triste vicenda grottagliese, dimostra che una maggiore produttività non si ottiene pagando meno i lavoratori e cancellando con un colpo di spugna diritti e tutele.
Al contrario, si ottiene investendo in formazione, tecnologie, innovazione e coinvolgendo le forze sociali in una strategia di sviluppo. E una nuova economia non può essere frutto di un decreto ministeriale ma di una visione che la politica dovrebbe ricominciare a coltivare, insieme a un nuovo patto tra capitale e lavoro a tutti i livelli, compresi quelli territoriali.


Noi siamo per i diritti minimi da garantire a tutti e riteniamo ragionevole prevedere l'introduzione di un "Contratto unico a tutele crescenti" che abbia la piena e integrale applicazione dello Statuto dei Lavoratori, dopo un periodo di prova sino a tre anni di durata. Una volta terminata la prova, se ci sarà l'assunzione a tempo indeterminato, l'azienda potrà godere anche di uno sconto sul costo del lavoro che abbia carattere strutturale.


Se vogliamo discutere del lavoro del futuro, cominciamo a farlo seriamente.

Leggi tutto...

Elezioni Provinciali alle porte: parlano Segretari PD

Mancano solo poche settimane alle Elezioni Provinciali del 28 Settembre e si fa sempre più urgente la necessità di individuare, tra i bravi Sindaci eletti con coalizioni di Centro-sinistra, una personalità rappresentativa dell'intero schieramento e una lista di candidati che rappresenti la reale sintesi delle diverse istanze di tutto il variegato territorio jonico.
Siamo in forte ritardo! - dichiarano i segretari -  E' necessario avviare in ogni Comune, a cominciare dal capoluogo, una larga discussione democratica su quale ruolo intendiamo affidare al nuovo Ente Provinciale perché sia promotore di uno sviluppo sostenibile e duraturo. Un confronto ampio e partecipato che si apra anche alle istanze di quelle liste civiche che in ogni realtà locale hanno la solidarietà e l'equità sociale come valori di riferimento.
Dopo quel che è accaduto in passato a Taranto - proseguono i segretari PD - dove Forza Italia aveva lasciato un immane dissesto finanziario fatto di rovine e macerie, sicuramente non permetteremo che la Provincia di Taranto cada nelle mani di una Destra arrogante e qualunquista, magari mettendo in atto improbabili "larghe intese": significherebbe rinunciare definitivamente ad ogni possibilità di rilancio di un territorio che vive ogni giorno grandi difficoltà.
L'Ilva, Teleperformance, la Vestas, l'agricoltura e la viticoltura, il turismo, l'artigianato, i piccoli imprenditori: ogni giorno dobbiamo far fronte a una crisi economica senza precedenti e solo un Centro-sinistra largo e unito potrà dare risposte concrete e creare una collaborazione proficua col Governo nazionale guidato da Matteo Renzi.
Si condivide infine questo documento sottoscritto dai segretari politici di centro sinistra dei circoli di Martina Franca - Angelo Ancona (PD) Pino Fedele (SEL) Tommaso Caroli (MEP) Pino Colucci (PIP) - apparso sulla stampa in questi giorni sulla stampa e chiediamo alle Direzioni Provinciali e alle Segreterie Politiche dell'area di centro sinistra della nostra Provincia, di farsi promotori (coinvolgendo i consiglieri comunali dei partiti e delle civiche che si riconoscono nella area riformista del centro sinistra, magari attraverso i propri capigruppo) di ogni iniziativa utile a scegliere nei prossimi giorni la personalità più adatta da candidare alla Presidenza della Provincia e a formare una lista unitaria dei candidati al Consiglio Provinciale.

I Segretari di Circolo:

Paolo Annicchiarico (Grottaglie)

Debora Artuso (Statte)

Michele De Valerio (Manduria)

Giancarlo Gillo (Pulsano)

Valerio Papa (Circ. Volta – Taranto)

Carlo Sforza (Crispiano)

Michele Vergine (Faggiano)

Leggi tutto...

Elezioni provinciali: un grande centrosinistra per la nuova Provincia

"Dopo l'approvazione della riforma Del Rio sugli enti locali, la gestione commissariale della nostra provincia dovrà terminare per lasciare posto al nuovo Consiglio Provinciale e alla nuova Giunta, da eleggere tra i sindaci e i consiglieri comunali di Terra Jonica".
Lo rendono noto, in un comunicato, i componenti di sinistra democratica della direzione provinciale del PD di Taranto.
"Sarà un passaggio nuovo - prosegue la nota - che trasformerà l'ente in Istituzione di 2 livello con meno competenze rispetto al passato. Ma pur senza il consenso diretto dei cittadini la nuova amministrazione avrà sfide importanti.
A nessuno di noi sfugge, infatti, la complicata situazione finanziaria della nostra provincia, insieme alle grandi questioni aperte: Isolaverde, Paisiello, lavoratori protocollo informatico, l'infrastrutturazione stradale, la formazione professionale e l'edilizia scolastica solo per citarne alcuni.
Questioni che si sono aggravate in questi ultimi mesi, non certo per responsabilità personali del dott. Tafaro, ma per un oggettivo limite della stessa struttura commissariale.
Per questo non vogliamo sottovalutare questo nuovo passaggio elettorale del 28 settembre 2014.
Il centrosinistra nella nostra provincia ha responsabilità importanti in ruoli di governo in 12 comuni, compreso la città capoluogo con Ezio Stefano, grossi centri come Martina Franca con Franco Ancona, Grottaglie, con Cir Alabrese, Mottola con Luigi Pinto, San Giorgio Jonico con Giorgio Grimaldi, Statte con Angelo Miccoli, Laterza con Gianfranco Lopane, Palagiano con Tarasco, Carosino con Arcangelo Sapio, Monteiasi con Salvatore Prete, Monteparano con Cosimo Berardi, Faggiano con Antonio Cardea. Insieme a tanti consiglieri comunali d'opposizione in tutti i centri dove siamo minoranza, rappresentiamo una realtà importante che può ambire a candidarsi al governo dell'ente provincia.
Ed è per questo - conclude la nota - che le dichiarazioni dell'on.Chiarelli non ci convincono; nel merito e nel metodo. Non c'è da fare nessuna trattativa a tavolino.
Per noi c'è da costruire un programma fattibile, e a questo metterci le competenze istituzionali migliori del territorio in un confronto, questo sì, civile e democratico, che dovrà consumarsi in maniera trasparente nei consessi comunali.
Anche per tutto ciò, chiediamo al nostro segretario provinciale e al Presidente della direzione provinciale del partito di convocare al più presto la direzione per avviare un confronto tra noi per allargarlo successivamente a tutto il campo del centrosinistra Jonico".

Leggi tutto...

PD: Ricordando Berlinguer

Trent'anni. È passato tanto tempo dalla scomparsa di Enrico Berlinguer, Segretario generale del Partito Comunista Italiano dal 1972 fino alla sua morte, avvenuta nel Giugno dell'84. Eppure, rimane ancora il Segretario più amato della Sinistra italiana.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up