PD Grottaglie: conferenza stampa per salvaguardare l'ospedale

  • Pubblicato in Politica

Visti i recenti accadimenti che stanno interessando la Asl ionica in generale, ed in particolare l'ospedale di Grottaglie, domani, sabato 28 alle ore 11:30, presso il circolo PD (piazza Vittorio Veneto) è convocata una conferenza stampa urgente durante la quale, il segretario cittadino Paolo Annicchiarico ed il capogruppo in consiglio comunale Massimo Serio illustreranno la posizione del partito locale e le lotte da intraprendere per salvaguardare l'ospedale "San Marco".

Leggi tutto...

Massimo Serio (PD): occorre comunicazione tra Alenia e territorio

"Desta sicuramente sconcerto e preoccupazione la lettera di un gruppo di dipendenti della HB TECHNOLOGY, azienda che lavora nell'indotto della "Alenia Aermacchi" di Grottaglie".

"In questa lettera, vengono denunciate condizioni di lavoro pessime in cui si trovano ad operare i lavoratori in questione, dalla mancanza della mensa all'assenza delle docce e degli spogliatoi, dalla mancanza delle necessarie autorizzazioni sanitarie al non funzionamento degli impianti di sicurezza.Ora, visto che la denuncia di cui sopra è stata inoltrata alla Procura della Repubblica, alla Guardia di Finanza e al Nucleo Carabinieri - Ispettorato del Lavoro mi auguro e sono certo che adesso le Istituzioni chiamate in causa sapranno accertare la veridicità dei fatti esposti, mentre prendo atto della immediata smentita della ditta HB che respinge le accuse mossegli, ponendo la massima fiducia nell'attività che la Magistratura andrà a svolgere. In attesa, quindi, che le Istituzioni di controllo e vigilanza appurino la realtà dei fatti, non possiamo non evidenziare alcuni dati incontrovertibili: 1) è del tutto evidente l'assenza di interlocuzione e di dialogo tra l'Alenia Aermacchi, le Aziende dell'indotto che orbitano attorno ad essa e le Istituzioni del territorio, come già recentemente ha avuto modo di denunciare con forza il Sindaco di Grottaglie, Ciro Alabrese, per ultimo a proposito della decisione di Alenia di non confermare i contratti di lavoro interinali a 40 dipendenti italiani e di reintegrare, al contrario, tutti i lavoratori interinali stranieri. Alenia, in definitiva, spesso e volentieri appare come un corpo estraneo al tessuto sociale: non vi è né dialogo, né comunicazione. 2) Le stesse aziende dell'indotto non possono e non devono pensare che l'approvazione del "jobs act" dia loro la libertà di fare il bello ed il cattivo tempo con i lavoratori e nei
luoghi di lavoro, poiché le normative vigenti in materia dei diritti dei lavoratori e sulla sicurezza vanno scrupolosamente rispettate: su questo punto non c'è possibilità alcuna di travisamento. È necessario, e quanto mai opportuno, un tavolo di concertazione tra Alenia, l'indotto e le forze politiche, sociali e le Istituzioni del territorio poiché la crescita e lo sviluppo del nostro tessuto sociale, economico e culturale non può prescindere da un confronto costante e da un'azione concertata tra gli attori in campo, affinché episodi come la vicenda HB non abbiano più a ripetersi".

Queste le dichiarazioni di Massimo Serio, Presidente della Direzione Provinciale PD Taranto e Capogruppo PD al Consiglio Comunale di Grottaglie.

Leggi tutto...

Partito Democratico: "Sabato ringrazieremo i grottagliesi del grande risultato"

"Un risultato straordinario. Il Partito Democratico è la prima forza politica nel Paese. E anche a Grottaglie, col 38,27% dei voti". A dichiararlo è la Segreteria del Partito Democratico di Grottaglie.
"Una vittoria di Matteo Renzi: col suo Governo, ha dimostrato di esser capace di arginare gli istinti più populisti e risulta ormai decisivo per la tenuta della democrazia in Italia. I voti ottenuti dal PD rappresentano un forte messaggio di cambiamento anche per l'Europa.
Oggi l'Italia è più forte - prosegue il comunicato - i Democratici hanno affrontato questo passaggio uniti. Tutto il Partito Democratico ha lavorato per ottenere questi risultati nelle diverse Circoscrizioni. Nelle grandi città come nei piccoli Comuni si sono organizzate manifestazioni, dibattiti e iniziative che hanno visto protagonisti tutti i dirigenti e migliaia di iscritti con passione e impegno.
Il Movimento di Grillo e tutte le altre forze politiche sono in crisi, a dimostrazione che la protesta fine a se stessa non riesce a diventare alternativa seria. Eppure, i risultati conseguiti dai movimenti estremisti e populisti in tutte le nazioni del nostro Continente costituiscono l'indizio più evidente della disaffezione dei cittadini verso le Istituzioni comunitarie. In Italia, come nell'Unione Europea, servono riforme radicali per uscire dalla crisi e dare risposte concrete a milioni di persone che hanno scelto la via della speranza, pur in un momento così drammatico.
Quella di domenica scorsa è anche una bellissima vittoria del gruppo dirigente cittadino del PD, che ha messo in campo tutta una serie di iniziative politiche sul territorio, con la volontà di guardare i cittadini negli occhi e spiegare casa per casa le ragioni di un'Europa più solidale e più forte.
Sabato 31 maggio - conclude il comunicato - alle 20:30 in Piazza Principe di Piemonte, il PD ringrazierà i Grottagliesi con un pubblico comizio. Interverranno: Paolo Annicchiarico (Segretario Cittadino), Massimo Serio (Presidente della Direzione Provinciale PD), il Sindaco Ciro Alabrese e il Presidente del Consiglio Comunale, Alfonso Manigrasso. L'apertura della manifestazione sarà affidata a Christian Della Porta, in rappresentanza dei Giovani Democratici".

Leggi tutto...

Serio (Pd): Perche' Sud in Movimento ha votato contro la somma destinata alla piscina?

  • Pubblicato in Politica

 

“Come cittadini che hanno a cuore i bisogni dei grottagliesi, non riusciamo a comprendere l'atteggiamento strumentale di chi pubblicamente sbandiera la volontà di vedere quanto prima riaperta la piscina coperta e poi, in consiglio comunale, vota contro una somma dell'avanzo di amministrazione destinata alla ristrutturazione dell'immobile.”
A dichiararlo è Massimo Serio, capogruppo consiliare del Partito Democratico al Comune di Grottaglie, che commenta così la posizione assunta in assise comunale dal consigliere di Sud in Movimento, Ciro D'Alò.
“Riteniamo irresponsabile – rimarca Serio – che durante lo scorso consiglio comunale D'Alò abbia prima interrogato l'Amministrazione Comunale sul futuro della piscina coperta e poi votato contro l'utilizzo di circa 320 mila euro dell'avanzo di amministrazione, da sommare alle altre risorse economiche erogate precedentemente per la ristrutturazione della stessa. Tali somme – il cui utilizzo è stato fortemente voluto dal Sindaco Ciro Alabrese, dall'Assessore ai Lavori Pubblici Alfonso Annicchiarico e dall'intera maggioranza - sono necessarie a far partire subito i lavori e ad assicurare ai cittadini che il servizio riparta in tempi brevi. Ciò porterà enorme giovamento non solo agli operatori che vi lavorano e a chi utilizza la piscina per fare sport e divertirsi, ma anche e soprattutto a cittadini diversamente abili che la utilizzano a scopi riabilitativi.
Si stenta a comprendere, quindi, quali siano le reali motivazioni di tale “schizofrenia politica”, che in presenza di operatori o su autoreferenziali comunicati stampa fa dichiarare a D'Alò la necessità di predisporre soluzioni urgenti in merito alla problematica, salvo poi votare contro i provvedimenti proposti dalla maggioranza e che pongono fine a tale disagio.
Per l'ennesima volta il consiglio comunale si è mostrato diviso in due: da una parte c'è chi con dovere e senso di responsabilità lavora per offrire soluzioni ai problemi dei cittadini, dall'altra chi con demagogia non solo non propone nulla, ma arriva a votare contro un provvedimento di questa natura.
Con queste motivazioni, l'atteggiamento assunto da Ciro D'Alò assume i contorni di una strumentalizzazione che sarebbe stato opportuno evitare, tanto più perché realizzata “sulla pelle” di cittadini bisognosi di aiuto e sostegno.
È proprio in momenti come questi – conclude il capogruppo consiliare del Pd - che chi fa politica dovrebbe riuscire a mettere da parte le divergenze aprioristiche, frutto solo di mero calcolo elettorale o di schieramenti contrapposti, votando i provvedimenti in base alle ricadute positive per l'intera comunità.
Nonostante l'ostruzionismo di Sud in Movimento, il Partito Democratico e l'intera maggioranza consiliare hanno votato in maniera compatta la ratifica di quella somma, offrendo a cittadini ed operatori un orizzonte chiaro in merito al ripristino del servizio e la garanzia di un impegno a favore del corretto funzionamento della struttura.”
Leggi tutto...

Serio: "Evitiamo polemiche di campanile sul Giannuzzi"

  • Pubblicato in Politica

A seguito della delibera emessa dalla direzione generale dell’Asl tarantina che accorpa di fatto i reparti di pediatria, ginecologia ed ortopedia del San Marco e del Giannuzzi, sospendendo il nido e il punto nascita di Manduria, non si sono fatte attendere le reazioni dei cittadini del comune messapico.

Alle tante proteste si è accodata quella del consigliere provinciale del Pd Bartolo Punzi, che ha minacciato di dimettersi dai suoi incarichi istituzionali, se i tagli al Giannuzzi non dovessero rientrare.

Una visione miope, quella di Punzi, agli occhi del Pd di Grottaglie, che affida la sua replica ad una nota a firma del capogruppo consiliare del Comune di Grottaglie, Massimo Serio.

"Dispiace - rimarca il capogruppo del Pd al consiglio comunale di Grottaglie - leggere commenti da parte di amici, dirigenti e rappresentanti istituzionali del Pd di Manduria che hanno come obiettivo l'ospedale San Marco di Grottaglie, contro le scelte compiute da parte del Commissario straordinario dell'Asl Taranto, Fabrizio Scattaglia.

Un gruppo dirigente responsabile dovrebbe evitare guerre di campanile che - in una delle più drammatiche crisi economiche e sociali mai vissute - oltre che inutili possono sembrare ridicole. Stiamo attraversando, da un anno, un'opera di razionalizzazione e riduzione dei servizi essenziali sanitari ad opera di un piano di rientro che nessuno di noi ha condiviso, pur essendo parte importante della maggioranza che governa la Regione Puglia. Piano di rientro che, come primo risultato ha snaturato e cancellato il modello organizzativo che nella precedente legislatura si era costruito con il Piano Attuativo Locale, condiviso dai sindaci della nostra provincia ma mai approvato in maniera definitiva.

E, per onestà, è bene dire che lo strumento del Pal non prevedeva nella zona orientale un ospedale di serie A e uno di serie B, come purtroppo qualcuno ha inteso, ascoltando qualche dichiarazione. Dentro una scelta di tipo organizzativo, l'obiettivo di costruire un polo orientale unico passava dalla costruzione di un nuovo ospedale e di una nuova struttura alberghiera, vista l'insufficienza strutturale del Giannuzzi di Manduria. Se tutto ciò sarà un libro dei sogni lo vedremo nei prossimi anni. Oggi bisogna prendere atto della realtà, che è questa: i due presidi, quello di Grottaglie e quello di Manduria, devono sopperire al bisogno di salute di un'area molto popolosa rispettando le proprie vocazioni e le proprie capacità.

La vocazione del San Marco - che sia chiaro - per storia, numeri di parti negli ultimi anni e disponibilità di risorse umane è il Punto Nascita, reparto di riconosciuta eccellenza nella nostra provincia, che facendosi carico ancora una volta di sopperire ad una fase di emergenza straordinaria, sta dimostrando capacità di sacrificio, oltre ciò che sarebbe lecito attendersi. Evitiamo quindi sterili guerre di campanile, ma diamo un contributo come partito ad un'esigenza di un nuovo modello organizzativo territoriale provinciale, che superi le ferite politiche di un lento e inesorabile depauperamento della sanità jonica a scapito di altre provincie pugliesi.

Quanto alla richiesta di consiglio provinciale monotematico, da convocare urgentemente da parte del Presidente Florido, vorrei sommessamente ricordare che su iniziativa del gruppo provinciale del Pd, il 19 settembre scorso alla presenza dell'assessore regionale Fiore, di Fabrizio Scattaglia, dei sindacati confederali, dei sindaci della rappresentanza (escluso naturalmente il Sindaco di Manduria, completamente assente su questo tema), lo stesso consiglio ha già avuto un confronto di merito, proprio alla vigilia dei provvedimenti adottati successivamente che tutti si aspettavano. Il mio invito - conclude Massimo Serio - è quello di porre un freno alle polemiche e di costruire insieme una proposta condivisa da tutta la comunità orientale, sapendo che come amministratori e come partito dobbiamo innanzitutto rispondere con senso di responsabilità, lavorando per il bene dei cittadini e non trasformando il tema della salute in sterile propaganda politica."

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up