Lovain: tra genio e follia

In un pomeriggio di questi, ho incontrato Lovain, la giovane cantautrice grottagliese piena di grinta e viscerale amore per la musica. Verso lei sento una sorta di dovere morale nell'aiutarla in questo affascinante e stupendo mondo dell'arte. Così ci siamo fatti una chiacchierata, bella, lunga, emozionante. Lei mi ha parlato di sé, del suo amore per Chopin, della predilezione per le melodie romantiche, per il pathos. Di come tutto è partito.

Leggi tutto...

L'Amore, la Vita, l'Arte, Lovain

Una messa in scena ricca di emozioni, di amore e di arte, quella avvenuta ieri sera presso la sede dell'associazione Utòpia, grazie alle composizioni di Lorena Pizzoleo, in arte Lovain accompagnata dai nobili movimenti ritmici del corpo e dell'anima danzante di Sonia Pizzoleo

Due giovani artiste, due sorelle, due amanti della vita e della musica, Lorena (Lovain) e Sonia sono riuscite a creare l'atmosfera perfetta in cui si è svolto un meraviglioso ed emozionante spettacolo musicale e artistico organizzato da Gabriele Palumbo, responsabile attività musicali, introdotto da Ciro Petrarulo, curato scenograficamente da Sonia Pizzoleo con la regia di Noemi Acquaviva

Lovain nasce da un incrocio di più consapevolezze, da un amore iniziato in adolescenza verso Chopin che gli ha permesso di innamorarsi dell'inconfondibile musica romantica francese melodiosa, da un'intensa e travolgente passione che risce a trasmettere e donare solo l'amore, una vera e propria musa ispiratrice per la cantante/compositrice. Lovain nasce dall'amore di poter narrare cantando le più profonde e intime emozioni al mondo intero.

"Penso che la musica sia nata in me con me - afferma Lovain - Non ricordo neppure quando e come ho iniziato ad avere la consapevolezza di amarla. E' iniziato tutto per gioco, cantando Azzurro al Karaoke...e poi ricordo che quando finii di cantarla pensai <forse questa cosa bella può accadere di nuovo>". 

Un susseguirsi di emozioni, sensazioni, di smaglianti sorrisi e mani frementi, una serata in cui le due artiste hanno donato al pubblico presente in sala, un punto di vista particolare e speciale della vita. Felici d'essere insieme a esporre ciò che in pochi riescono oggigiorno a narrare, Lovain attraverso la musica e Sonia attraverso la danza offrono un modo tutto loro di vedere il mondo. 

"L'augurio che mi do, che vi do e che ci do, è quello di esporre e di dare un verso all'umanità - prosegue Lovain - Dobbiamo avere il coraggio di scriverlo, qualsiasi sia l'ambiente a cui apparteniamo, di amare qualsiasi cosa ci piaccia davvero. Dobbiamo ascoltare, guardare, senza alcuna spinta e non perchè lo fanno i più ma perchè lo vogliamo noi e il nostro cuore, noi e la nostra anima". 

Una tra le prime serate evento che si svolgeranno nella sede Utòpia durante l'estate che verrà, collocata nel cuore del centro storico di Grottaglie, orgogliosa di avere giovani artisti di questo calibro che arricchiscono il patrimonio culturale-artistico dell'intera Puglia. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up