Calcio femminile, Coppa Puglia: il Real si fa male da solo!

  • Pubblicato in Sport

Pesante, inaspettata e immeritata. È la sintesi della sconfitta del Real Grottaglie andata in scena ieri, nel recupero di Coppa Puglia sul campo del Leporano. Le ragazze di L’Angellotti si flagellano da sole sbagliando l’impossibile davanti alla porta e finendo con l’agevolare il ritorno delle avversarie che al gap tecnico e fisico sono riuscite a sopperire col cinismo e la concretezza che di fatto le ha portate al gol decisivo e a nutrire ancora qualche flebile speranza nel passaggio del turno.
La prime sortite offensive del Real sono l’emblema della sua costituzione: una squadra dall’enorme potenziale che ha però nell’attacco il suo handicap più invalidante, che necessita delle migliori condizioni possibili per andare a segno e che si annulla quando le condizioni di un campo o gli sviluppi di una gara si fanno proibitive. Così, quando al 5’ Farina mette al centro dell’area per Rizzo, l’attaccante grottagliese pecca in precisione e chiude troppo il tiro, che va di poco a lato del secondo palo. Il campo “nemico” non ostacola il gioco delle grottagliesi, non quanto almeno la sagra degli errori madornali a cui si assiste. Le occasioni mancate di Antonucci e Montenegro su due calci da fermo di Potenza confermano la mancanza di cinismo, precisione e lucidità dai 16 metri delle gialloblu. E quando Graniglia, al 37’, lanciata in profondità da Farina, non inquadra lo specchio della porta da buona posizione, i timori che il gol “sfuggente” possa compromettere una partita fino a quel momento dominata, si fanno certezze.
All’apertura del secondo tempo, tutto riprende lì da dove era stato interrotto: con un Real padrone del campo, dell’avversario e di sé stesso, e un Leporano che si limita alla filosofia spicciola del “palla lunga e pedalare” che tanto facilita il compito del reparto difensivo, perfettamente integrato dallo splendido stato di forma del portiere S.Cavallo. Come da prassi, non mancano però i grossolani errori sotto porta delle grottagliesi: questa volta è Soloperto che, sola davanti al portiere, sbaglia iincredibilmente l controllo di palla , facendosi recuperare dal numero uno avversario.
Il forcing sterile del Real non porta frutti, ma solo grane: la squadra di mister L’Angellotti pare infatti accusare la stanchezza del suo gioco e la squadra locale viene fuori, complice anche un arbitro incapace di gestire, col potere che gli compete, un match che si fa poco chiaro nella direzione di gara e, sotto i colpi delle padrone di casa, cattivo e a tratti  rugbystico. Così il Leporano esce la testa dal guscio in cui si era protetto, e dal quale non riusciva ad uscirne, per quasi ottanta minuti, finendo per segnare il clamoroso gol del vantaggio a soli 4 minuti dal novantesimo, quando Mezzapesa con un lungo traversone dalla sinistra mette la palla al centro dell’area, lì dove la punta Franco anticipa tutti e scavalca con un pallonetto una S.Cavallo sino a quel momento perfetta, ma che nell’occasione pecca di tempismo nell’uscita.
Al fischio finale, il Leporano esce dal campo con 3 punti fondamentali nel prosieguo della fase a gironi della Coppa Puglia che vede ora il Real Grottaglie e la Salento Donne a pari merito con 8 punti, seguite dal Leporano con 6 e il Brindisi fermo a 5 e ormai fuori dai giochi.
Diventa ora decisivo quello che ha tutta l’aria di essere un big-match: Grottaglie e Salento Donne infatti domenica 4 si sfideranno al centro sportivo San Francesco de Geronimo (alle ore 14:30) in vista dell’ultima gara in programma, che sancirà la prima e la seconda del girone A della competizione. Alle grottagliesi e alle leccesi, in virtù della differenza reti, basterà anche solo un pareggio per il passaggio del turno, rendendo nulla anche una eventuale vittoria del Leporano nell'altro match e che dovrà  quindi necessariamente sperare nella sconfitta di una delle due capoliste.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up