A (Irrational) Head Full of Dreams

Ripartiamo con la rubrica in cui ogni settimana commenterò un libro, un film e un disco tra le ultime uscite. Per questo ritorno ho scelto "Anna" di Niccolò Ammaniti, il nuovo film di Woody Allen e l'ultimo album dei Coldplay. Eccezionalmente di Lunedì poi tornerà, dalla prossima settimana, al suo abituale giorno, la Domenica. 

Leggi tutto...

Non c'è pericolo: intervista al cantautore Samuel Vampo

Ciao Samuel, presentati ai lettori di Grottaglie24.

Ciao a tutti, mi chiamo Samuel Vampo e ho 26 anni. Coltivo il sogno della musica da circa 12 anni tra studi di chitarra, pianoforte e canto. Mi definisco un cantautore, eclettico e versatile, amo l'arte in ogni sua sfumatura e d'altra parte non poteva essere altrimenti visto che sono un grottagliese doc.

Leggi tutto...

Sorprese visionarie: Zerocalcare, Die e Tomorrowland

In questo primo giorno d'estate vi consiglio Dimentica il mio nome, libro a fumetti dell'acclamato fumettista Zerocalcare, secondo classificato al Premio Strega giovani 2015; Tomorrowland, nuovo film Disney di Brad Bird, regista di Gli incredibili e Ratatouille, ha creduto nella storia così tanto da aver rifiutato la regia del settimo capitolo di Star Wars, giudicando troppo preziosa l'occasione di realizzare un'opera a soggetto originale di questa portata; infine "Die", nuovo album di Iosonouncane (Jacopo Incani), album considerato da molti come una delle milgiori uscite italiane del 2015.

Leggi tutto...

Il ritorno della distopia: Mostri, Dinosauri e Droni

Per distopia s'intende la descrizione di una immaginaria società o comunità altamente indesiderabile o spaventosa. Il termine è stato coniato come contrario di utopia ed è soprattutto utilizzato in riferimento alla rappresentazione di una società fittizia (spesso ambientata nel futuro) nella quale alcune tendenze sociali, politiche e tecnologiche avvertite nel presente sono portate a estremi negativi. Oggi tratteremo tre opere caratterizzate da aspetti distopici: Cari Mostri di Stefano Benni è un libro che ci mette di frotne alle nostre paure più nascoste, quelle reali e quotidiane; Jurassic World è il quarto film della famosa saga sui grandi rettili estinti, esce dopo dieci anni dal terzo e ci riporta in quel mondo che nel 1993 ci aveva tanto impressionato; l'album di questa settimana è Drones, il nuovo disco dei Muse, la band distopica per eccelenza, band che ambisce a prendere la fantascienza, le guerre mondiali, l'umanità intera e i robot e a raccontarli con un assolo di chitarra su una sinfonia orchestrale.

Leggi tutto...

Fisica, Fantasy e Garage-Pop per esplorare frontiere da un altro punto di vista

Sette brevi lezioni di fisica - Carlo Rovelli: "Ci sono frontiere, dove stiamo imparando, e brucia il nostro desiderio di sapere. Sono nelle profondità più minute del tessuto dello spazio, nelle origini del cosmo, nella natura del tempo, nel fato dei buchi neri, e nel funzionamento del nostro stesso pensiero. Qui, sul bordo di quello che sappiamo, a contatto con l'oceano di quanto non sappiamo, brillano il mistero del mondo, la bellezza del mondo, e ci lasciano senza fiato". Tale è il presupposto di queste "brevi lezioni", che ci guidano, con ammirevole trasparenza, attraverso alcune tappe inevitabili della rivoluzione che ha scosso la fisica nel secolo XX e la scuote tuttora: a partire dalla teoria della relatività generale di Einstein e della meccanica quantistica fino alle questioni aperte sulla architettura del cosmo, sulle particelle elementari, sulla gravità quantistica, sulla natura del tempo e della mente.

Leggi tutto...

La bellezza va oltre l'apparenza: Murakami, Mad Max e Andrea Appino

Questa settimana tre grandi ritorni, tre grandi personaggi simbolo del mondo di cui fanno parte. All'apparenza possono sembrare sconnessi tra loro, ma non è così: il nuovo libro di Murakami è un romanzo di crescita e formazione, di capacità nell'affrontare le incomprensioni e i dubbi dell'esistenza; George Miller invece torna come meglio non poteva col suo nuovo Mad Max, film acclamato da tutti, film che dimostra come la grandiosità del cinema contemporaneo possa fare da sfondo a un racconto complesso, che non è quindi solo di grande impatto visivo, ma anche di grande impatto emotivo; arriviamo infine all'atteso ritorno in veste di solista di Andrea Appino, frontman degli Zen Circus, che dopo l'intimo "Il Testamento", torna con un album più disincantato, più pop, ma non per questo più leggero e senza pensieri.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up