Davide Chiovara: via Ennio chiusa al traffico, disagi per i cittadini e danni ai commercianti

A seguito dei lavori in corso in via Ennio, per il potenziamento della rete fognaria, autorizzati a partire da martedì scorso, 16 settembre, varie lamentele e disagi, sia da cittadini che da commercianti, sono pervenute presso il Comune di Grottaglie.
Davide Chiovara, Consigliere comunale FI Grottaglie ha cercato di ascoltare e raccogliere le svariate lamentele affichè si possano ridurre al minimo i disagi per i cittadini e per i commercianti della zona.

Leggi tutto...

La piscina scoperta rischia di non aprire. Sarà l'ennesima struttura chiusa da questa amministrazione

  • Pubblicato in Politica

“I cittadini grottagliesi possono dire addio anche alla Piscina Comunale scoperta. Sarà l’ennesima struttura chiusa da questa amministrazione". E' quanto dichiara Davide Chiovara, consigliere comunale della Città di Grottaglie.  “Siamo praticamente a marzo e non si hanno notizie certe sulla riapertura della Piscina Comunale di Grottaglie chiusa da diversi anni. Il bando di gara non è stato appaltato e lo stesso non è stato neanche presentato, discusso e votato in Consiglio Comunale.  Nel regolamento di gestione della Piscina è stato stabilito che il gestore dovrà occuparsi sia della struttura coperta sia di quella scoperta. Mi risulta che il bando di gara, che giace sui tavoli degli uffici comunali, preveda che il vincitore della gara d’appalto, oltre che a occuparsi del rifacimento e dei lavori della struttura e occuparsi della gestione sportiva dovrà garantire anche l’apertura e la gestione della piscina scoperta.  Ma vista la situazione attuale che fine farà quindi la piscina scoperta quest’anno? Rischia di restare chiusa e vi spiego il perché.  Se il Comune pubblica il bando in tempi brevi sarà impossibile aprire la vasca e la struttura scoperta perché la stessa rientra nella gara d’appalto della piscina coperta. Pertanto non essendoci i tempi tecnici e non potendo il Comune affidarla a terzi per l’attuale stagione estiva questa rischierà seriamente di restare chiusa.  Se invece il Comune non pubblica la gara di appalto allora potrebbe riaffidare la gestione temporanea per 3 mesi della piscina scoperta a terzi e quindi scongiurare la mancata apertura. Questo per  significherebbe che il bando di gara non sarà pubblicato prima di settembre, con un notevole e impressionante allungamento dei tempi, che ormai sono diventati biblici.  Il Sindaco e la Giunta continuano a dirci che il bando è quasi pronto. Mah non ci indicano un tempo di presentazione. A ottobre ci disse che sarebbe stato pubblicato ad inizio anno visto che la Giunta aveva approvato il progetto. Siamo già a marzo. Ricordiamoci che il bando prima di essere pubblicato deve passare dalle commissioni consiliari e quindi dal Consiglio Comunale.  Purtroppo la Piscina scoperta rischia di diventare  l’ennesima struttura chiusa da questa amministrazione.”

Leggi tutto...

Consiglio Comunale straordinario per l'Aereoporto di Grottaglie

  • Pubblicato in Politica

"Chiedo pubblicamente al Sindaco di Grottaglie Ciro Alabrese, al Presidente del Consiglio Comunale Alfonso Manigrasso e ai consiglieri eletti la convocazione immediata di un consiglio comunale monotematico sulla possibilità dell'avvio dei voli civili dall'aeroporto Marcello Arlotta a seguito della proposta fatta dalla City Line Swiss di Lugano". E' così che esordisce Davide Chiovara nella sua Lettera Aperta all'Amministrazione Comunale Grottagliese. Continua dicendo:

“La giunta regionale guidata dal presidente Vendola ha sempre bloccato lo sviluppo e la possibilità di aprire ai voli civili da e per l'aeroporto di Grottaglie appellandosi alla mancata presenza di un vettore che con un predefinito business plan garantisse tratte e viaggi.

Ha da sempre utilizzato l'assenza di una compagnia che volesse investire sull'aeroporto Arlotta per respingere tutte le richieste che un'intera popolazione extraregionale chiedeva nella possibilità di destinare risorse allo sviluppo dello scalo grottagliese per i voli civili.

Pentassuglia appena due mesi fa in commissione ha dichiarato che sarebbe stato tra i primi a sostenere lo sviluppo dei voli civili a Grottaglie qualora però fosse giunta la richiesta di una compagnia aerea.

Bene. Oggi finalmente questa proposta è arrivata.

La City Airlines vuole venire a Grottaglie e offrire voli da e per Roma, Catania, Palermo, Parma e Timisoara. Quella proposta che Pentassuglia cercava e chiedeva è arrivata.

Ora occorre che la Regione faccia il suo. Immediatamente anche. Ed occorre che nessuno ostacoli o crei ostruzionismo verso questa apertura. Mi riferisco ai politici brindisini che da subito stanno tentando di boicottare questa possibilità. 

Vendola e il resto dei leader nazionali e regionali hanno riempito pagine di carta stampata e frame di spot video nel dichiarare che Taranto ha bisogno di un grande sviluppo economico che non sia più legato alla grande industria. Il nostro territorio ha già dato in termini di penalizzazioni. Questa è la prima vera occasione di rilancio di un territorio che negli anni è stato sempre sacrificato per il bene degli altri.

Siamo stanchi delle politiche che vogliono destinare sempre il peggio nel territorio tarantino e il meglio nel resto della regione.

L'intera provincia di Taranto e buona parte della Puglia e della Basilicata non possono perdere questa occasione e la Regione non ha più alibi a cui attaccarsi per giustificare il mancato sviluppo del nostro aeroporto.

Termina poi così l'attuale Consigliere Comunale:

Bisogna muoversi subito. E bisogna iniziare a farlo da qui. Dalla città di Grottaglie. Chiedo pertanto la convocazione urgente del consiglio comunale monotematico al quale devono essere invitati il presidente della Regione Vendola, l'Assessore regionale Giannini, il presidente della commissione Trasporti Pentassuglia, Aeroporti di Puglia, I sindaci di Monteiasi, Carosino, San Giorgio e Taranto, i consiglieri regionali e i parlamentari ionici oltre che le rappresentanze delle associazioni interessate.”

 

Leggi tutto...

Aliquote Imu, Davide Chiovara (Pdl): "Visti gli introiti della discarica, il Sindaco dovrebbe imporre la base minima"

Non usa mezzi termini il consigliere comunale Davide Chiovara nell'affrontare la questione Imu: "Quanto pagheremo? Quale aliquota ha stabilito il Comune di Grottaglie per la nuova Ici? Il nostro Comune come è messo rispetto agli altri Comuni? Sono queste le innumerevoli domande - scrive Chiovara - che mi fanno quotidianamente i cittadini grottagliesi. Domande e quesiti che io rivolgo direttamente al Sindaco Ciro Alabrese e all'assessore al ramo Anna Ballo.

E' possibile sapere quale sarà l'aliquota prevista dal Comune di Grottaglie? - continua imperterrito l'esponente del Pdl - Perchè l'Amministrazione Comunale non ha ancora fatto nessuna comunicazione in merito? Altre città non solo hanno comunicato alla cittadinanza l'aliquota ma hanno già predisposto vademecum e guide utili per il cittadino.  Mentre qui a Grottaglie c'è un silenzio tombale. Tutto questo fino ad oggi. Proprio alcuni giorni fà il nostro Sindaco Ciro Alabrese ha scritto una bella letterina a tutti noi cittadini nella quale ha ricordato che <l'Imu è sì municipale, ma è il governo che ce la fa pagare>. Abbiamo scoperto l'acqua calda. Il Sindaco di Grottaglie si butta avanti per non cadere indietro, decide finalmente di parlare di Imu e tra le righe avvisa e mette in guardia i cittadini facendo intendere che a Grottaglie l'Imu potrebbe avere aliquote alte!
I cittadini sono spaventati, perchè non sanno quanto dovranno pagare e queste dichiarazioni spaventano ancora di più. 
Qui a Grottaglie non si sa mai niente e quando vengono chieste documentazioni, nonostante a farlo sia un consigliere comunale, non si riceve risposta opportuna. Ma come si può - fa poi notare Davide Chiovara - aumentare le tasse comunali a Grottaglie quando abbiamo un ecomostro che incide in modo sostanziale sulla qualità della vita di tutti i cittadini?  In questa città abbiamo la discarica per rifiuti speciali che versa (quando si ricorda) le royalities al Comune. Bene, i cittadini sono costretti a tenersi questo ingombrante fardello, ma perchè almeno non possono beneficiare di un esenzione di imu e tarsu?  Non potrebbero bastare gli incassi che riceviamo dalla discarica per compensare l'imu e la tarsu che le famiglie grottagliesi dovrebbero non versare perchè costretti a subire questa discarica? E invece no. A Grottaglie è tutto un altro mondo. Non solo c'è una discarica di rifiuti speciali che porta al comune milioni di euro ma i cittadini sono costretti a pagare pure la Tarsu oltre al conferimento dei nostri rifiuti presso discariche di altre città.
Ci sono tantissime città in Italia e anche nel Sud che hanno deciso di venire incontro ai cittadini applicando l'aliquota minima. E si tratta di città che non hanno i milioni di euro della discarica come introiti nel bilancio. Quando si tratta del cittadino: occorre che paghi subito e senza ritardi. Altrimenti scattano sanzioni e interessi. Quando si tratta delle grandi aziende ci permettiamo di farli pagare, quanto dovuto, a loro comodo piacimento. 
E' arrivato il momento di dare una risposta ai cittadini. Personalmente mi batterò in tutti i modi e nelle sedi opportune affinchè i cittadini possano pagare l'Imu con l'aliquota base, senza nessun aumento".
Leggi tutto...

Disinfestazione da topi e blatte. Chiovara (Pdl) "Il comune deve intervenire subito e in maniera incisiva"

"Il Comune di Grottaglie deve mettere in atto un vero e proprio processo di deblattizzazione e derattizzazione che debelli completamente il problema. Una disinfestazione "una tantum" e in periodi ormai avanzati non risolve il problema dell'invasione di topi e scarafaggi che sta interessando il nostro territorio".

Punta l'attenzione sull'annoso problema della disinfestazione di strade, fognature e tombini, il consigliere comunale Davide Chiovara.
"Ogni giorno incontro cittadini letteralmente spaventati che mi chiedono di intervenire per ciò che concerne la presenza di topi, scarafaggi e addirittura zecche nella nostra città. Ma dove siamo arrivati? E' possibile che un cittadino debba vivere l'avvento dell'estate con questi timori? E' sgradevole non poter passeggiare per le vie della città in quei mesi estivi quando la calura e l'umidità si impossessa delle nostre case. La gente si inibisce ormai. Non c'è più il piacere di poter lasciare aperta una finestra o non c'è più la voglia di fare un giro a piedi: gli scarafaggi ti saltano addosso. Per non parlare dei topi. E cosa dire di quelle attività di ristorazione che scelgono di riempire i vicoli del nostro centro storico con tavoli e tavolini: i loro clienti hanno il terrore di vedersi saltare qualche blatta sul tavolo.
Le operazioni di disinfestazione e derattizzazione devono essere incisive. Devono penetrare li dove si covano questi esseri per debellarli e rendere la città più pulita. Questi animali e questi insetti sono portatori di chissà quali batteri. Provengono dalle fogne. Tutti i tombini devono essere disinfestati. Comunali, dell’acquedotto e privati. Tutti. Altrimenti il problema non si risolve. La disinfestazione deve essere capillare. Non deve interessare solo alcune vie o alcune piazze. Ma deve essere fatta su tutto il territorio. E non in modo leggero. Ma in modo coinciso. Tale da risolvere il problema.
A breve partiranno i lavori di rifacimento di strade e marciapiedi. Figuriamoci cosa uscirà da sotto al manto stradale quando partiranno i lavori in piena estate.
I cittadini hanno il diritto di godersi la propria città, senza limitazioni alcune. E l'amministrazione ha il dovere e l'obbligo di garantire pulizia ed igiene. Sempre e comunque."
 
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up