Attivisti tarantini accudiscono e proteggono uova di "Caretta Caretta", si attende la schiusa

I volontari del WWF di Taranto stanno proteggendo e accudendo delle uova deposte da un gruppo di "Caretta Caretta" trovate lo scorso 27 luglio in un tratto di spiaggia libera sul litorale di Campomarino, Maruggio, in provincia di Taranto. Alcuni dei numerosi gusci trovati sulla spiaggia erano stati già rotti inconsapevolmente dai bagnanti o da improvvise mareggiate, mentre le uova ancora intere, precisamente 21 delle 80 trovate in principio, sono state messe al sicuro dagli attivisti dell'associazione ambientalista e da tanti altri volontari che sorvegliano il campo giorno e notte per evitare che i vandali le distruggano.

Gli attivisti non attendono altro che la schiusa delle uova prevista tra la fine del mese e la prima settimana di settembre."Con loro si aprirà una nuova speranza per una parte della provincia baciata da una natura meravigliosa - comunica Favio Millarte del WWF di Taranto - Con la fuga verso il mare delle piccole "Caretta Caretta", non finisce il periodo di cova, ma inizia un nuovo progetto di tutela che deve permettere a questi animali di proseguire a esistere e tornare a depositare le uova nello stesso posto, come succede da milioni di anni".

Una meravigliosa esperienza che si ripete per la seconda volta. Il primo ritrovamento è avvenuto nel 2011 sulla spiaggia dei "Sette colori" di Campomarino, in cui si contarono circa 76 uova di tartaruga marina. In quel ritrovamento il WWF aveva lanciato l'iniziativa "Segui le tracce" per coinvolgere i frequentatori delle spiagge nell'individuare la presenza delle tartarughe e tutelarla assieme degli esperti. Visto il secondo ritrovamento, quest'anno, dovremmo noi tutti salvaguardare l'ambiente che ci circonda proteggendo il più possibile l'ecosistema da ogni tipo di aggressione iniziando a rispettare l'Art. 32 della Costituzione il quale ci enuncia:
"Proteggere l'ambiente che ci circonda vuol dire proteggere la nostra salute e quella degli altri".

Leggi tutto...

A Campomarino verrà presentato "Dragon Town" di Cosimo Dellisanti

Il nuovo libro di Cosimo Dellissanti intitolato "Dragon Town" verrà presentato il 17 agosto presso il lounge bar "All'ombra del vento" sulla litoranea salentina di Compomarino di Maruggio

Dellisanti ha scritto questo thriller occupandosi di vari temi: dal femminicidio, al ruolo dei mezzi di comunicazione nella società odierna che tende alla spettacolarizzazione della sofferenza, dai criminologi ai politici corroti, dal mondo dell'editoria al cinema fino alla questione ambientale, insomma un libro che tratta davvero tanti aspetti.

Dopo essere stato esposto al Salone del Libro di Torino 2014, il libro sarà presentato a Campomarino domenica 17 agosto, alle ore 19, presso il lounge bar "All'ombra del vento", situato lungo la litoranea salentina. Nel corso della serata, l'autore risponderà alle domande del pubblico e verranno offerti reading di brani tratti dal romanzo.

L'autore scrive "Dragon Town", suo primo romanzo, scegliendo i toni del noir e i ritmi del thriller d'azione con richiami all'horror, ma definisce la sua opera una "tragedia satirica", in quanto conserva la divisione in tre atti tipica dei classici e offre in ogni capitolo una brillante satira dei personaggi tipici della società odierna, come i politici e i parcheggiatori abusivi.

"Dragon Town" racconta, al confine tra realtà e finzione, del brutale omicidio di Alice, una giovane donna nota al pubblico come poetessa e attivista politica. I particolari sono così indicibili che giornalisti e cacciatori di fama si scatenano per accaparrarsi scoop e visibilità, ignari di nutrire un mostro letale. E sfidare un mostro, pericoloso e venefico come un drago, non porta mai nulla di buono.

Cosimo Dellisanti, giornalista tarantino, ha 24 anni e, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere e Culture del territorio, si è iscritto a Bari alla specialistica in Filologia Moderna. Oltre ad aver pubblicato le opere "Dragon Town" e "Tommaso Niccolò D'Aquino – Poeta et pastor", è giornalista pubblicista dal 2012; attualmente collabora con la redazione giornalistica del settimanale "Volta la Carta". È socio fondatore dell'Archeoclub Taranto Onlus e promotore di molte iniziative per il rilancio della città di Taranto, in cui è ambientato "Dragon Town". È fautore del NO-EAP – No all'Editoria A Pagamento.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log In or Sign Up