Borraccino, mancato rinnovo dei contratti di lavoro per i dipendenti ARIF, ex-SMA, presentata interrogazione

COMUNICATO STAMPA - Sinistra Italiana presenta un'interrogazione urgente agli assessori regionali Sebastiano Leo e Leonardo Di Gioia, sul mancato rinnovo dei contratti di lavoro dei dipendenti ARIF, ex-SMA.

 

Oltre 100 lavoratori dell'ARIF hanno visto scadere, lo scorso 30 giugno, i loro contratti di lavoro a tempo determinato e, pertanto, non essendo intervenuta nessuna proroga e nessun rinnovo, si trovano al momento a vivere una condizione di grave disagio economico, avendo perso quell'occupazione che rappresentava, per molti di loro, l'unica fonte di reddito familiare.
Parliamo di lavoratori in gran parte forestali (impiegati amministrativi) che hanno iniziato a lavorare, nel 1997, come Lavoratori Socialmente Utili e che da allora, per vent'anni, avendo vissuto una lunga storia di precariato, hanno rincorso il miraggio della stabilizzazione.
Con l'istituzione dell'ARIF,nel 2011, questi lavoratori transitavano nella nuova Agenzia Regionale, assunti con contratti di lavoro a tempo determinato ma con la prospettiva di essere a breve stabilizzati.

Purtroppo però, dopo ben sei anni di proroghe, il 30 giugno u.s. è stato comunicato loro che non ci sarebbero stati ulteriori rinnovi.

Una doccia fredda per questi lavoratori, che comunque ricoprono funzioni indispensabili per la Regione Puglia, prestando servizio in molti settori: dalla progettazione alla gestione degli impianti irrigui, dalla prevenzione degli incendi boschivi, alla verifica e al controllo del territorio, dalla predisposizione di bandi di gara alla gestione di progetti europei. Servizi insostituibili da fornire costantemente alla comunità.

Occorre trovare urgentemente una soluzione a questa triste incombenza.

Sinistra Italiana seguirà questa vicenda non è più procrastinabile che attende di concludersi solo con la dovuta stabilizzazione.

Mino Borraccino

Sinistra Italiana

Carmelo Antonazzo

Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario.

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up