Come aiutare i terremotati. Comunicazione di Emiliano e numero attivo In evidenza

Le persone interessate a dare un sostegno attivo alle popolazioni colpite dal sisma nel Centro Italia, mettendo a disposizione le proprie competenze professionali (medici, infermieri, soccorritori), possono inviare i propri dati alla sala operativa della Protezione Civile Puglia all'indirizzo mail [email protected]

 

il Comitato Operativo della Protezione Civile Nazionale è impegnato nel coordinamento della prima fase di soccorso in cui la priorità è salvare vite umane, e ha comunicato che ulteriori contributi si renderanno necessari nella seconda fase, quella di assistenza alla popolazione.
Nel frattempo dalla Puglia sono partite quattro unità cinofile di due associazioni di volontariato di protezione civile per la ricerca di persone scomparse, e si sta predisponendo l'invio di tre funzionari della Sezione Protezione Civile regionale per dare un supporto ai centri operativi di coordinamento. Anche la Colonna Mobile regionale è pronta per la partenza verso i luoghi colpiti dal sisma.

La Protezione Civile Puglia è stata attivata e messa a disposizione delle Regioni colpite in poche ore dal sisma. Pronti a partire con 5 funzionari e 80 volontari con attrezzature e mezzi in autocolonna. In attesa di ordine di partenza dal coordinamento della protezione civile nazionale. Non c'è bisogno allo stato di raccolte spontanee di mezzi o viveri.
Serve sangue che può essere donato seguendo le normali procedure presso i centri di raccolta senza intasare però le strutture. Si consiglia di fare riferimento per informazioni alle associazioni finalizzate alla raccolta presenti in quasi tutti i comuni della Puglia prima di presentarsi ai centri di raccolta.

Non risulta alla Regione Puglia che il Dipartimento della Protezione Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri abbia autorizzato o richiesto raccolte private di beni o medicinali da consegnare alle popolazioni terremotate in questa fase di prima emergenza.
Il trasporto di questi beni da migliaia di punti di raccolta diversi verso le zone della calamità avrebbe un costo superiore a quello dei beni stessi e richiederebbe tempi di consegna biblici.


Nè tantomeno la Protezione Civile Nazionale ha invitato o autorizzato singole associazioni o comuni ad organizzare viaggi singoli o autocolonne per consegnare i beni o i medicinali come sopra raccolti. Non partite dunque per nessun motivo per non intasare le strade rimaste percorribili e per non aggravare con presenze non strutturate e non comprese nel dispositivo in atto il gravoso lavoro della Protezione Civile.


Chi vuole mettersi a disposizione invii la sua richiesta a [email protected] dettagliando quali servizi o beni intende mettere a disposizione e attenda di essere chiamato senza prendere iniziative estemporanee non preventivamente autorizzate.
Purtroppo la gravità del sisma è tale che serviranno mesi e forse anni di aiuti e solidarietà alle popolazioni colpite.


In questo momento di prima emergenza invece le priorità non contemplano attività del genere di quelle sopra indicate.
Avrete tempo nelle prossime settimane di organizzare con la dovuta programmazione tutte le iniziative di solidarietà che desiderate realizzare.


In questo momento serve la donazione di danaro che va inviato ai recapiti indicati dal Governo e la raccolta di sangue che va donato come di consueto senza intasare le Banche del Sangue del vostro territorio.

La protezione civile ha attivato il numero 45500 per poter contribuire con 2 euro ad aiutare la popolazione colpita dal sisma.

Redazione

La Redazione di Grottaglie 24: un team affiatato di giovani, in continuo movimento e sempre alla ricerca di nuove risorse. Notizie, eventi, community e tanto altro ancora.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up