“Grand Tour” alla scoperta della Ceramica italiana farà tappa a Grottaglie

COMUNICATO STAMPA di Mario Bonfrate, Assessore al Turismo Città di Grottaglie

Antico Convento dei Cappuccini , via XXV luglio, 110 / via dei Cappuccini – Grottaglie (TA)

Apertura al pubblico: dal 24 settembre al 22 ottobre 2017

Orario: dal martedì al venerdì, 16.30-19.30; sabato e domenica, 10.30-12.30, 16.30-19.30

La mostra "Grand Tour" – Alla scoperta della ceramica Classica italiana farà tappa a Grottaglie, presso l'Antico Convento dei Cappuccini, dal 24 settembre al 22 ottobre 2017.

La kermesse organizzata da AiCC, Associazione Italiana Città della Ceramica alla quale aderiscono 34 Comuni "di antica tradizione ceramica" secondo quanto previsto dalla Legge nazionale 188 del 1990 che tutela e promuove la ceramica artigianale e artistica nazionale.

 

Un'introduzione alla mostra ci viene fornita dal suo ex Presidente, il Senatore faentino Stefano Collina: "Questa mostra coinvolge ceramiche da mensa di foggia classica, tipiche della tavola italiana: da qui il nome "Grand Tour", per descrivere una serie di forme e decori che vanno dall'antichità all'età moderna, dedicate alla consumazione di cibi e bevande, provenienti da 34 città italiane di antica tradizione ceramica".

Se il "Gran Tour" – precisano i curatori Jean Blanchaert, Viola Emaldi, Anty Pansera - ci riporta al lungo viaggio di turismo colto di viaggiatori illustri - da Goethe a Stendhal, da Dickens a Huxley - destinato a perfezionare il loro sapere, questo nostro "Gran Tour" ci porta negli innumerevoli centri di produzione ceramica, dalla Puglia al Veneto, dalla Sicilia e Sardegna alla Liguria e Piemonte, dall'Abruzzo alla Romagna e alla Toscana... ai "cento campanili" della nostra penisola dove "cento" stili decorativi e "cento" gusti coloristici hanno costruito nel tempo una tradizione che ancora oggi si affida alla sapienza di mani esperte".

Ulteriori precisazioni ci vengono fornite dal Senatore Collina: "Il cammino della civiltà è stato segnato dal progredire dell'alimentazione, che ha sempre portato miglioramenti nella condizione umana. E in rapporto alle migliori condizioni di alimentazione e di vita, l'attenzione alla tavola si è sempre sviluppata nella maggior cura per il vasellame e per la mensa. Così dall'epoca degli Etruschi, fino ad oggi, l'arte di arredare e arricchire la tavola si è costantemente sviluppata, segnando progresso e regresso della condizione umana".

La mostra invita lo spettatore al convivio dell'antichità, al banchetto medievale e alla festa di corte rinascimentale, fino al pranzo della domenica con il servizio di piatti dei nostri nonni.

Ecco allora che si potranno ammirare, il vasellame in bucchero di gusto etrusco, i grandi vasi e piatti da portata cinquecenteschi per le tavole delle Signorie italiane, le crespine faentine, i versatori tardo rinascimentali e poi liberty, le ciotole popolari, le brocche da mescita altomedievali di gusto orvietano, le zuppiere lodigiane dai decori ottocenteschi, i servizi da tavola bassanesi di stile rococò, le alzatine, i centritavola neoclassici, le coppe antropomorfe di gusto barocco di Caltagirone, i boccali a lustro umbri, i piatti da "pompa" derutesi, e ancora contenitori specifici per elementi preziosi come sale, olio, vino, thè etc.

Ed è la ceramica, vero e proprio "piatto forte" della suppellettile da mensa, il filo rosso del percorso che siamo invitati a compiere e il motore di questa insolita macchina del tempo.

Cinzia Marangella

"Sometimes you just need to look at things from a little different perspective and you will see the world through new eyes.

A volte hai solo bisogno di guardare le cose da una prospettiva un po' diversa e vedrai il mondo con occhi nuovi"

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up