Espiantati gli organi di Federica: restituiranno la vita ad altre persone In evidenza

E' ancora vasto il dolore e l'eco che ha suscitato non solo nella comunità grottagliese, ma anche in tutto il nostro territorio, la tragedia che ha colpito la famiglia Trani per la perdita della giovane figlia Federica, in seguito alle conseguenze di un gravissimo incidente stradale.

Com'è noto, la famiglia ha acconsentito l'espianto degli organi, dimostrando nel dolore una sensibilità rara. In una nota, il Direttore generale dell'ASL di Taranto, Stefano Rossi, il management tutto, esprimono totale vicinanza alla famiglia Trani per la perdita prematura della giovane figlia Federica.


"La perdita di un figlio è un dolore incommensurabile – scrive, ai coniugi Trani, il Direttore generale -, la grave tragedia che ha colto la vostra famiglia è per noi tutti motivo di dolore. Vogliate gradire le nostre più sentite condoglianze".
"Riguardo la donazione di organi, della giovane Federica – continua Rossi -, rende onore alla famiglia Trani, per aver offerto oggi la possibilità di vivere ad altre persone in situazione di grave sofferenza fisica".


I genitori ed il fratello hanno acconsentito la donazione di organi, dimostrando nel dolore, l'umiltà e la sensibilità essenziali attraverso un gesto d'amore verso altri pazienti.


Gli organi prelevati sono andati a due urgenze: il cuore a Padova (emergenza nazionale), un rene ed il pancreas a Pisa (emergenza nazionale), un altro rene e le cornee a Bari, il fegato in SPLIT (ovvero divisione in due dell'organo) destinato uno a Bari e l'altro a Roma, i polmoni a Palermo.


Il tutto è stato coordinato dai medici del Reparto di Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica del Presidio Ospedaliero 'SS.Annunziata' di Taranto, con i colleghi degli Ospedali riceventi.

Ultima modifica ilGiovedì, 19 Gennaio 2017 15:50
Redazione

La Redazione di Grottaglie 24: un team affiatato di giovani, in continuo movimento e sempre alla ricerca di nuove risorse. Notizie, eventi, community e tanto altro ancora.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up