Lo spettro di Taranto: valori preoccupanti di diossina

Fino a 791 picogrammi al metro quadro: i valori di diossina, oltre che di furani e pcb, sono schizzati a numeri altissimi, anche quaranta volte oltre i limiti al "record storico" nazionale e circa diciotto volte oltre le cifre toccate durante i rilevamenti dell'Arpa tra il 2008 e il 2011.

Questi picchi sarebbero stati rilevati nei mesi di novembre 2014 e febbraio 2015 da due laboratori per conto della stessa Ilva: i dati di quest'analisi sono contenuti in una relazione, stilata dal Politecnico di Torino, chiusa lo scorso 23 dicembre, che l'azienda avrebbe inviato al Ministero dell'Ambiente, ma che il dicastero, guidato da Gianluca Galletti, non avrebbe resa pubblica.
I dati, che lo stabilimento sarebbe stato costretto a raccogliere come prescritto nell'Autorizzazione Integrata Ambientale, sarebbero imputati ad "altri fattori di contaminazione", tra cui, probabilmente "gas di scarico" e "caldaie industriali" oltre "alla combustione di legno o di auto incendiate".
Lo stesso Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha trasmesso alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e alla Procura della Repubblica di Taranto copia di una nota sull'esito di rilevamenti di Arpa Puglia, chiedendo alla stessa Agenzia per l'ambiente e al dipartimento di prevenzione Spesal della Asl di Taranto di eseguire un'indagine approfondita con campionamenti e analisi.
I cittadini di Taranto, sempre più numerosi, si stanno rivolgendo alla Corte Europea dei diritti dell'uomo a causa dell'inquinamento allarmante dell'Ilva.
Gli Attivisti del Meet Up "Amici di Beppe Grillo Taranto" esortano il Direttore Generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, e il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, perché conferiscano e relazionino sul tema " nel rispetto di un'intera
comunità cittadina, che troppo ha già pagato in termini di salute e vite spezzate
prematuramente e che chiede conto sulle scelte operate da coloro che amministrano e
controllano la cosa pubblica, con una ricaduta così altamente nociva sulla sua salute, così
come riferita nello Studio S.E.N.T.I.E.R.I. dell'Istituto Superiore della Sanità".

Lucia Motolese

Con la sua anima di piombo e midollo di ghiaccio

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up