1.200 LSU a casa: De Cataldo non ci sta

Il Consigliere Comunale e Vice Presidente del Consiglio Comunale di Sava, Ivano Decataldo, richiede l'intervento urgente in merito all'imminente scadenza della convenzione e senza alcuna proroga dei Lavoratori Socialmente Utili (LSU).

Sollecita l'attenzione dei Sindaci e dei loro rappresentanti ANCI al fine <<di sottolineare l'importanza e la necessità dei nostri enti di garantire i servizi di base ai cittadini e il regolare svolgimento delle procedure, evidenziando ed elencando i servizi che i lavoratori svolgono>>.
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha intanto prorogato la scadenza dei Lavoratori Socialmente Utili al 31 dicembre 2014; ma a partire dal 1 gennaio 1.200 lavoratori pugliesi su 10.000 nazionali, impiegati presso gli Enti pubblici, si ritroveranno, dopo circa 18 anni di attività precaria in cui si è trasformato in un vero e proprio <<lavoro opaco>>, sulla ormai conosciuta savana, senza un minimo sostentamento economico e nessuna prospettiva. Decataldo si mostra consapevole della difficoltà che la maggior parte degli LSU hanno di ricollocarsi nel mondo del lavoro, poiché sono in età ultracinquantenne e tenuta in considerazione la situazione di particolare crisi. Tra l'altro, molti di loro mantengono la propria famiglia con un assegno mensile versato dall'INPS (non sono dipendenti comunali), non hanno gli stessi diritti dei classici lavoratori, non hanno nessuno che gli versi oneri previdenziali, se non per i progetti extra a carico di Comune e Regione.
<<Gli LSU del Comune di SAVA rappresentato da anni una risorsa fondamentale negli uffici comunali, dando un grosso contributo nel disbrigo del lavoro d'ufficio, e il loro "licenziamento" non farebbe altro che provocare ulteriori disservizi per i cittadini oltre che la "paralisi" di alcune procedure, considerando tra l'altro l'impossibilità di assumere nuove figure professionali in pianta organica>>, dichiara ancora con una nota di gratitudine il Consigliere.
Ciò che chiede, dunque, è un processo di stabilizzazione, proponendo <<di deliberare congiuntamente atti di indirizzo politico contenente la richiesta di ulteriore proroga alla convenzione o una riformulazione della figura del LSU>>.

Ultima modifica ilMartedì, 16 Dicembre 2014 16:32
Lucia Motolese

Con la sua anima di piombo e midollo di ghiaccio

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up