Elezioni provinciali: un grande centrosinistra per la nuova Provincia

"Dopo l'approvazione della riforma Del Rio sugli enti locali, la gestione commissariale della nostra provincia dovrà terminare per lasciare posto al nuovo Consiglio Provinciale e alla nuova Giunta, da eleggere tra i sindaci e i consiglieri comunali di Terra Jonica".
Lo rendono noto, in un comunicato, i componenti di sinistra democratica della direzione provinciale del PD di Taranto.
"Sarà un passaggio nuovo - prosegue la nota - che trasformerà l'ente in Istituzione di 2 livello con meno competenze rispetto al passato. Ma pur senza il consenso diretto dei cittadini la nuova amministrazione avrà sfide importanti.
A nessuno di noi sfugge, infatti, la complicata situazione finanziaria della nostra provincia, insieme alle grandi questioni aperte: Isolaverde, Paisiello, lavoratori protocollo informatico, l'infrastrutturazione stradale, la formazione professionale e l'edilizia scolastica solo per citarne alcuni.
Questioni che si sono aggravate in questi ultimi mesi, non certo per responsabilità personali del dott. Tafaro, ma per un oggettivo limite della stessa struttura commissariale.
Per questo non vogliamo sottovalutare questo nuovo passaggio elettorale del 28 settembre 2014.
Il centrosinistra nella nostra provincia ha responsabilità importanti in ruoli di governo in 12 comuni, compreso la città capoluogo con Ezio Stefano, grossi centri come Martina Franca con Franco Ancona, Grottaglie, con Cir Alabrese, Mottola con Luigi Pinto, San Giorgio Jonico con Giorgio Grimaldi, Statte con Angelo Miccoli, Laterza con Gianfranco Lopane, Palagiano con Tarasco, Carosino con Arcangelo Sapio, Monteiasi con Salvatore Prete, Monteparano con Cosimo Berardi, Faggiano con Antonio Cardea. Insieme a tanti consiglieri comunali d'opposizione in tutti i centri dove siamo minoranza, rappresentiamo una realtà importante che può ambire a candidarsi al governo dell'ente provincia.
Ed è per questo - conclude la nota - che le dichiarazioni dell'on.Chiarelli non ci convincono; nel merito e nel metodo. Non c'è da fare nessuna trattativa a tavolino.
Per noi c'è da costruire un programma fattibile, e a questo metterci le competenze istituzionali migliori del territorio in un confronto, questo sì, civile e democratico, che dovrà consumarsi in maniera trasparente nei consessi comunali.
Anche per tutto ciò, chiediamo al nostro segretario provinciale e al Presidente della direzione provinciale del partito di convocare al più presto la direzione per avviare un confronto tra noi per allargarlo successivamente a tutto il campo del centrosinistra Jonico".

Ultima modifica ilVenerdì, 04 Luglio 2014 16:48
Ciro Piergianni

Un giornale deve riconoscere la verità ovunque essa sia e occuparsi non solo di come stanno le cose, ma di come dovrebbero essere.

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up