Grottaglie - Ciracì. La storia continua?

Punto e a capo. Nonostante le chiare intenzioni del presidente Ciracì di passare il testimone e a dispetto delle trattative aperte in estate per la cessione della squadra, la situazione societaria grottagliese è ritornata al suo stato primordiale e l'organigramma dell'Ars et Labor continua ad essere delineato a matita. I contorni della questione appaiono infatti fortemente incerti e in un simile clima di perenne instabilità, i risvolti imprevedibili sono all'ordine del giorno, risultando scontati.

Solo fino a pochi giorni fa sembrava mancare l'ufficialità del leccese Damiano Fiorentino a capo del Grottaglie ma, nel giorno stesso della presentazione alla stampa della nuova dirigenza, tutto è saltato "per impraticabilità della trattativa riguardante la posizione debitoria" - si legge in una nota dell'imprenditore salentino - "ormai siamo arrivati al punto, io e i miei fratelli, di non voler più concludere l'accordo col presidente Ciracì". Da quasi patron a perfetto estraneo, Fiorentino, e da quasi estraneo a di nuovo presidente, Ciracì. Non solo formalmente, perché la presenza di quest'ultimo al D'Amuri durante l'allenamento sostenuto ieri dal Grottaglie potrebbe far pensare a un gesto portatore di un significato: il riappropriamento della squadra. Ma solo il tempo con i suoi successivi sviluppi potrà dare l'esatta interpretazione di un presidente che ritorna sullo stesso terreno che aveva volutamente "allontanato" in segno della sua volontà di chiudere quell'esperienza calcistica.

Intanto, la partitella giocata ieri dall'Ars et Labor contro la Juniores allenata da Bosco, si è chiusa sul risultato di 5 a 0, con le doppiette di De Angelis, Pisano e un gol del capitano Solidoro. Tutto questo in vista del match casalingo di domenica, che vedrà i ragazzi di Pizzonìa affrontare la capolista Nardò. Partita fondamentale, per la caratura dell'avversario e in particolare per quei tre punti che darebbero respiro ad una classifica che vede un Grottaglie in affanno e al penultimo posto, con 4 miseri punti raccolti in 5 partite. Ma anche il morale necessita di un'iniezione di autostima, perché pesantemente messa a repentaglio da una trama societaria che pare non conoscere la parola fine.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up