Targa-system e telecamere: il Comandante Giovanni Esposito fa chiarezza

Riportiamo, di seguito, alcune dichiarazioni gentilmente rilasciate dal Comandante di Vigili Urbani del Comune di Grottaglie, Giovanni Esposito, per chiarire alcuni argomenti che stanno, sicuramente, a cuore dei cittadini.

Comandante, vorremmo fare chiarezza sull'introduzione del "Targa- system". In cosa consiste?

- "Il targa-system è uno strumento legittimo, omologato, che, leggendo la targa di un veicolo, serve a vedere, in pochi secondi, se quest'ultimo è assicurato, provvisto di collaudo, se è stato rubato o, infine, se è sottoposto a fermo amministrativo". "L'assenza di assicurazione è una violazione seria (sanzionata con € 1.800 di contravvenzione), in quanto gli eventuali danni procurati da un incidente stradale ricadono nell'immediato esclusivamente sul malcapitato, salvo poi agire in giudizio con tempi lunghi e spese. Il nostro modello di targa-system è di ultima generazione e si può montare o sulla macchina di servizio o sul treppiedi; un operatore di Polizia Municipale, in strada, col computer fornito di 2 Sim riceve tutte le informazioni riguardanti l'auto sottoposta a controllo (ad esempio dal PRA e dalla casa madre dell'assicurazione) e le trasmette automaticamente al tablet della seconda pattuglia (ve ne sono due, una a cima ed una a monte della città, n.d.r), la quale sa già, quindi, quale veicolo fermare. L'acquisto dello strumento è stato fatto con il denaro ottenuto dalle contravvenzioni effettuate.

I cittadini, talvolta disinformati, muovono dure critiche al vostro operato. Cosa vorrebbe rispondere loro?

- Sono una persona democratica ed ognuno può muovere delle critiche, senza offendere però il lavoro e la professionalità della nostra categoria che ha tante competenze (da ultima anche quella tributaria); i nostri compiti sono molteplici ed indefiniti. Il cittadino magari non sa che, seppur la Legge regionale 2011 concernente della Polizia Municipale sancisce che, per i Comuni definiti "Città D'Arte" come Grottaglie, il rapporto operatore polizia municipale/cittadino debba essere di 1 ogni 50 abitanti, noi siamo 18 e non 60 come dovremmo. Il basso numero dei vigili urbani è stato una conseguenza della legge finanziaria dello Stato concernente il blocco delle assunzioni. Con diversi sacrifici ci rendiamo disponibili ad ascoltare il cittadino e poterlo in qualche modo aiutare, anche laddove non rientra nelle nostre competenze. Siamo una sorta di "front-office" e cerchiamo di garantire il possibile anche con doppi turni. Talvolta non abbiamo neppure straordinari in quanto dipendenti comunali.

Per quanto riguarda il controllo del territorio tramite le telecamere, cosa può dirci?

- Partecipiamo a diversi progetti, tra i quali quello della zona a traffico limitato per il centro storico di Grottaglie (che parte da Porta San Giorgio) e l'utilizzo di telecamere di sorveglianza. Queste ultime sono attive da un anno, sono funzionanti e, soprattutto, sono state acquistate a costo zero per la cittadinanza in quanto il progetto è stato finanziato dalla Comunità Europea. Vorremmo specificare che le suddette telecamere non sono fatte
per punire violazioni del codice della strada o cittadini incivili, ma i filmati possono essere utilizzati per perseguire i reati.

Sperando di aver fatto chiarezza su alcuni argomenti, invitiamo i cittadini a collaborare per una convivenza civile.

Gabriella Miglietta

Una voce in più per la cittadinanza

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up