Xylella. Nardoni replica a Bonelli

"Avevamo richiesto già al principio di questa terribile vicenda che sta colpendo il nostro patrimonio di ulivi nel Salento, la nascita di una sensibilità comune che trasformasse un dibattito sterile in un progetto condiviso da tutta la comunità pugliese relativo alla salvezza di ciò che sacro non solo agli olivicoltori o cittadini di quella parte di Puglia colpita dalla Xylella, ma a tutti noi. 

Siamo costretti invece ad assistere, forse in un dei giorni più difficili di questa emergenza, all'ennesima fuga in avanti, in cerca di visibilità a buon prezzo di chi parla senza conoscere evidentemente il difficile percorso compiuto fin qui." Questo è quanto Fabio Nardoni controbatte al co-portavoce nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, che chiede le dimissioni dell'assessore regionale all'agricoltura una seconda volta, proprio "mentre la Puglia tutta dovrebbe dare invece prova di coesione e forza".
"Chi agisce nel sottobosco della polemica strumentale, agitando dubbi e sospetti, omette il fatto che da subito in questa vicenda sono intervenuti scienziati provenienti da tutto il mondo e organismi di controllo che ora fanno parte del Comitato tecnico-scientifico nazionale.
Attaccare Nardoni serve solo a guadagnarsi qualche titolo in più sulle pagine dei giornali, ma per risolvere il problema serve studio e lavoro serio!"

Lucia Motolese

Con la sua anima di piombo e midollo di ghiaccio

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up