A Grottaglie si torna a parlare di "raccolta differenziata"

A Grottaglie si torna a parlare ancora della problematica della raccolta differenziata. Attorno alla questione, da più parti si tende a porre l'accento sulle criticità presunte che vengono riscontrate, contornate da esternazioni frutto di preconcetti e mezze verità al solo scopo di mettere in cattiva luce l'operato dell'Amministrazione Comunale.

 

Prima di ogni cosa, presso il Comune di Grottaglie è operativa ormai da diversi anni l'isola ecologica, dove i cittadini possono depositare i rifiuti differenziati a fronte di una, se pur minima, premialità, allo scopo di educare i alla comprensione della eco sostenibilità.

Ma, formare una coscienza ed una mentalità ecologista è compito quanto mai arduo e complicato ed è il primo muro da abbattere: basti pensare che a Grottaglie da tempo sono adeguatamente dislocati i contenitori per la raccolta del vetro, della carta, della plastica e sarebbe sufficiente che ogni cittadino ne facesse un uso appropriato per risolvere quasi totalmente la problematica della raccolta differenziata.
Ma, purtroppo, non è così.

Ecco perché l'Amministrazione Comunale ha pensato di educare gli utenti, sin dalla scuola primaria, col duplice scopo non solo di formare una coscienza ecologista tra gli studenti, ma anche di coinvolgere il più possibile i genitori, gli adulti in genere, che spesso rappresentano l'anello debole della catena.


Di qui, in collaborazione con la ditta Serveco, l'idea delle "ECOLIADI" che da diversi anni coinvolge le scuole primarie di Grottaglie con risultati importanti ed interessanti.
In questa ottica è da inquadrare la ferma intenzione dell'Amministrazione Comunale di coinvolgere, già da quest'anno, in questo progetto educativo ed informativo anche le scuole medie superiori.


La seconda fase del programma è stata l'organizzazione della raccolta porta a porta nel Centro Storico ed il potenziamento dei centri di raccolta in entrambe le due zone 167.
Il risultato, checché se ne dica, è che il Comune ha ulteriormente aumentato la percentuale della raccolta differenziata passando dal 13,86% del 2013 al 21,29% del 2014, riuscendo in tal modo a contenere l'applicazione dell'ecotassa ad € 7,50.
Naturalmente, un aumento percentuale della raccolta differenziata significa anche un risparmio economico per i cittadini poiché minori sono i rifiuti indifferenziati che si conferiscono in discarica, meno si viene a pagare per la TARI (Tassa Rifiuti).
L'obiettivo del Comune resta, naturalmente, l'aumento della percentuale di raccolta differenziata ed è per tale finalità che si intendono ampliare le zone interessate alla raccolta porta a porta, pur nella esiguità dei fondi a disposizione.

A tal proposito, chi evidenzia che il Comune non organizza la raccolta porta a porta in tutte le zone della città dovrebbe sapere che questa soluzione comporterebbe un aumento del personale e di mezzi notevole, con costi economici altissimi e non sostenibili per le casse comunali.

Ovviamente, la collaborazione assicurata dalla ditta Serveco srl, che da anni opera nel Comune di Grottaglie con grande competenza e professionalità, è quanto mai necessaria ed opportuna, a cui è stata concessa una proroga del servizio attuale di raccolta porta a porta fino al 30 aprile 2015, in attesa di un bando pubblico da parte dell'ARO TA-4 di cui il Comune di Grottaglie fa parte.

Per ultimo, è bene ringraziare quelle associazioni come la Pro Loco e Sherwood che in modo del tutto gratuito hanno voluto collaborare alla organizzazione della raccolta differenziata nel centro storico e alla stessa Serveco srl che ha effettuato diversi servizi del tutto gratuitamente, compreso i rifiuti derivanti dall'abbattimento degli alberi di via Partigiani Caduti, avvenuto nel mese di novembre, a seguito della risistemazione della stessa via.

Davide Bromo

Ho visto un posto riservato ai sognatori, non ho in mente qualcosa di concreto, ho solo parole da spendere e immagini con cui giocare. Non mi interessa la realtà, vivo per viverre, chiudo gli occhi per immaginare.

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up