"M'illumino di meno": anche Lecce aderisce al Risparmio Energetico

Anche quest'anno è avvenuta "M'illumino di meno", la campagna di sensibilizzazione sul Risparmio energetico celebrata in particolar modo il 13 Febbraio, un'iniziativa promossa dal programma radiofonico "Caterpillar" di Radio2 a cui ha aderito anche Lecce che ha spento le luci dalle 18:30 alle 19:00press, o il Palazzo del Seggio, "Sedile" situato in piazza Sant'Oronzo.

 "Ci sono cose che solo il buio può incorniciare. Spegniamo le luci e accendiamo l'immaginazione" questo il tweet nonchè messaggio di Samanta Cristoforetti, astronauta italiana impegnata da mesi in una missione spaziale, la quale nonostante il suo non esserci sulla terra, ha deciso di dare un suo grande contributo all'originale iniziativa, che ha visto col passare del tempo sempre più aderenti, tra cui Siena, Torino, Milano e anche Lecce.

L'obiettivo della campagna comunicativa, organizzata sin dal 2005, è raccontare tutti i modi possibili in ambito di risparmio energetico da parte di istituzioni, comuni, associazioni, scuole, aziende e singoli cittadini, promuovendo la riflessione sul tema dello spreco di energia, che può essere evitato attraverso interventi strutturali ma anche con semplici accorgimenti che ogni singolo individuo può mettere in pratica. (La spia della tv, il carica batterie dimenticato nella presa, ecc...). La coibentazione, l'uso di fonti rinnovabili, il ricorso a mezzi di trasporto meno impattanti sull'ambiente, l'attenzione a disattivare gli apparecchi elettronici che non si stanno utilizzano, sono un patrimonio a disposizione di tutti.

Per garantire un futuro sostenibile al nostro pianeta, è necessario ridurre sulle risorse naturali, alleggerire la nostra "impronta" sull'ambiente.

"Se non serve, la luce spegni. Bevi l'acqua senza contrassegni. Sul retro di lettere e avvisi scrivi. Usa bici e biologici detersivi. L'acqua della pasta non gettare. Riduci i rifiuti e non imballare. Fatti una doccia e lo spreco...boccia. Non l'alluminio, ma il vetro usa e altri oggetti dai...riusa! Batterie ricaricabili sacchetti biodegradabili detersivi e prodotti alla spina nell'orto cura la tua piantina. L'ecosistema ringrazierà salva sarà la biodiversità."

Filastrocca alunno della Scuola "A. da Tremignon" di Piazzola sul Brenta (PD) - Referente: Marina Pedron

 

Ultima modifica ilSabato, 14 Febbraio 2015 00:52
Marialucia Magazzino

E' così difficile descrivere ciò che si sente quando si sente che si esiste veramente, e che l'anima è un'entità reale, che non so quali sono le parole umane con cui possa definirlo.

Fernando Pessoa

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up