Emergenza Xylella. Parte l'appello.

L'emergenza Xylella non si è eclissata, e a se n'è tornato a parlare in una riunione, organizzata martedì sera 16 dicembre nella Regione Puglia, alla presenza dell'assessore Nardoni.


Ha rappresentato il punto di raccordo fra le organizzazioni professionali agricole ed un ampia rappresentanza di vivaisti salentini e del distretto del florovivismo, si è approfondito l'argomento delle attività sinora svolte dalla Regione:
- il monitoraggio per l'individuazione della zona cuscinetto e del cordone fitosanitario;
- le attività da farsi in area tampone e in area infetta come da decreto ministeriale per la lotta obbligatoria;
- il reperimento dei limiti del patto di stabilità al fine di impegnare le risorse stanziate con bilancio regionale;
- la sottoscrizione del protocollo d'intesa con l'agenzia regionale ARIF come soggetto esecutore delle attività previste dalla decisione comunitaria e dai decreti ministeriali;
- la sottoscrizione della convenzione con il Corpo Forestale dello Stato per le attività di supporto, controllo e vigilanza;
- la costituzione del Comitato Regionale sulla Xylella prevista dalla delibera di giunta regionale;
- l'approvazione e l'attuazione del dossier di solidarietà per le attività di eradicazione del batterio;
- la predisposizione di un regime di aiuti, previa determinazione degli indennizzi spettanti a agricoltori e vivaisti.
La Regione ha poi ribadito l'impegno a completare rapidamente tutte le attività di propria competenza e ad attivare le procedure finalizzate al pagamento degli indennizzi ai vivaisti: si è poi discusso della pubblicazione del bando entro il mese di gennaio. I presenti hanno convenuto sulla necessità di rivolgere un appello a tutti i deputati, senatori e parlamentari europei pugliesi affinché profondano il loro impegno per:
- il reperimento dal Bilancio dello Stato e dai fondi EU delle risorse necessarie a svolgere le attività di eradicazione e a risarcire agricoltori e vivaisti dei danni conseguenti;
- la proposta di emendamenti alla Legge di Stabilità per escludere dai vincoli di patto di stabilità le risorse destinate alle fitopatie come la Xylella;
- la modifica della decisione comunitaria che escluda l'eradicazione delle piante di ulivo in area infetta; che elimini il divieto di impianto per varietà resistenti o tolleranti delle specie ospiti; che escluda il quercus dalle specie ospiti;
- l'approvazione del regime d'aiuto per il pagamento di indennizzi che sarà inviato alla Commissione Europea.
Il documento stilato nel corso della riunione è stato inviato dall'Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia a tutti i deputati, senatori e europarlamentari pugliesi.

Ultima modifica ilSabato, 20 Dicembre 2014 18:57
Lucia Motolese

Con la sua anima di piombo e midollo di ghiaccio

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up