Consorzio dei ceramisti, Gal ed Amministrazione uniti per valorizzare la ceramica di Grottaglie

Ieri, presso il Palazzo "De Felice" di Grottaglie si è svolto un incontro tra il Sindaco della Città delle Ceramiche, Avv. Ciro Alabrese ed Antonio La Grotta, Presidente del Consorzio dei Ceramisti di Grottaglie, alla presenza di Gianni Spagnulo, Vice Presidente del citato Consorzio, il ceramista Oronzo Patronelli ed Antonio Rota, Presidente del Gal – Colline Joniche.

Toni civili e pacati hanno caratterizzato le circa due ore di dialogo. Le parti rappresentanti l'Arte della città hanno avanzato le loro richieste, il Primo Cittadino le ha accolte con garbo e disponibilità. Inizia il confronto Antonio La Grotta, il quale chiede che il patrimonio di Grottaglie, la ceramica, venga sempre più valorizzata e tutelata. E' un compito ed un fine importante, essendo questo prodotto parte consistente della storia della città. Esprime alla carica istituzionale il suo rammarico per gli avvenimenti spiacevoli avvenuti questa estate riguardo alla kermesse"Vino è Musica", dove vi era il progetto di fare allestire al Consorzio uno stand con l'esposizione dei prodotti ceramici dello stesso, presentati però in forma anonima, anonimato che però il Consorzio ha rifiutato. Antonio La Grotta avanza anche la richiesta di un Assessorato alla Ceramica nel Comune di Grottaglie, affinché si crei un ponte di collegamento certo e concreto tra i ceramisti e le autorità. Un punto di riferimento che aiuti a costruire qualcosa di importante, di serio, così come già avviene in altre città, tra le quali Faenza. Grottaglie ha un brand da tutelare ed i ceramisti finora non si sono sentiti presi molto in considerazione nonostante siano riusciti a fondare con sforzi incredibili il Consorzio formato attualmente da ben 18 loro rappresentanti. Chiede inoltre come mai nel progetto di istituzionalizzazione del Museo della Ceramica non siano stati informati e coinvolti. La parola passa in replica ad Alabrese, che apre il suo intervento con una nota di merito nei confronti del Consorzio, spiegando di aver gradito molto la formazione dello stesso, proprio in vista di una migliore promozione delle eccellenze del nostro territorio. Si scusa per l'equivoco accaduto questa estate sull' allestimento mancato dello stand comunale ma, spiega, quando uno stand deve rappresentare tutta la Città, lì debbono essere esposti i prodotti tipici del luogo, come uva,
vino, olio e tra gli altri anche la ceramica, senza far emergere il privato. Per quanto riguarda la richiesta dell'Assessorato , Alabrese dichiara che dopo il Bilancio ci sarà una riorganizzazione all'interno dell'Amministrazione comunale, e questa prospettiva c'è e sarà realizzata. Bisognerà, certo, trovare prima una figura competente, autorevole e disponibile. Per quanto riguarda l'istituzionalizzazione del Museo, i ceramisti non sono stati coinvolti perché, di fatto, il progetto è stato fermato. Sarebbe bastata una semplice delibera di
riconoscimento, di formalizzazione dell'istituzione del servizio museale, ma questa, purtroppo, non è mai stata fatta perché il progetto ha iniziato ad avere le sembianze di una vera e propria formazione del Museo, il quale di fatto già esiste. Il Sindaco dà la sua disponibilità ad ogni iniziativa, spiegando però che i vari intoppi che possono crearsi dipendono dal fatto che le risorse del relativo capitolo del Bilancio della città sono limitate e che, invece, laddove i soldi ci sono non possono essere usati a causa del Patto di Stabilità, patto che da mesi mette in difficoltà tutti i Comuni d'Italia come quello di Grottaglie. La parola infine passa ad Antonio Rota, Presidente del Gal, il quale esalta lo
straordinario risultato del Consorzio ed espone il suo obiettivo economico: devono essere le Aziende stesse che devono crescere, trovare mercato affinché riescano a finanziare da sole le manifestazioni, affinché vendano. Bisogna sostenere insieme le azioni di promozione del territorio. Il Gal può creare le opportunità, i contatti, ma bisogna collaborare insieme all' Amministrazione comunale ed al Consorzio affinché il turismo locale, l'enogastronomia e l'artigianato crescano. Bisogna avere obiettivi condivisi. Valorizzare Grottaglie, la quale è già nota nel mondo per le ceramiche ma ha bisogno di essere caricata. Unione e dialogo potranno renderla grande. Gli strumenti ci sono, bisogna solo attivarli.

Gabriella Miglietta

Una voce in più per la cittadinanza

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up