"Giù le mani dal nostro mare": parte in Puglia il tour contro le trivellazioni

Iniziato, dalla spiaggia del Capitolo di Monopoli (Bari), il tour degli attivisti del Movimento 5 Stelle contro le trivellazioni rinominato "Giù le mani dal nostro mare". Il tour anti-trivellazioni ha la finalità di informare i cittadini sulle svariate richieste presentate dalle aziende petrolifere al Ministero dello Sviluppo Economico per la ricerca di idrocarburi nei mari pugliesi e lucani e di altre ricerche che potrebbero danneggiare i fondali marini, la pesca intaccando conseguentemente la salute degli umani. Fra tutte le istanze pervenute al Ministero dell'Ambiente, quattro sono della Global Petroleum Limited, azienda australiana con sede a Londra, che vorrebbe appunto procedere con delle valutazioni di impatto ambientale per un'area marina di circa 750 chilometri quadrati che coinvolge Giovinazzo, Bari, Mola di Bari, Polignano a Mare, Monopoli, Fasano, Ostuni, Brindisi, San Pietro Vernotico e Torchiarolo.
Tutti gli attivisti, i promotori e organizzatori del tour anti-trivellazioni hanno quindi formato sulla spiaggia barese una catena umana per manifestare contro tutte le istanze avanzate dalle multinazionali esprimendo la volontà di bloccare le autorizzazioni alle compagnie petrolifere.
"E' inammissibile - comunicano i deputati 5 Stelle - che il Governo possa immaginare di rilasciare il nulla osta alle trivellazione per la prospezione, ricerca ed eventuale contivazione di idrocarburi senza avere un piano energetico nazinale e senza considera i rischi dovuti ai micidiali "Air Gun" e ai sempre possibili richisci di incidenti dovuti ai "Blowout" come è avvenuto el 2010 nel golfo del Messico."
Il "Blowout" o eruzione non è altro che un'uscita incontrollata di acqua, gas o petrolio dal pozzo, terribile incidente assolutamente da evitare in quanto pericolosissimo per le persone e l'ambiente, specie quando è seguito da incendio, o quando avviene in mare.
"La cittadinanza deve essere informata - proseguono i deputati M5S - su quello che può accadere al proprio mare e alla propria costa e deve essere consapevole dei rischi sugli ambienti marini profondi e costieri, sulla flora e quindi sulla pusca, sul benessere e sulla salute umana nonché sul turismo."
"Serve un piano energetico nazionale - interviene il deputato pugliese Giuseppe L'Abbate - che richiediamo al Governo da quando siamo in Parlamento, con tutte le nostre forze. A maggior ragione in Puglia, dove produciamo il triplo dell'energia che necessitiamo e che risulta inutilizzata."
Le prossime tappe del tour anti-trivellazione "Giù le mani dal nostro mare" saranno ospitate il 17 agosto e Taranto, il 21 a Scanzano Jonico (Matera), il 24 a San Pietro in Bevagna (Taranto) e per finire il 30 a Bari.

Marialucia Magazzino

E' così difficile descrivere ciò che si sente quando si sente che si esiste veramente, e che l'anima è un'entità reale, che non so quali sono le parole umane con cui possa definirlo.

Fernando Pessoa

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up