“Vino è…Musica” incorona le migliori etichette di vini dalla Daunia al Salento

Ieri a "Vino è...Musica" è stato il giorno delle premiazioni. Nell'atrio del Castello Episcopio di Grottaglie alla presenza dei rappresentanti di oltre 40 cantine provenienti da tutta la Puglia, sono stati assegnati i premi della giuria popolare e della giuria tecnica alle migliori etichette di vini che hanno partecipato ai Blind Tasting del Premio omonimo.

 

I riconoscimenti sono andati ai vini migliori classificatisi al primo, secondo e terzo posto nelle sette categorie di degustazione alla cieca: bianchi territoriali, bianchi aromatici, rosati territoriali, vitigni minori, nero di troia, negroamaro e primitivo.

Tutti vini corretti e di grande levatura – ha affermato Enzo Scivetti, coordinatore regionale dell'ONAV (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino), presidente della giuria tecnica di quest'anno – Qualità che in qualsiasi concorso internazionale avrebbe fatto guadagnare alla stragrande maggioranza di queste etichette come minimo la "gran menzione".

Nell'atrio del Castello ieri sera anche i giurati d'oltrealpe, il francese Benoit Roumet, direttore del Bureau Interprofessionnel Vinsdu Centre Loire e la sommelier giapponese Juli Nakata, che hanno avuto parole di grande apprezzamento per i vini in concorso.

Un segnale di grande maturità per il comparto enologico pugliese, ma anche per la rassegna organizzata dall'Associazione Intersezioni che nel corso di queste sette edizioni è riuscita a calamitare attorno all'appuntamento estivo nel quartiere delle ceramiche di Grottaglie un numero sempre crescente di produttori pugliesi che credono nella formula di "Vino è...Musica".

Un rapporto diretto con il pubblico di appassionati, turisti e winelover che dopo la premiazione si sperimenta sul campo nelle oltre 44 postazioni on the road tra vicoli, slarghi e botteghe ceramiche nel quartiere degli artigiani grottagliesi.

Chi viene a "Vino è...Musica" - sottolinea Ida De Carolis, presidente dell'Associazione Intersezioni - incontra la migliore produzione enologica della Puglia, ma non solo. Scopre il sapore autentico del cibo proposto da grandi chef pugliesi e la musica di grandi artisti conterranei.

Grande successo ieri sera anche per tutti i laboratori tecnici organizzati in collaborazione con AIS, ONAV e Slow Wine e per la cena en plein air a Casa Vestita con il menù della chef Valentina De Palma.

Il percorso di "Vino è...Musica" si è aperto ieri sera e proseguirà per tutta la giornata di oggi. Appuntamento a partire dalle 20.30 nel Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie.

Vino è...Musica è organizzato da Intersezioni, con il sostegno di Eurovita della BCC di San Marzano.

Info e contatti: www.vinoemusica.it

Carmelo Antonazzo

Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario.

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up