Primo Maggio a Taranto: annunciati i primi nomi

Un appuntamento attesissimo che vedrà convergere nella città ionica le associazioni e i cittadini che si battono contro l'inquinamento e per un futuro diverso che veda al centro la salute, il reddito e i diritti per tutti. Il tema di quest'anno sarà "Legalità, quale giustizia?". Dopo i decreti salva Ilva e la giustizia negata nei tanti territori italiani che vivono situazioni simili a quella di Taranto, ci si interrogherà su cosa fare affinché la voce dei cittadini possa finalmente essere ascoltata.

Annunciati i primi artisti che si esibiranno:

Caparezza, già protagonista lo scorso anno, i Marlene Kuntz, la rock band dalla forte vena cantautorale che ha da poco tagliato il traguardo dei 20 anni di vita; il teatrale cantautore romano Mannarino, Nina Zilli (che regalerà al pubblico i suoi vocalizzi magnetici rivestiti da una prepotente vena soul) e il tarantino Antonio Diodato.

L'obiettivo è quello di partire dalla musica per sviscerare i problemi che divorano Taranto e non solo. Il fulcro di tutto sarà il disastro ambientale, economico, professionale e intellettuale ma anche la voglia di rilancio di chi vive questa splendida città.

Quella del Primo Maggio, infatti, è prima di tutto un'occasione. La parola d'ordine è FARE, rimboccarsi le maniche per scongiurare il tracollo politico ed economico di una città simbolo di tutte le lotte italiane di chi vuole un futuro diverso. Nei prossimi giorni verranno ufficializzate altre partecipazioni di artisti, intellettuali e protagonisti della società civile che animeranno l'intera giornata del Primo Maggio tarantino presso il Parco Archeologico delle mura greche. L'evento è promosso completamente dal basso e tutti coloro che ne prenderanno parte lo faranno a titolo gratuito.

Gabriele Palumbo

"Non sono quasi mai serio, e sono sempre troppo serio. Troppo profondo, troppo superficiale. Troppo sensibile, troppo freddo di cuore. Io sono come un insieme di paradossi." — Ferdinand de Saussure

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up