"Mulieribus", il coraggio delle donne in mostra a Grottaglie

Verrà inaugurata, sabato 7 marzo alle ore 18:00 a Grottaglie, la seconda mostra d'arte dedicata alle donne, "Mulieribus - Il coraggio di essere donna".

La mostra, ideata dal prof. Oronzo Mastro, sarà allestita presso la Bottega Mastro sita in via Messapia 42. L'evento, che avrà come madrine la direttrice della Casa Circondariale di Taranto, dott.ssa Stefania Baldassarre ed il dirigente scolastico del liceo artistico, prof.ssa Brigida Sforza, è stato organizzato in collaborazione con Raffaella Caso e Anna Rita Palmisani.

Trentatre artisti, provenienti da tutta Italia, esporranno le loro opere suddivise in pittoriche, fotografiche, scultoree e ceramiche: Linda Acquaro, Eleonora Buscaglia, Alfredo Caldiron, Chiara Cerati, Francesco Chirico, GP Colombo, Gèrard Daran, Vincenzo De Filippis, Vittorio Di Leva, Franco Donatelli, Giuseppe Formuso, Guido Francone, Vito Leone, Maria Antonietta Leverone, Oronzo Mastro, Pionono Mazza, Enrico Meo, Rita Meo, Ciro Motolese, Flavia Neglia, Michele Pomes, Gennaro Orazio, Roberto Perrone, Gennaro Quaranta, Maria Rosaria Quaranta, Massimo Romani, Eduardo Spagnulo, Giovanni Spagnulo, Giuseppe Stefani, Graziano Tinti, Vanda Valente, Mimmo Vestita e XIXI Zhou.

"L'edizione di quest'anno", ha dichiarato Oronzo Mastro, "è dedicata al coraggio delle donne. È un riconoscimento che dobbiamo loro perché ad essere donna, anche nella nostra evoluta società (sembra assurdo), ci vuole coraggio. Sono veramente coraggiose le donne, anche se a noi maschietti riesce duro ammetterlo. Sono forti e coraggiose quando troppo spesso sono costrette ad allevare i figli da sole senza chiedere l'aiuto di nessuno; sono forti e coraggiose quando sopportano violenze inenarrabili per salvaguardare brandelli di famiglie ormai allo sfascio; sono forti e coraggiose le donne quando devono sopportare le ingiustizie di una società che nega loro, nel mondo del lavoro, quei diritti elementari che a noi uomini sono naturalmente riconosciuti; sono forti e coraggiose le donne quando mettono al mondo figli e dal loro ventre nascono esseri che non si chiamano donne, non si chiamano uomini, ma si chiamano speranza".

Lunedì 9 marzo alle ore 18:30, negli spazi della mostra, il prof. Mastro presenterà la lettura di quattro brani tratti dal libro "L'inganno della scimmia" di Francesca Bonazzoli. Ad interpretare Gustav Klimt, Artemisia Gentileschi, Jeanne Hébuterne e Suzanne Valadon, saranno Roberto Burano, Raffaella Caso, Antonella Mastro e Anna Rita Palmisani.

La mostra, che oltre ad ospitare le opere di artisti conosciuti, sarà anche un'occasione per scoprire nuovi talenti artistici, potrà essere visitata da sabato 7 marzo a domenica 22 marzo dalle ore 18:00 alle ore 21:00.

Ultima modifica ilMartedì, 03 Marzo 2015 09:49
Gabriella Miglietta

Una voce in più per la cittadinanza

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up