Grande successo per la serata finale di Apulia Film Festival

"Un cortometraggio che dimostra passato, vecchiaia, morte: cinematograficamente compiuto, che inquadra argomenti e sentimenti dolorosi in modo empatico e diretto".

In piena umanità, con questa motivazione la Giuria della I edizione di Apulia Film Festival, il Festival Internazionale di Cortometraggi – organizzato dall'Associazione Punto G Arte e promosso dal Comune di Crispiano, patrocinato dalla Regione Puglia, assessorato alle politiche agroalimentari ed Apulia Film Commission - ha assegnato ieri all'unanimità, nella serata conclusiva a Borgo San Simone a Crispiano (TA), il premio più ambito. Miglior corto è andato a "O que eu entendo por amor" di Ricardo Martins (Portogallo).
Invece il premio come miglior corto decretato dal pubblico, che con passione ha visionato dal 22 luglio i film in gara, è andato a "Mathieu" di Massimiliano Camaiti (Francia).
La giuria composta Anna Ferruzzo, Massimo Wertmuller, Paola Freddi, Claudio Bartolini e Vito Palmieri, presieduta dal giornalista e critico Maurizio Di Rienzo, ha assegnato anche due menzioni speciali. Miglior attore a protagonista a Taha Mohammidi del corto "More than two Hours" di Ali Asgari (Iran) e migliore attrice Isabele Simoes del film "What love means to me".
Si conclude così la fortunatissima prima edizione di Apulia Film Festival con un grande successo di pubblico e critica. Nell'ultima serata del festival tante le presenze a piazza Martellotta per la premiazione.
"Il bilancio di questa edizione è sicuramente positivo – conclude Marco Giuseppe Albano, direttore artistico del festival - Siamo molto soddisfatti della selezione dei film in concorso e della grande partecipazione del pubblico. In questi giorni si sono create sinergie e sono nate nuove amicizie. Bisogna mantenere lo stesso entusiasmo, presupposto indispensabile per organizzare una seconda edizione di Apulia film Festival. Quindi devo ringraziare chi ci ha creduto fin dal principio e chi continua a crederci ancora
Durante la tre giorni si sono susseguite attività cinematografiche, culturali ed enogastronomiche. Tanti i nomi importanti che hanno colorato la prima edizione di Apulia Film Festival: Bianca Guaccero (madrina d'eccezione) Alessandro Haber, Carlo Delle Piane, Marco D'Amore, Paolo Sassanelli, Giorgia Wurth, Le ragazze del Porno, Antonio Gerardi ed il produttore Alessandro Cannavale.

Gabriele Palumbo

"Non sono quasi mai serio, e sono sempre troppo serio. Troppo profondo, troppo superficiale. Troppo sensibile, troppo freddo di cuore. Io sono come un insieme di paradossi." — Ferdinand de Saussure

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up