Il programma della coalizione di centro sinistra "Ali e Radici"

«Nel programma la nostra forza ed il futuro della nostra città». Così il candidato sindaco della coalizione "Ali e Radici", Pierluigi Di Palma, presenta il progetto che ispira la sua candidatura.

Un programma, visionario e pragmatico, che guarda al cambiamento e disegna un futuro diverso per Grottaglie, concepito e condiviso dalla coalizione di centro sinistra composta dal Partito Democratico, Volare Alto, Grottaglie Popolare, La Puglia in più e il gruppo dei Popolari (Comunità Reale, Centro Democratico, Libera...Mente, Unione di Centro).

Il progetto di Ali e Radici, coalizione fondata e animata dai principi fondamentali del centro sinistra, in particolare della solidarietà, tutela ambientale, sviluppo ecocompatibile, nasce dalla volontà di garantire alla città prospettive nuove di crescita economica ed occupazionale, con l'obiettivo di poter consegnare alle nuove generazioni, una città riqualificata che, sin dall'insediamento della nuova amministrazione, abbia la capacità di invertire un trend di lento ma inesorabile declino, sapendo intercettare, positivamente, le potenzialità di sviluppo da ricercare, oltre che nella ceramica e nell'agricoltura, anche nell'innovazione tecnologica e nel turismo, con la realizzazione, altresì, del marchio di qualità "Grottaglie".

Per dare concretezza a tale visione, è stato elaborato un programma dal titolo "Sviluppo ecosostenibile e solidale per dare un futuro alle nuove generazioni della Città" articolato per dossier - verso una smart city: un alfabeto da ricordare dalla a alla z - che illustra la serie di interventi pragmatici, pensati per rilanciare la città già in fase di avvio dell'attività politica, segnando un forte cambio di passo, anche di carattere culturale. Ventisei idee per altrettanti obiettivi, per dare un futuro alla città di Grottaglie, dai temi occupazionali, alle questioni ambientali e sanitarie, dalle prospettive urbanistiche al rilancio del settore turistico, agricolo e ceramico. A questi dossier, si affiancano i quattro pilastri tematici che sintetizzano i temi fondamentali che devono essere presidiati dalla nuova amministrazione nell'arco temporale della durata del mandato:

• Salute e socialità
• Lavoro e impresa
• Territorio ed ecologia
• Ente civico

I concetti posti al centro del programma sono, tra l'altro, la creazione di una Smart City: una realtà urbana sostenibile, ecologica ed innovativa, che parte dalla riqualificazione urbana e del centro storico cittadino per giungere al rilancio turistico commerciale e imprenditoriale dell'intera città; contrastare la crisi dell'ILVA attraverso un progetto di sviluppo economico, sociale ed occupazionale ecocompatibile ed innovativo che abbia come punto di forza la nascita di sinergie positive tra il porto di Taranto e l'aeroporto di Grottaglie, pensando alla prima Port Authority italiana, e la creazione di un distretto tecnologico con cui la città possa esprimere al meglio il proprio potenziale di innovazione e sviluppo; il sostegno alle imprese agricole ed artigiane con la realizzazione del marchio "Grottaglie"; la promozione della rappresentatività istituzionale della città nell'ambito amministrativo territoriale e nazionale.

"È questa la vera sfida della nostra candidatura, l'interruzione del declino della nostra città attraverso interventi ed azioni sostanziali che producano risultati nel breve termine" ha dichiarato di Palma "e perché questo sia possibile, è necessario intervenire e migliorare la città nel suo insieme affinché il cambiamento sia insieme sociale, economico, culturale, civico e ambientale."

In sintesi, il programma guarda al futuro delle nuove generazioni di Grottaglie per cui andar via dovrà essere una scelta ma non un obbligo e per questo motivo, la candidatura di Di Palma costituisce un'occasione preziosa per Grottaglie i suoi cittadini e per il futuro del territorio.
In ogni caso, Di Palma e la coalizione da lui guidata hanno cominciato, sin da ora, a confrontarsi con due tra le istanze realmente cruciali per Grottaglie, su tutte, la questione della riconversione dell'Ospedale San Marco ed il problema ambientale e sanitario legato alla discarica. Due storie altamente significative per la città, e simboli di due dei temi centrali del programma di Ali e Radici: la salute e l'ambiente.

Grazie all'impegno di Di Palma e della coalizione, si sono aperte nuove prospettive che fanno sperare a risoluzioni positive, a seguito del lavoro di interazione e confronto istituzionale con i centri di interesse responsabili a livello regionale e nazionale. In particolare, nel caso dell'Ospedale San Marco, dal momento che la delibera regionale è da ritenersi inefficace, ogni decisione è da rimandarsi, "a bocce ferme", ad un confronto della Presidenza della Regione con il nuovo Sindaco. Per quanto concerne la discarica, il movimento Volare Alto, che affianca il candidato Sindaco in questo percorso di rinnovamento della città, ha organizzato il prossimo 14 maggio un importante convegno intorno agli scenari di sostenibilità ambientale e di tutela sanitaria della città di Grottaglie con la partecipazione, tra gli altri, dell'avv. Stefano Leoni, autorevole riferimento del mondo ambientalista nazionale.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up