L'allarme del Sindaco Alabrese: "Con la manovra a rischio i servizi essenziali"

 

Si abbatte sugli enti locali la scure dei pesanti tagli imposti dal Governo nazionale a seguito della recente manovra finanziaria.
Il Decreto-Legge 138/2011 del 13 Agosto scorso, noto come “manovra di Ferragosto”, un intervento da 45,5 miliardi di euro che dovrebbe discutibilmente produrre il pareggio di bilancio nel 2013, rischia di produrre danni incalcolabili anche per enti con conti in ordine come il Comune di Grottaglie.
A rendere noto l’impatto della manovra è una nota a firma del Sindaco della Città di Grottaglie Ciro Alabrese e dell’Assessore al Bilancio, Patrimonio, Servizi finanziari del Comune di Grottaglie, Anna Ballo.
“Questo decreto – sottolinea l’Assessore Anna Ballo - evidenzia ancora una volta in quale stato di confusione versi la compagine governativa e quanto ci si senta orfani di una classe dirigente che risulti sufficientemente autorevole nel panorama nazionale e internazionale. Pare che al Ministero dell’ Economia e delle Finanze si scelga sempre e solo di colpire le fasce sociali più deboli, giovani, donne, lavoratori dipendenti e anziani in testa, tanto che le tardive e forse insufficienti disposizioni della manovra-bis provocheranno altre tasse locali accompagnate da inevitabili ridimensionamenti sostanziali nell’erogazione dei servizi pubblici.
Già la manovra dell’agosto del 2010 operava tagli ai trasferimenti erariali per gli anni 2011, 2012 e 2013, in riferimento al Comune di Grottaglie, pari rispettivamente a 742 mila euro per il 2011 ed a 1.237 mila euro per gli altri due anni seguenti. Aggiungendo ancora gli effetti della Riforma sul federalismo fiscale ai sensi del D.Lgs. 23/2011 in termini di imposte sostitutive, a conti fatti, al nostro Comune non tornano altri 300 mila euro circa, per un ammontare totale di mancate entrate pari a oltre un milione di euro per il solo 2011.
A quelli già elencati, si sommano gli ennesimi tagli di questa ultima manovra correttiva che, da ragionevoli proiezioni - suffragate anche da diversi osservatori - per il Bilancio del Comune di Grottaglie potrebbero sfiorare i 2.400 mila euro per il 2012 e altrettanti per il 2013”.
Considerazioni, queste, accolte dal Sindaco Ciro Alabrese, che rimarca come “siano a serissimo rischio le erogazioni di servizi essenziali per la comunità”.
“Gli enormi sacrifici imposti agli Enti Locali – sottolinea il Primo Cittadino di Grottaglie – tendono a penalizzare, attraverso l’ente, le condizioni di vita delle famiglie e dei ceti sociali più deboli, senza peraltro alcuna valida prospettiva di restare indenni da speculazioni finanziarie e senza alcun provvedimento di crescita dell’economia del Paese: sugli Amministratori locali responsabili e determinati a soddisfare gli interessi collettivi dei propri concittadini si preannuncia, di conseguenza, il gravare di paradossali e incessanti sforzi di gestione delle ormai esigue risorse amministrabili dagli Enti Locali. A questo ci opporremo chiedendo, come altri Comuni e l’Anci stessa, anche in sede parlamentare una immediata revisione dei tagli operati e delle norme inerenti il Patto di Stabilità”.
Ultima modifica ilVenerdì, 30 Settembre 2011 23:17
Redazione

La Redazione di Grottaglie 24: un team affiatato di giovani, in continuo movimento e sempre alla ricerca di nuove risorse. Notizie, eventi, community e tanto altro ancora.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up