Santoro risponde all'Udc Giovani: "La politica non e' un gioco da ragazzi" In evidenza

"Leggere ciò che hanno scritto i giovani dell'Udc in merito ai movimenti ondivaghi del consigliere Marinelli - scrive Michele Santoro (Grottaglie Prima di Tutto) - mi riempie di sgomento e al tempo stesso mi si intenerisce il cuore nel vedere questi ragazzi così impegnati in politica, visibilmente spersi  e confusi in quanto inesperti e senza un mentore capace di intendere e volere nel fare politica e quindi insegnare loro la vera essenza della stessa politica, finalizzata al bene comune". Nel comunicato stampa dei Giovani Udc, firmato dal segretario Giuseppe Russo ( e pubblicato lo scorso venerdì 13 aprile), l'Unione di Centro dei giovani grottagliesi palesava il suo pieno appoggio al consigliere comunale Giovanni Marinelli, al centro delle polemiche per il suo reintegro nel partito dopo esserne uscito per entrare a far del gruppo misto, "A questi giovani - prosegue Santoro - mi permetto di suggerire un'azione politica più incisiva e consapevole,  in cui far valere il  vero progetto politico, lo stesso in cui Marinelli ha creduto, facendo parte della coalizione Grottaglie oltre. Marinelli mi sembra come un asino in mezzo ai suoni, dove tutti lo tirano per la capesa e lui, sempre più confuso, si fa abbindolare da promesse fatue e fuori da ogni  probabile realizzazione dei suoi desiderata". Santoro conclude poi con uno slogan: "La politica si fa con le tre C: concretezza, coerenza e competenza. Non è un gioco da ragazzi o da politici improvvisati". 

 

 

Ultima modifica ilMercoledì, 18 Aprile 2012 10:11
Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up