Morte del bracciante agricolo a Nardò, Stefàno (SEL): "La lotta al caporalato ci vede ancora perdenti"

"La lotta al capolarato è una delle grandi sfide della Puglia, che per ora ci vede ancora perdenti. La morte del giovane sudanese nelle campagne assolate di Nardò ce lo ricorda impietosamente". È il commento del senatore Dario Stefàno alla notizia della morte del bracciante stroncato da un malore durante la raccolta dei pomodori nelle campagne tra Nardò e Porto Cesareo.

"E' una battaglia che per essere vinta – prosegue Stefàno – deve essere combattuta collettivamente, con il coinvolgimento di tutti gli anelli della catena, altrimenti non ce la faremo mai, continueremo a subire la vittoria delle logiche di sfruttamento, qui in una regione che ha fatto tanto in questi anni per affermare i diritti dei lavoratori".

"La morte del giovane sudanese fa rabbia e addolora: era un immigrato con regolare permesso di soggiorno, stroncato dal caldo e dalla ferocia delle "regole" del lavoro nero. Ci affidiamo alle Forze dell'Ordine e alla Magistratura affinché le responsabilità vengano accertate, per restituire un briciolo di giustizia ad una morte ingiusta".

"La Puglia tutta però si indigni – conclude Stefàno - e non si arrenda: deve continuare il lavoro di qualificazione delle produzioni, applicare il principio di sostenibilità e diventare sempre più presidio di legalità".

Carmelo Antonazzo

Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario.

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up