Forte scossa a Palazzo di città: l'assessore Annichiarico lascia il suo incarico In evidenza

"In data odierna ho formalmente consegnato nelle mani del Sindaco Ciro Alabrese le mie dimissioni dalla carica di Assessore ai Lavori Pubblici."

 

Risoluto e lapidario l'oramai ex Assessore ai Lavori Pubblici Alfonso Annicchiarico nel comunicare alla città la sua decisione di lasciare il suo incarico a Palazzo di Città che continua esponendo le ragioni della sua scelta: "Questa decisione e’ la naturale conseguenza della scelta che ho maturato, senza non poca sofferenza, di lasciare il Partito Democratico che fino ad oggi ho rappresentato all’interno dell’esecutivo."

Una doccia fredda per il sindaco Alabrese che perde così uno dei migliori elementi della sua squadra di governo. Ma Annicchiarico è molto più duro con il suo ex partito che con lo stesso sindaco.
"Un partito nel quale dopo vari anni di militanza non mi sento piu’ a mio agio, tanto da sentirmi un ospite in casa mia. Un partito distratto da problematiche interne che nulla hanno a che fare con la buona politica e l’interesse comune, che pesantemente stanno condizionando l’azione di questa amministrazione, che sconta tra l’altro la mancanza di una guida ferma in consiglio comunale. La situazione venutasi a determinare, mi impone di operare tale scelta, per il rispetto che devo a quegli elettori che, anche in ragione della mia appartenenza politica, mi hanno accordato la preferenza nell’ultima tornata elettorale. Tra l’altro non sarebbe giusto continuare ad occupare una posizione di visibilita’, un incarico remunerato, un ruolo che e’ in quota al Partito di maggioranza senza la giusta serenita’, per una serie di cause squisitamente politiche."

Una decisione che fa onore all'assessore uscente ma che apre un serio dibattito interno nel PD grottagliese, "rinnegato" da un membro del suo direttivo.

Alabrese, d'altro canto, si trova alle prese con un'importante poltrona vacante ma, stando alle voci di corridoio, si potrebbe trattare solo di un'anticipazione dei tempi poiché all'orizzonte sembrava già esser previsto un reimpasto di giunta. Oltre ad Annicchiarico, infatti, sebra fosse prevista la sostituzione di Guarini e Santoro.

Le motivazioni di questo reimpasto potrebbero essere molteplici e una di queste potrebbe essere quella di fronteggiare l'immobilità che oramai contraddistingue questa giunta. D'altra parte potrebbe esserci la necessità di sostituire elementi scomodi o preparare il terreno a future alleanze per le prossime elezioni amministrative.

Solo il tempo potrà chiarire le dinamiche che in queste ore stanno facendo andare in fibrillazione l'apparato politico della città di Grottaglie.

Ultima modifica ilSabato, 20 Giugno 2015 22:45
Vincenzo Quaranta

Editore del portale di informazione online Grottaglie24.it

Umiltà, quella bassa, dolce radice, dalla quale tutte le virtù celestiali hanno origine.

Tommaso Moro

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up