Ospedale. Il Sindaco Alabrese: "Ora il San Marco ha un compito di grande responsabilita'"

 

I tagli nella sanità pugliese, resi necessari dal deficit accumulato, sembrano non toccare per il momento il nosocomio di Grottaglie.
La scure degli accorpamenti e delle sospensioni che sta attraversando l’Asl pugliese – e in particolare quella jonica – affida però all’Ospedale San Marco un ruolo di grande responsabilità.
La delibera emessa dalla direzione generale dell’Asl tarantina accorpa di fatto i reparti di pediatria, ginecologia ed ortopedia del San Marco e del Giannuzzi, sospendendo il nido e il punto nascita di Manduria, alle esigenze del quale dovrà supplire temporaneamente la struttura di Grottaglie.
Un atto che, sottolinea un comunicato del Comune di Grottaglie, "delinea un nuovo modello di sanità del territorio e che sprona, in un periodo così difficile, il personale medico e infermieristico del San Marco, chiamato ad un ruolo straordinario a fronte delle emergenze e dei tagli imposti dal piano di rientro dal deficit sanitario."
“Esprimiamo apprezzamento – rimarca il Sindaco di Grottaglie – per il complicato e difficile compito espletato dal D.G. dell’Asl Taranto Fabrizio Scattaglia, nell’aver elaborato per i mesi di novembre e dicembre una soluzione che, nonostante sospensioni e accorpamenti di servizi, è chiamata a corrispondere alle esigenze sanitarie dell’intero territorio, malgrado il dimezzamento delle risorse economiche spendibili.
La proposta di Scattaglia affida all’Ospedale San Marco un ruolo importante nel fronteggiare questo periodo di forte emergenza, riconoscendone a pieno titolo eccellenze e professionalità. Un compito di alta responsabilità, quello affidato a Grottaglie, che va onorato fino in fondo da medici e infermieri, chiamati ora ad una risposta straordinaria di lavoro e impegno, che siamo certi non rimarrà inespresso.”
Redazione

La Redazione di Grottaglie 24: un team affiatato di giovani, in continuo movimento e sempre alla ricerca di nuove risorse. Notizie, eventi, community e tanto altro ancora.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up