Logo
Stampa questa pagina

Sangue operaio, a Grottaglie torna "Il Mostro" di De Marco

Oggi, 17 novembre 2015, altro sangue operaio è stato versato nello stabilimento siderurgico Ilva di Taranto.

Ovunque può capitare di perdere la vita sul posto di lavoro ma, qui la morte sembra colpire troppo spesso.

Vengono in mente le dichiarazioni che, proprio pochi giorni fa, il commissario Ilva Piero Gnudi rilasciò in una sua intervista:" nella Legge di Stabilità è prevista una garanzia dello Stato all'Ilva per 800 milioni di euro, denaro che servirà per adeguarsi al piano Aia (in scadenza nell'agosto 2016)" ed ancora " l'Ilva è uno degli stabilimenti siderurgici più efficienti presenti in Europa. Buttarlo all'aria significherebbe bruciare 18-20 miliardi di euro".

Ambiente e soldi. Al posto di questi ultimi forse sarebbe stato meglio menzionare la sicurezza degli operai. Prima di permettere lo scempio dell'aria che respiriamo dove erano coloro che potevano far qualcosa? Le norme circa l'ambiente vengono conosciute solo ora? Le strutture presenti in azienda sono sicure per i nostri lavoratori? Intanto l'ennesimo corpo di un uomo, questa mattina, giaceva a terra per una sciagura avvenuta in azienda. Per incidente o per malattia, troppe sono le vittime del "mostro".

Mostro come è stato propriamente soprannominato il siderurgico tarantino da un poeta grottagliese, Vincenzo De Marco (alias Vincent Cernia) che, da mesi, fa conoscere in tutta Italia (anche nelle scuole) la sua opera "Il Mostro – di rabbia e d'amore", della quale proprio domenica 22 novembre 2015 ci sarà la presentazione a Grottaglie.

Nel libro egli racconta i lavoratori, gli amici, la famiglia, le sue passioni. Dolore, morte e amore su versi che, seppur apparentemente deliranti, sono lucidi ed onesti, descrittivi di piccoli frammenti di vita che a troppi è stata strappata precocemente.

L' evento si svolgerà nella sede dell'Associazione Turistica Pro Loco sita in via Vittorio Emanuele II a partire dalle ore 19:00 e vedrà la partecipazione di Gianfranco Curto (che mostrerà il video fotografico sull'Ilva da lui stesso realizzato), l'allevatore Vincenzo Fornaro, Daniela Spera della legamjonici, Alessandro Marescotti di peacelink, il giornalista Cataldo Miccoli ed il Presidente della Hermes Academy e Arci gay Taranto Luigi Pignatelli. Esporrà un suo dipinto a tema Irene Pia Morelli.

Ingresso libero.

Gabriella Miglietta

Una voce in più per la cittadinanza

Email: [email protected]

Progetto realizzato da Cinetyk. Tutti i diritti riservati.