Oltre le barriere!

Tita Banner Site

La storia della musica ci ha mostrato che al contrario di ogni aspettativa, la disabilità fisica non è assolutamente un limite. Molti musicisti hanno saputo ricavare dai propri limiti dei punti di forza.


Il desiderio di vivere la musica in prima persona, il bisogno di suonarla, la gioia di comporla ed eseguirla, il grande bisogno di esprimersi, hanno permesso a molti artisti di superare i propri limiti fisici.
Persone a cui è stato tolto il dono di poter vedere luci e colori, persone che vedono solo il buio. Persone che non possono sentire alcun suono che percepiscono unicamente l'energia di una vibrazione.
Tanti gli artisti non vedenti e sordi che hanno lasciato un segno indelebile nella storia della musica.
Ricordiamo Stevie Wonder, un genio del pop, cantautore, polistrumentista e compositore statunitense. Stevie Wonder è cieco dalla nascita a causa di un problema alla retina e per via delle eccessive quantità d'ossigeno assorbite da Stevie nell'incubatrice alla nascita.
Non possiamo non citare musicisti come Bocelli e Ray Charles. Entrambi persero la vista a causa di un glaucoma. Charles aveva perso la vista gradualmente da bambino. La malattia degenerò dall'età di cinque anni, per diventare cecità irreversibile all'età di sette anni. Bocelli invece è stato cieco fin dalla nascita solo dall'occhio sinistro. La cecità totale arrivò quando il cantante aveva solo cinque anni, a causa di una pallonata nell'occhio destro. Nonostante svariati tentativi medici non ci fu nulla da fare per salvare la vista al cantante. Fu allora che la madre scoprì che l'unico modo per consolarlo dai dolori agli occhi era fargli ascoltare musica classica.
Grandi artisti che hanno saputo trovare la propria forza nonostante le disabilità.
E Beethoven? Tutti sappiamo che era totalmente sordo. Iniziò a studiare musica quando ancora sentiva bene, ma intorno all'età 30 anni l'udito cominciò a dargli dei problemi.
Si dice che Beethoven taglio la gambe del suo pianoforte in modo che toccasse terra, in questo modo mettendo l'orecchio sul pavimento riusciva a percepirne le vibrazioni. Questo funzionò fin quando non divenne completamente sordo. Ma fu proprio quando perse completamente l'udito che compose le sue più grandi opere.
Per poter comprendere basterà pensare la musica in termini di capacità e non di limiti!

Cira Cavallo

La musica esprime ciò che è impossibile da dire e su cui è impossibile tacere

Victor Hugo

Sito web: [email protected]
Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up