Il diritto alla salute In evidenza

 

Il 31 ottobre il Consiglio Comunale di Grottaglie ha discusso e approvato un ordine del giorno sui rischi che continuano ad incombere sull’ospedale “San Marco” e sui gravi e pesanti pericoli che gravano sulla sanità pugliese e tarantina in particolare.
 
Per quanto riguarda l’ospedale di Grottaglie il Consiglio Comunale ha stigmatizzato il discutibile e ingiustificato intervento del dott. Menza, Direttore Medico del presidio ospedaliero orientale-Grottaglie che, con un ordine di servizio, sospende da oggi l’attività chirurgica e tre dirigenti medici di chirurgia sono stati trasferiti presso altre strutture ospedaliere.
In pratica si vuole riportare il reparto chirurgia da H24 a day-surgery.
Con quell’ordine di servizio, in sostanza, si torna a depotenziare il nosocomio grottagliese con inevitabili ripercussioni negative sul diritto alla salute dei cittadini. Ma è ancora più grave perché si sta violando una sentenza del TAR che ha imposto all’ASL, per tale reparto, il funzionamento H24.
 
Il tutto si tenta di giustificarlo con i problemi legati alla scadenza dei contratti a tempo determinato di medici ed infermieri che, ovviamente, è un problema reale, ma che va affrontato a livello regionale e nazionale con la massima attenzione e con lo sguardo rivolto alla gravissima situazione sanitaria in cui versa Taranto.
Nessuno può permettersi di sottovalutare la drammatica realtà che vive Taranto e la sua provincia dal punto di vista sanitario, alla luce anche degli agghiaccianti risultati del rapporto del Ministero della Salute “Sentieri”, resi noti recentemente dal ministro Renato Balduzzi.
Dati che ci dicono che la gestione della salute a Taranto non può essere affrontata, con burocratica freddezza matematica in una comunità che è stata martoriata da anni di inquinamento.
 
Per questo è importante e va sostenuto il lavoro che stanno egregiamente portando avanti la Conferenza dei Sindaci ed anche i parlamentari e i consiglieri regionali tarantini. Bisogna chiedere con forza e determinazione un adeguato e diverso trattamento per Taranto con opportune deroghe alle disposizioni di legge.
 
Cittadini ed istituzioni devono chiedere con forza il diritto alla salute con una adeguata offerta sanitaria.
Devono tornare a fare sentire la loro voce e la protesta per evitare che, oltre al danno per la salute, si aggiunga la beffa di vedere mettere in discussione un risultato ottenuto con unitarie iniziative di lotta quale è la salvaguardia dell’ospedale “San Marco” di Grottaglie.

 

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up